Logo Sportellate
Turchia-Portogallo
, 22 Giugno 2024

Il Portogallo manda un messaggio all'Europa


Il Portogallo schianta la Turchia con una grande partita e si prendono gli ottavi di finale.

Secondo il quotidiano portoghese O Jogo, i tifosi turchi sugli spalti del Westfalenstadion di Dortmund per Turchia-Portogallo sono stati 36'000, a fronte di 12'000 portoghesi. Neanche questa grande cornice di pubblico, specchio della grande quantità di turchi che vivono in Germania, è stata però sufficiente a fermare il Portogallo, che ha battuto per 3-0 la Turchia con una grandissima prestazione conquistando la matematica qualificazione agli ottavi da primi nel girone.

Certo, bisogna dire che la nazionale di Vincenzo Montella non ha fatto granché per esaltare i suoi tifosi: la partita dei turchi è finita con un'occasione fallita da Akturkoğlu a pochi minuti dal fischio d'inizio, perché dopodiché c'è stato un dominio lusitano. Hanno fatto la differenza anche le esclusioni di Güler e Yildiz dall'undici titolare? Forse, ma la Turchia è parsa incapace di entrare in zona di rifinitura risultando troppo vulnerabile, al contrario, quando gli avversari si avvicinavano alla loro area di rigore. Insomma, un importante ridimensionamento dopo il convincente 3-1 rifilato alla Georgia nella gara della prima giornata, che porterà la Turchia a giocarsi con la Repubblica Ceca il secondo posto nel girone.

Benissimo invece il Portogallo, che forse non ha la qualità di gioco di Spagna e Germania ma che non dà neanche l'impressione di affidarsi principalmente alle invenzioni dei singoli, al contrario di ciò che hanno fatto vedere finora Inghilterra e Francia. L'1-0 lo segna Bernardo Silva, il 2-0 nasce da una clamorosa incomprensione tra Akyadin e il portiere turco Bayindir, che porta a un autogol veramente incredibile. Il 3-0, invece, viene firmato, nel secondo tempo da Bruno Fernandes.

Ancora a secco Ronaldo, che però è parso molto meno egoista di quello a cui ci eravamo abituati: il fuoriclasse di Funchal - forse - ha capito che l'ossessione per il gol e solo per quello diventa deleteria per la squadra e, al contrario dell'ultimo Ronaldo europeo, è parso molto attivo nella costruzione della manovra e anche in fase di non possesso, ma anche sereno e soddisfatto, pur nella sua immortale ambizione. L'emblema di ciò è stato quanto successo sul terzo gol del Portogallo: Ronaldo si ritrova davanti a Bayindir ma, invece di tirare, la appoggia a Bruno Fernandes che segna a porta vuota. Con questo assist, tra l'altro, Ronaldo è diventato il miglior uomo assist della storia degli Europei (ne ha messi a segno otto).

Bene anche Nuno Mendes, autore dell'assist che ha portato all'1-0 di Bernardo Silva, e benino Leão, che è stato però sostituito a fine primo tempo dopo aver ricevuto un (esagerato) giallo per simulazione, il secondo in due partite. Chi si è distinto più di tutti è però Pepe, autore di una prestazione difensiva perfetta dall'alto dei suoi quarantuno anni. Più in generale, dopo il 2-1 alla Repubblica Ceca maturato solo grazie a un gol nei minuti di recupero, il Portogallo aveva bisogno di certezze e questa partita sicuramente gliele ha date, confermando che gli uomini di Martinez devono essere tenuti d'occhio da tutti. Adesso i lusitani sfideranno la Georgia in una partita che per loro non avrà una grossa importanza (ma non per la Georgia, che necessita di una vittoria) prima di giocare a Francoforte un ottavo di finale contro una terza classificata.


L'Europeo di Sportellate non è solo articoli e considerazioni sparse! Potete infatti acquistare il nostro magazine con le guide a Euro 2024, ascoltare il nostro podcast Charisteas o iscrivervi alla nostra lega del FantaEuropeo..


  • Nato nel 2005. Appassionato di allenatori, nazionali e allenatori delle nazionali.

Ti potrebbe interessare

Pecunia non olet

I rapporti tra Euro 2024, Qatar e Cina vanno oltre alle singole sponsorizzazioni

Qual è la miglior canzone ufficiale degli Europei?

Dal peggiore al migliore, i brani che hanno accompagnato le ultime nove edizioni del torneo.

Perché agli Europei non si fa la finale 3°/4° posto?

Colpa dell'Italia e di Antonin Panenka.

Dani Olmo agente del caos

In Spagna-Germania, il suo ingresso per l'infortunio di Pedri è stato decisivo

Dallo stesso autore

I bambini non giocano più per strada?

L'Italia viene eliminata dagli Europei e rieccoci con la solita retorica un tanto al chilo.

Il calcio è senza confini, intervista a Stefano Cusin

Una chiacchierata con un giramondo, attualmente CT delle Comore.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Guida ai playoff di Serie C

Tutto ciò che vuoi sapere sui playoff per la B.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu