Logo Sportellate
Turchia-Georgia
, 18 Giugno 2024

Turchia-Georgia: gioia, difetti e spettacolo


Turchia-Georgia è stata l'occasione per innamorarsi, una volta per tutte, di Euro 2024.

È stato un esordio valoroso per la Georgia, al primo torneo internazionale della sua storia. La squadra allenata da Sagnol ha perso 3-1 contro la fluidità e l'organizzazione di una Turchia che ha dovuto far valere la maggiore distribuzione di talento lungo il campo. Le occasioni nel finale – il tiro masticato da Mikautadze, che ha finito per disturbare Kochorashvili, meglio piazzato di lui, e la punizione di Kvaratskhelia dalla trequarti sporcata da Davitashvili sul palo – sono nate dal caos degli ultimi minuti, ma sono anche un messaggio. La Georgia non è arrivata in Germania per essere una vittima sacrificale.

I primi minuti di Turchia-Georgia seguono il copione più naturale sulla carta: la Georgia si rintana nel suo blocco basso, un 5-3-2 con il solo Kvaratskhelia a supportare Mikautadze davanti, e la Turchia che tiene il pallino del gioco. I rossi colpiscono un palo con Aiyhan dopo una decina di minuti, ma è al ventiduesimo che riescono a sbloccarla. Al centro della ribalta c'è Mert Muldur e già questo potrebbe farvi chiedere quanto la realtà si sia trasformata in meme. Il gol del terzino del Fenerbahce è spettacolare: un collo pieno secco, con la palla colpita al volo, mentre scendeva dalla deviazione della difesa georgiana al cross dell'altro terzino, Kadioglu. Proprio il movimento "invertito" di Kadioglu è una buona sintesi della ricerca di calcio della squadra di Montella, i cui uomini sono lasciati spesso liberi di svariare.

Per tutto l'arco della partita, Turchia-Georgia è stata l'occasione buona per innamorarsi di Euro 2024, una volta per tutte. Due squadre che si sono affrontate a viso aperto, piene di giocatori-feticcio e dalla tecnica ammaliante. Due allenatori che hanno creato un'identità spiccata intorno alle rispettive nazionali, abbracciando i limiti e non provando necessariamente a oscurarli. Kvaratskhelia e Güler; Kochorashvili e Calhanoglu; per non parlare di Kokcu e Mikautadze. Due parole, in particolare, vanno spese per quest'ultimo: un attaccante brillante, che ha lavorato duro per tenere legata la Georgia, spezzata con gli 8 pretoriani della porta di Mamardashvili. Al di là del gol da rapace, Mikautadze ha giocato una partita intensa e pulita con il pallone. Insomma, l'eccentricità e la freakness al potere.

Chissà quanti giocatori al mondo avrebbero segnato lo stesso misterioso e debordante tiro a giro che ha consegnato la vittoria alla Turchia. Di certo, però, nessuno lo avrebbe fatto con la patina di magia che circonda Arda Güler, e il suo talento che già prima del suo approdo al Real Madrid sembrava da prestigiatore. Nella Turchia lui e Yildiz – due esterni offensivi nati nel 2005 – hanno grandi responsabilità creative, e questo se possibile aumenta la sensualità della manovra offensiva. Nel secondo tempo, con Guler che tagliava verso il centro e Yilmaz a compensare i suoi movimenti sull'esterno destro, è stato bello vedere giocare la Turchia.

Nel complesso il risultato di Turchia-Georgia è giusto, anche se il terzo gol è arrivato con l'assedio della Georgia e Mamardshvili salito in area per l'ultima mischia. Non mancano i rammarichi per Kvaratskhelia e compagni, ma è stato proprio il gioiello del Napoli a non riuscire a incidere. Spesso stretto verso il centro e poco ispirato, ha dato il meglio di sé nel finale, con un paio di dribbling a ridosso della linea laterale di sinistra, da cui – non a caso – sono arrivate ottime chances per il pareggio. La Georgia esordisce con una sconfitta, ma dopo una buona prestazione non può perdere fiducia nelle proprie qualità. Non è ancora detto niente.


  • Nato a Giugliano (NA) nel 2000. Appassionato di film, di tennis e delle cose più disparate. Scrive di calcio perché crede nella santità di Diego Maradona. Nel tempo libero studia per diventare ingegnere.

Ti potrebbe interessare

Pecunia non olet

I rapporti tra Euro 2024, Qatar e Cina vanno oltre alle singole sponsorizzazioni

Qual è la miglior canzone ufficiale degli Europei?

Dal peggiore al migliore, i brani che hanno accompagnato le ultime nove edizioni del torneo.

Perché agli Europei non si fa la finale 3°/4° posto?

Colpa dell'Italia e di Antonin Panenka.

Dani Olmo agente del caos

In Spagna-Germania, il suo ingresso per l'infortunio di Pedri è stato decisivo

Dallo stesso autore

Dani Olmo agente del caos

In Spagna-Germania, il suo ingresso per l'infortunio di Pedri è stato decisivo

Lettera d'amore a Fabián Ruiz

Dopo anni pieni di discontinuità, con Spagna e PSG ha trovato la sua dimensione.

Two Barella is megl che one

Il giocatore più importante dell'Italia, in entrambe le fasi.

La lezione che ci ha dato Gian Piero Gasperini

Il primo trofeo della sua carriera è coinciso con una lezione morale.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu