Logo Sportellate
EURO 2024: Florian Wirtz e Jamal Musiala sorridono dopo aver segnato dei goal contro la Scozia.

Troppa Germania per l’impotente Scozia


A Monaco, i tedeschi ridicolizzano i britannici.

Euro2024 comincia ufficialmente e lo fa nel migliore dei modi per i padroni di casa: il risultato del match inaugurale recita un secco 5-1 in favore della Germania che ha travolto una succube Scozia. Il divario tecnico è emerso già dai primi tocchi del pallone, con i tedeschi che hanno gestito il possesso per 90 minuti facendo correre a vuoto i giocatori di Steve Clarke. Segna tutto il tridente offensivo schierato dall'inizio da Naglesmann, con Füllkrug e Can che rincarano la dose nel secondo tempo. Futile, ai fini del risultato, l’autogol di Rudiger.

Fin da subito, il copione della partita è stato lampante per tutti gli spettatori, con la Germania in agile controllo e la Scozia pronta a ripartire sfruttando (e sperando) qualche riconquista in campo aperto. Per gli ospiti, però, la doccia fredda non tarda ad arrivare: Wirtz e Musiala portano la Germania sul 2–0 dopo solo 19 minuti. La partita si gioca ad una porta sola, con i tedeschi che prendono a pallonate la retroguardia scozzese che non riesce ad evitare la goleada. Al 40° minuto un match che già aveva poco da raccontare viene definitivamente chiuso, con Porteus che con un intervento killer ai danni di Gündoğan concede il penalty ad Havertz (che realizza, spiazzando Gunn) e lascia i suoi in inferiorità numerica. La ripresa non riserva sorprese, con Füllkrug che, da subentrato, sfonda la porta ad uno dei primi palloni toccati (e va vicino alla doppietta, annullata per fuorigioco). Poco prima del fischio finale la Scozia accorcia inutilmente un gap troppo ampio per riaprire i giochi con McKenna che devia il pallone sulla testa di Rüdiger: la palla carambola beffardamente alle spalle di un mai chiamato in causa Manuel Neuer. Nell’ultima azione disponibile, però, c’è gioia anche per Can, che insacca il pallone del 5-1 al 93°.

Se alla vigilia di questo campionato europeo la Germania riservava qualche dubbio circa le prestazioni che avrebbe offerto la prima gara ha dato ottimi segnali al CT Nagelsmann: la sua selezione ha fatto valere la qualità dei propri giocatori ed ha giocato un’eccellente partita. Il gioco dei tedeschi si è concentrato sul mantenere il possesso di palla con Tah e Rüdiger aiutati in particolar modo da Kroos nel dare il via alle azioni, sollevando Kimmich e Mittelstädt da incarichi d’impostazione e sfruttando le corsie laterali lasciate incustodite da una Scozia estremamente corta e stretta. Questo ha inoltre permesso ai fenomenali giocatori offensivi della Germania di svariare e di offrire diverse linee di passaggio, manovrando con pazienza la sfera e verticalizzando al momento giusto. Infatti, spesso si sono visti inserimenti da parte di Wirtz e compagni nel tentativo di sorprendere la retroguardia scozzese. Certo, la Scozia vista oggi non ha rappresentato un banco di prova attendibilissimo, ma la prestazione famelica ed estremamente concreta della Germania è assolutamente da sottolineare.

Il giocatore che più ha entusiasmato è senza dubbio Musiala, che, nonostante la giovane età, ha offerto una partita di un livello tale da sembrare un vero veterano di questo sport. Il malaugurato Ralston non lo ha mai tenuto ed è stato sverniciato a più riprese, con il talento del Bayern che ha dato un grande apporto alla manovra offensiva della sua Germania. Il secondo gol è suo: dopo un controllo magistrale di Gündoğan, il quale ha pescato Havertz in profondità, l’attaccante dell’Arsenal pareva avesse perso un tempo di gioco per concludere a rete; la sua sterzata, però, è stata efficace per servire a rimorchio proprio Musiala, il quale ha concluso a rete con violenza e precisione, trafiggendo un'incolpevole Gunn. Formidabile sono state le sue conduzioni di palla, con quest’ultima che sembrava calamitata ai suoi piedi ed impossibile da rubare. 

La Scozia difficilmente poteva ambire a fare risultato questa sera, visto l'evidente divario con la formazione tedesca, ma era più che legittimo aspettarsi qualcosa di più. Robertson e compagni hanno di fatto segnato senza effettuare nemmeno un tiro, dal momento che nel corso dei novanta minuti Neuer non è mai stato impegnato e l’unica rete è frutto di una deviazione avversaria su un colpo di testa di McKenna che difficilmente si sarebbe insaccato alle spalle del portiere del Bayern Monaco. Dunque, al cospetto di una cornice di pubblico mozzafiato (formata, tra l’altro, da molti tifosi scozzesi) la Germania ottiene tre punti e manda un segnale forte all’Europeo. La Scozia, per sperare in un passaggio del turno, deve senz’altro offrire qualcosa di diverso in vista della prossima partita con la Svizzera.

  • Nato a Venezia nel 2003, studia Scienze della Comunicazione a Verona. Si è avvicinato al mondo del calcio grazie alle repliche delle partite di Serie A su Rai Sport e a quelle del PSG su Sportitalia.

Ti potrebbe interessare

Pecunia non olet

I rapporti tra Euro 2024, Qatar e Cina vanno oltre alle singole sponsorizzazioni

Qual è la miglior canzone ufficiale degli Europei?

Dal peggiore al migliore, i brani che hanno accompagnato le ultime nove edizioni del torneo.

Perché agli Europei non si fa la finale 3°/4° posto?

Colpa dell'Italia e di Antonin Panenka.

Dani Olmo agente del caos

In Spagna-Germania, il suo ingresso per l'infortunio di Pedri è stato decisivo

Dallo stesso autore

Le ca-te-go-ri-e di Euro 2024

Alcune considerazioni tra i gironi e la fase a eliminazione diretta di Euro 2024

Tomáš Suslov, rapido ed elusivo

Il trequartista slovacco ha conquistato il Verona.

Éderson è dappertutto

Nel centrocampo dell'Atalanta di Gasperini e, ora, anche in quello della Seleção

I giocatori che hanno bisogno di Euro 2024

Sette giocatori che devono farsi notare a Euro 2024.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu