Logo Sportellate
Frosinone-Bologna
, 7 Aprile 2024

Frosinone-Bologna (0-0) - Considerazioni Sparse


Frosinone e Bologna non riescono a farsi male.


In un Benito Stirpe caldo e soleggiato, Frosinone e Bologna racimolano un punto a testa. La partita, serrata ed intensa nel primo tempo, si è accesa solo nel finale con Turati, protagonista di alcune parate fondamentali e decisive per il risultato dei padroni di casa. Nonostante qualche ghiotta occasione, il Bologna non ha giocato una delle sue migliori partite e possiamo dire che il risultato di zero a zero è tutto sommato corretto.

Il match ci ha dato due squadre capaci di pressare alto e costringere gli avversari a commettere più di un errore in impostazione. Nel primo tempo a convincere di più è il Frosinone, con una buona occasione al decimo minuto di Cheddira: l’attaccante, nell’uno contro uno con Skorupski, ha cercato di sorprendere il portiere polacco con un pallonetto, senza riuscire ad alzare il pallone. È da segnalare che l'azione nasca da uno svarione di Calafiori, oggi più impreciso del solito. Poco dopo, Cheddira manca di pochissimo un pallone da correggere verso la porta di Skorupski, e sciupa un'altra occasione per portare i ciociari in vantaggio.

Il secondo tempo ci mostra un Bologna migliore, capace di gestire meglio il possesso del pallone. Tuttavia, anche per i rossoblù non sembra un pomeriggio fortunato: ci sono almeno tre grosse occasioni per spezzare il pareggio, capitate sui piedi di Aebischer, Castro e Ndoye, ma nessuna di queste riesce a capitalizzarsi e dunque superare Turati. Quella di Ndoye, in particolare, tormenterà a lungo il proseguimento della giornata di Thiago Motta: un errore piuttosto clamoroso quello dello svizzero.

In generale, il Frosinone non è riuscito a creare delle vere e proprie occasioni tramite il suo gioco: gli unici pericoli creati (al di fuori del mancato tap-in di Cheddira) sono arrivate da errori individuali della retroguardia bolognese o da palla inattiva. Nello specifico, a disputare una rocciosa partita è stato Okoli, messo a guida dei movimenti di transizione difensiva dei ciociari. Oltre a lui, a distinguersi è stato Turati: la parata su Aebischer e in particolare quella su Ndoye a cronometro quasi scaduto sono state tanto spettacolari quanto difficili. A giocare sottotono sono stati i due trequartisti, vale a dire Reinier e Soulé (il tifo di casa ha rumoreggiato dopo qualche suo passaggio poco preciso), i quali hanno creato veramente pochi grattacapi al Bologna. 

Il pressing intenso del Frosinone ha fatto vacillare qualche meccanismo del Bologna, che è riuscito a rendersi pericoloso, al di fuori dell’occasione di Aebischer, solo grazie ai subentrati. Thiago Motta si porterà a casa da questa partita sicuramente le prestazioni di Lucumì e quella di Lykogiannis: è suo il cross che porta al tiro Castro, insieme a quella diagonale difensiva che ha fermato un pericoloso contropiede orchestrato da Cuni. Pomeriggio da rivedere per due dei volti di questa squadra: Calafiori e Zirkzee. Per il difensore italiano due errori da penna rossa in impostazione (dove il primo ha dato il via al mancato scavetto di Cheddira; nel secondo ha rischiato di fare autogol); l’olandese, nonostante l’attenuante di essere appena rientrato dall’infortunio, non ha saputo dare una sterzata decisiva alla partita. Nessun pericolo creato nella trequarti difensiva del Frosinone, ma comunque un contributo costante con qualche sponda pregevole per i compagni.

Frosinone e Bologna non rispondono dunque alle vittorie di Roma ed Empoli di ieri, loro dirette concorrenti per i propri obiettivi. C’è da dire però che entrambe le squadre non devono affannarsi: a fermare questo Bologna ci sono riusciti in pochi e per la squadra di Di Francesco non si prospetta un calendario proibitivo da qui al termine del campionato; parlando del Bologna, questo pareggio non mette in discussione la corsa al piazzamento in Champions League. Almeno per il momento.

  • Nato a Venezia nel 2003, studia Scienze della Comunicazione a Verona. Si è avvicinato al mondo del calcio grazie alle repliche delle partite di Serie A su Rai Sport e a quelle del PSG su Sportitalia.

Ti potrebbe interessare

Attenti a Saelemaekers

Il giocatore più odiato del Bologna, ma anche quello più vivace.

È tornato lo Squadron

Un anno da sogno condensato in una notte.

I gol della Seconda Stella

Quali sono state le reti fondamentali per lo Scudetto dell'Inter?

Il calendario calcistico è saturo

Trovare date libere per i recuperi delle partite rinviate è diventato un grosso problema.

Dallo stesso autore

I gol della Seconda Stella

Quali sono state le reti fondamentali per lo Scudetto dell'Inter?

Che squadra è il Brest di Éric Roy

La squadra bretone viaggia verso una storica qualificazione in Champions League.

Koopmeiners si è evoluto

Gasperini gli sta chiedendo compiti diversi rispetto alle passate stagioni.

La GOA7 League è un successo

La competizione rappresenta un’interessante alternativa al “calcio classico”.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu