Logo Sportellate
Serie B Playoff
, 17 Maggio 2024

Guida ai playoff di Serie B


Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A

Venerdì 10 maggio la stagione regolare della Serie B di quest'anno si è chiusa con la promozione in massima serie del Parma di Fabio Pecchia, che si è dimostrata nettamente la squadra più forte del campionato, e del Como, tornato in massima serie per la prima volta dal 2002 grazie al pareggio casalingo contro il Cosenza e alla contemporanea sconfitta del Venezia a La Spezia, che ha mandato in paradiso i comaschi dei fratelli Robert e Micheal Hartono, magnati indonesiani che dispongono di un patrimonio complessivo di 50 miliardi di dollari, e ai playoff i lagunari, che si sono dovuti arrendere dopo aver cullato a lungo il sogno della Serie A diretta.

I playoff, appunto: venerdì 17 maggio prenderà il via l'ultima fase di questa stagione di Serie B, che si concluderà domenica 2 giugno e decreterà la terza promossa in Serie A. Con questo articolo andremo ad approfondire meglio tutti gli aspetti delle gare che ci attendono, facendo in modo che ci possiate arrivare preparati.

Il format

Il format dei playoff non è particolarmente complicato, a differenza di quello dei playoff di Serie C: partecipano le squadre classificatesi dal terzo all'ottavo posto (anche se in caso di un distacco maggiore di 14 punti tra la quarta e la terza quest'ultima sale direttamente in Serie A), che quest'anno sono state, in ordine, Venezia, Cremonese, Catanzaro, Palermo, Sampdoria e Brescia. Inizialmente ci sono i due turni preliminari, che vedono sfidarsi la quinta contro l'ottava e la sesta contro la settima in gara secca. In caso di pareggio nei novanta minuti si andrà ai tempi supplementari, dove in caso di ulteriore pareggio sarà la squadra meglio classificata a passare il turno. Ci sono poi le semifinali, dove la terza classificata sfida la vincente della gara tra la sesta e la settima e la quarta classificata sfida la vincente della gara tra la quinta e l'ottava. Si giocano due gare di andata e ritorno, in cui in caso di pareggio complessivo a passare il turno sarà la squadra meglio classificata. Discorso simile per la finale, che va in scena anch'essa in gare di andata e ritorno e che in caso di pareggio complessivo premia con la promozione in Serie A la meglio classificata.

Lo scorso anno

I turni preliminari dei playoff della Serie B dello scorso anno sono stati vinti da Südtirol e Cagliari, abili a sconfiggere in casa, rispettivamente, la Reggina per 1-0 e il Venezia per 3-1. Le semifinali hanno visto il Bari terzo classificato eliminare il Südtirol grazie a un 1-1 complessivo, frutto della vittoria per 1-0 dei bolzanini nella gara di andata e dello stesso risultato ma a favore dei Galletti nella gara di ritorno al San Nicola, e il Cagliari sconfiggere il Parma quarto classificato grazie al 3-2 in casa nella gara di andata e allo 0-0 nella gara di ritorno. La finale tra il Bari e il Cagliari ha visto la gara di andata, giocatasi in Sardegna, finire con il risultato di 1-1, frutto dei gol di Lapadula e di Antenucci, e la gara di ritorno, disputata davanti a un San Nicola gremito, terminare 0-1 grazie al gol a due minuti dal termine di Pavoletti a punire l'atteggiamento troppo speculativo dei biancorossi, che hanno rinunciato ad attaccare per quasi tutta la gara sperando di riuscire a ottenere il pareggio che sarebbe valso la Serie A. La terza promossa, dopo Frosinone e Genoa, è stata così il Cagliari di Claudio Ranieri.

Quest'anno

Questa stagione di Serie B, come detto in precedenza, ha visto Parma e Como, arrivate rispettivamente prima e seconda, ottenere l'accesso diretto alla Serie A e Venezia, Cremonese, Catanzaro, Palermo, Sampdoria e Brescia qualificarsi per i playoff. Parma e Como erano state inserite da molti nel lotto delle favorite, così come tutte le qualificate ai playoff tranne il Catanzaro, che nella scorsa stagione giocava in Serie C, e il Brescia, ripescato in estate per la mancata iscrizione della Reggina dopo essere retrocesso sul campo. Tra le squadre che hanno lottato per i playoff meritano una menzione in primis Modena e Cittadella, entrambe partite molto bene ma calate durante la fase invernale, ma anche il Pisa di Alberto Aquilani e la Reggiana di Alessandro Nesta, che hanno sperato a lungo di riuscire ad arrivare almeno ottavi senza però riuscirci. Cosenza e Südtirol hanno vissuto una stagione molto turbolenta: i primi sono partiti bene per poi calare fortemente e ottenere la salvezza solo nelle ultime giornate, mentre i secondi dopo un inizio difficile hanno trovato stabilità con l'arrivo del tecnico Federico Valente. Le grandi delusioni della stagione sono lo Spezia e il Bari: ci si aspettava che entrambe potessero lottare per le zone alte della classifica, ma i liguri si sono salvati solo all'ultima giornata mentre i pugliesi giocheranno il playout per rimanere in Serie B contro la Ternana. Ascoli, Feralpisalò e Lecco retrocedono direttamente in Serie C. Ora, dopo questo breve riassunto della stagione, possiamo iniziare con la presentazione delle sei squadre qualificate ai playoff.

* * *

Le squadre

3 - Venezia, 70 punti

La stagione: reduce dell'eliminazione al turno preliminare dei playoff nello scorso anno, il Venezia quest'anno partiva subito con forti ambizioni e infatti ha disputato un ottimo campionato, trascorso nelle zone nobili della classifica dall'inizio alla fine. Il buon rendimento tenuto non è stato però sufficiente a conquistare la promozione diretta, che è sfuggita per alcuni passi falsi clamorosi, come un 2-3 contro la Reggiana in cui i lagunari erano avanti 2-0 e la partita di La Spezia, all'ultima giornata, in cui a fine primo tempo il Venezia era virtualmente in Serie A (stava vincendo 0-1 e il Como perdendo 0-1 in casa) ma che è finita con una sconfitta per 2-1 che ha rimandato ai playoff ogni sogno di gloria. Il Venezia parte con i favori del pronostico - anche perché potrebbe anche pareggiare tutte le partite ma passare in virtù del miglior piazzamento - ma dovrà necessariamente eliminare alcuni crolli mentali che hanno giocato la loro parte nel mancato raggiungimento del secondo posto.

Allenatore: il tecnico del Venezia è Paolo Vanoli, che proprio in questi giorni sta venendo fortemente accostato al Torino. Vanta delle esperienze da tecnico delle nazionali giovanili italiane - in particolare segnaliamo il secondo posto agli Europei Under-19 del 2016 - da collaboratore di Antonio Conte e da allenatore dello Spartak Mosca, con cui nel 2022 ha vinto la Coppa di Russia. La sua firma con i lagunari è arrivata nel novembre del 2022.

Il giocatore simbolo: il protagonista della stagione del Venezia è stato senza dubbio Joel Pohjanpalo, centravanti della nazionale finlandese prelevato dal Bayer Leverkusen nel 2022 che ha segnato quarantadue gol in settanta partite con la maglia degli arancioneroverdi e che è il capocannoniere della Serie B con 22 gol in 33 partite. Giocatore fuori categoria? Sì, possiamo dirlo con ragionevole certezza.

4 - Cremonese, 67 punti

La stagione: la Cremonese si è presentata in Serie B da neoretrocessa in seguito al diciannovesimo posto nella Serie A 2023/24. Le ambizioni di un pronto ritorno in massima serie sono state subito sgonfiate da un brutto inizio, ma l'arrivo di Giovanni Stroppa, subentrato a Davide Ballardini dopo sole cinque giornate, ha ridato vigore ai grigiorossi, autori di una grande cavalcata che li ha portati a stazionare nelle zone più alte della classifica e a sognare concretamente la promozione diretta. Al momento decisivo, però, la Cremonese ha steccato alcuni appuntamenti cruciali, e la sconfitta casalinga contro il Venezia alla quartutima giornata ha di fatto spento il sogno del secondo posto. I lombardi potranno comunque partire dalle semifinali dei playoff, grazie al quarto posto ottenuto in seguito a un campionato più che positivo.

L'allenatore: Giovanni Stroppa, come detto in precedenza, è subentrato a Davide Ballardini dopo cinque giornate. Specialista assoluto in promozioni, dopo le prime esperienze tra le giovanili del Milan, il Südtirol, il Pescara e lo Spezia ha portato il Foggia in Serie B nel 2017 e il Crotone e il Monza in Serie A rispettivamente nel 2020 e nel 2022. Ora il tecnico di Mulazzano sogna di fare tris di promozioni in Serie A con la Cremonese.

Il giocatore simbolo: a guidare la Cremonese è stato l'esperto centravanti Massimo Coda, autentico "bomber di provincia" acquistato dal Genoa ad agosto dopo aver vinto la concorrenza di Sampdoria e Bari e autore di 16 gol in 35 partite. Curiosità che può far sperare i tifosi grigiorossi: nelle ultime quattro stagioni prima di questa, Massimo Coda ha ottenuto tre promozioni in Serie A con Benevento, Lecce e Genoa.

5 - Catanzaro, 60 punti

La stagione: neopromosso in Serie B dopo aver vinto il girone C della Serie C con 96 punti, 102 gol fatti e 21 gol subiti in 38 partite, il Catanzaro è la vera sorpresa di quest'anno, capace di conquistare la qualificazione ai playoff dopo aver espresso un calcio molto piacevole che ha tra i suoi punti cardine il gioco di posizione, la costruzione dal basso e il possesso palla prolungato. Difficile pensare che i calabresi, di ritorno tra i cadetti dopo diciassette anni, potessero fare una stagione migliore di quella che hanno fatto: il sesto posto rende onore a una cavalcata che ha visto il Catanzaro avere il quarto miglior attacco del torneo, tanto che per sette volte la squadra allenata da Vivarini è riuscita a segnare almeno tre gol in una singola partita. Il turno preliminare dei playoff da giocare contro il Brescia sarà il meritato premio per una stagione sopra ogni aspettativa e per una piazza molto calda che può finalmente tornare a vedere la luce dopo anni di sofferenze.

L'allenatore: il cinquantottenne Vincenzo Vivarini è arrivato al Catanzaro dopo una lunga carriera nelle serie minori. Il tecnico nativo di Ari salì per la prima volta agli onori delle cronache a livello nazionale nel 2015, quando riuscì a portare il Teramo in Serie B prima che la vittoria del campionato venisse revocata per illecito sportivo. Dopodiché ha allenato Latina, Empoli, Ascoli, Bari e Virtus Entella prima di ricevere, nel 2021, la chiamata in del Catanzaro, con cui al primo anno è arrivato in semifinale dei playoff di Serie C e al secondo anno ha vinto il campionato.

Il giocatore simbolo: l'esterno belga Jari Vandeputte, soprannominato le petite diable come Antoine Griezmann, è stato uno dei giocatori più significativi della stagione del Catanzaro, dove è arrivato nel 2021 e con cui quest'anno ha messo a segno nove gol e quattordici assist. Non va escluso che, grazie ai suoi tiri dalla distanza, alla sua visione di gioco e alla sua abilità negli spazi stretti, finisca nel mirino di squadre di Serie A.

VIvarini Serie B

6 - Palermo, 56 punti

La stagione: il Palermo di proprietà del City Football Group aveva iniziato questa stagione con grandi aspettative dopo un mercato estivo eccellente e in effetti l'obiettivo dei playoff, che l'anno scorso sfumarono all'ultima giornata, è stato raggiunto, anche se forse c'era chi si aspettava qualcosa in più. La parte migliore della stagione regolare del Palermo è stata quella autunnale, durante la quale i rosanero si sono assestati tra le primissime posizioni prima che però le cose iniziassero a peggiorare verso marzo, culminando con l'esonero di Eugenio Corini in seguito alla sconfitta per 4-3 a Pisa. Il sostituto è stato Michele Mignani, che solo alla sua settima partita ha conquistato la prima vittoria, in occasione dello 0-1 contro il Südtirol all'ultima giornata che ha consegnato al Palermo il sesto posto e la possibilità di giocare in casa il turno preliminare dei playoff.

L'allenatore: a guidare il Palermo ai playoff sarà Michele Mignani, che ha iniziato la sua carriera da allenatore nel 2009 nelle giovanili del Siena. La sua prima panchina è stata quella dell'Olbia, che sotto la sua guida è stato ripescato in Serie C, seguita da quella del Modena sempre in terza serie e poi da quella del Bari, con cui ha vinto la Serie C nel 2022 e che ha portato fino alla finale dei playoff di Serie B l'anno dopo, venendo poi esonerato a ottobre di questa stagione prima di subentrare alla guida del Palermo.

Il giocatore simbolo: il giocatore che ormai dal 2021 è il protagonista del Palermo è la punta ventinovenne Matteo Brunori, autore di 66 gol in 122 partite con la maglia dei rosanero, di cui è il capitano, che ha trascinato alla vittoria dei playoff di Serie C nel 2022 e con cui quest'anno ha segnato 17 gol. Il suo arrivo nel capoluogo della Sicilia giunge dopo una lunga gavetta durante la quale non è mai riuscito a trovare una collocazione stabile, ma adesso il tempo lo sta ripagando di tutte le fatiche.

7 - Sampdoria, 55 punti

La stagione: sul campo in realtà la Sampdoria sarebbe arrivata sesta, ma i due punti di penalizzazione per i mancati versamenti IRPEF e INPS risalenti al periodo che va da gennaio a marzo del 2023 - l'ultima, per fortuna, eredità lasciata dal "vulcanico", come direbbe qualcuno, Massimo Ferrero - sono costati ai blucerchiati la possibilità di giocare in casa il turno preliminare dei playoff. La squadra allenata da Andrea Pirlo è stata comunque protagonista di una grande rimonta, perché ha passato quasi tutto il girone di andata e l'inizio del girone di ritorno nella parte destra della classifica, finendo anche in zona retrocessione a un certo punto, prima di intraprendere, da febbraio in poi, un buon ruolino di marcia che l'ha portata fino al settimo posto e al raggiungimento dei playoff. Tutto questo avendo, vale la pena farlo notare, una media spettatori di 22.840 a partita, la più alta del campionato.

L'allenatore: dopo la stagione d'esordio con la Juventus nel 2020/21, nella quale ha vinto Coppa Italia e Supercoppa ma è arrivato quarto in campionato, Andrea Pirlo, volente o nolente, è dovuto ripartire da quella gavetta che gli è stata negata dalla chiamata improvvisa di Agnelli. Prima c'è stata, nella stagione 2022/23, la panchina dei turchi del Fatih Karagümrük, da cui l'ex centrocampista si è congedato a tre giornate dalla fine del campionato con la squadra nona in classifica, e adesso quella della Sampdoria in Serie B, con cui ha un contratto fino al 2025.

Il giocatore simbolo: il miglior giocatore di questa stagione della Sampdoria è stato probabilmente la seconda punta Sebastiano Esposito, che dopo aver giocato alcune partite con la maglia dell'Inter tra il 2018/19 e il 2019/20 ha iniziato una trafila di prestiti che lo ha visto accasarsi a SPAL, Venezia, Basilea, Anderlecht e Bari. Nello scorso agosto è stato poi ceduto in prestito con diritto di riscatto e controriscatto alla Sampdoria, con cui durante questa stagione ha segnato 6 gol in 22 partite.

8 - Brescia, 51 punti

La stagione: l'ultima qualificata ai playoff è il Brescia, che ha ottenuto la matematica certezza dell'ottavo posto alla penultima giornata grazie al 4-1 rifilato al Lecco. Inizialmente sulla panchina delle Rondinelle c'era Davide Gastaldello, confermato dopo l'anno scorso, che però è stato esonerato a novembre in seguito a una sconfitta esterna per 1-0 contro il Palermo, la quarta consecutiva, e al tredicesimo posto della squadra. A sostituirlo l'esperto Rolando Maran, che grazie a un buon rendimento, specialmente nella fase iniziale del suo mandato, è riuscito a portare il Brescia a ottenere l'ultimo posto valido per i playoff e mettere a segno un obiettivo che non era affatto scontato dopo l'inizio di stagione molto traballante della società lombarda.

L'allenatore: Rolando Maran, sessantenne, arriva a Brescia dopo una carriera da allenatore molto lunga, che è iniziata nel 2002 con il Cittadella e che lo ha visto arrivare anche in Serie A, categoria in cui ha allenato il Catania, con cui ottenne un ottavo posto nel 2013, il Chievo Verona, il Cagliari e il Genoa. Per il tecnico nativo di Trento si tratta di un ritorno, visto che allenò i biancazzurri già nella stagione 2005/06 sempre in Serie B. Tra le altre squadre allenate figurano Bari, Triestina, Vicenza, Varese e Pisa.

Il giocatore simbolo: uno dei migliori giocatori del Brescia è stato il centravanti Gabriele Moncini, capocannoniere stagionale dei biancazzurri con 10 gol in 34 partite. Nel corso della sua carriera ha girato molte squadre, giocando anche in Serie A con SPAL e Benevento e costruendosi la fama di ottimo giocatore di categoria, essendo questa la settima stagione da titolare che gioca in Serie B. Le speranze del Brescia di fare un buon cammino nei playoff passano anche da lui.

* * *

Adesso non rimane che scoprire chi finirà per aggiungersi a Parma e Como e conquisterà la terza promozione in Serie A di questa stagione. Tra piazze storiche, tifoserie calde e squadre agguerrite anche quest'anno ci sarà da divertirsi. È difficile, come spesso accade, fare un pronostico certo su chi potrà vincere questi playoff, ma, come è stato per l'anno scorso, anche stavolta ci aspettiamo che le otto partite in programma siano in grado di dispensare grandi emozioni.


  • Nato nel 2005. Appassionato di allenatori, nazionali e allenatori delle nazionali.

Ti potrebbe interessare

Storia della bromance Eze-Olise

Il trasferimento di Olise al Bayern segna la fine di una delle più belle coppie dell'ultima Premier League.

Con Alisha Lehmann non si parla mai di calcio

Douglas Luiz è il suo fidanzato, ma a tutti interessa il contrario.
,

Douglas Luiz è un salto in avanti per la Juventus

L'acquisto del centrocampista brasiliano è uno dei colpi più importanti del calciomercato italiano.

Non sottovalutate la Svizzera

La vittoria contro l'Italia ha mostrato la qualità del lavoro di Yakin.

Dallo stesso autore

I bambini non giocano più per strada?

L'Italia viene eliminata dagli Europei e rieccoci con la solita retorica un tanto al chilo.

Il calcio è senza confini, intervista a Stefano Cusin

Una chiacchierata con un giramondo, attualmente CT delle Comore.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Guida ai playoff di Serie C

Tutto ciò che vuoi sapere sui playoff per la B.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu