Logo Sportellate
Lecce Inter
, 25 Febbraio 2024

Lecce-Inter (0-4) - Considerazioni Sparse


L'Inter domina anche con le riserve: Lautaro Martinez e Frattesi liquidano un Lecce in grave difficoltà.

Anche con un turnover pesante in trasferta, l'Inter conferma uno stato di forma straordinario e piega i padroni di casa del Lecce con un passivo pesante e per certi versi sorprendente. Lo 0-4 con cui si chiude la sfida del Via del Mare non è così scontato come potrebbe sembrare, da un lato perché Inzaghi manda in campo una squadra imbottita di riserve e che soffre la mancanza di riferimenti e misure, dall'altro perché il Lecce sembra (almeno per la prima mezz'ora della partita) pronto ad approfittare delle difficoltà nerazzurre. Ma i salentini durano poco e l'Inter mostra nuovamente i muscoli, con il secondo poker consecutivo in una settimana.

Come detto, il Lecce parte veramente bene e mette l'Inter in difficoltà applicando un pressing intenso e sfruttando la mancanza di riferimenti e di misure dei nerazzurri. Nel corso del primo tempo i salentini vanno più volte vicini al gol ma una volta calate l'intensità e l'aggressività del centrocampo e della difesa, il Lecce si squaglia come neve al sole. In particolare emergono le problematiche di una fase difensiva estremamente fragile e porosa, come dimostra soprattutto la prima rete di Lautaro Martinez. Il Lecce non si può più permettere di sbagliare e dovrà prima di tutto rivedere la strategia complessiva di approccio e gestione della partita.

Come accaduto nella sfida di Lisbona contro il Benfica, il pesante turnover deciso da Inzaghi manda temporaneamente in tilt la fase difensiva dell'Inter, che perde di solidità e coesione. Oltre all'evidente mancanza di intesa tra i tre difensori di questa sera, i nerazzurri soffrono anche l'assenza di Calhanoglu e della sua indispensabile azione di contenimento e copertura che Asllani non può garantire. La squadra è però molto brava a resistere e compattarsi già dalla fine del primo tempo, soffrendo pochissimo nel corso della ripresa. Carlos Augusto è tra i migliori in campo, così come De Vrij, mentre Bisseck sfodera sempre tanta personalità.

A centrocampo è invece impressionante la prestazione di Frattesi. La voglia e la determinazione della mezz'ala azzurra è evidente e notevole: l'ex Sassuolo aggredisce la gara con intensità e corre, attacca, difende e gioca per quattro. La rete è meritatissima ma a rubare l'occhio è proprio l'impegno difensivo profuso anche per tamponare le difficoltà del reparto arretrato nel primo tempo. Sulla sua capacità d'inserimento non ci sarebbe nulla di nuovo da dire ma oggi mostra anche una qualità di palleggio preziosa e interessante.

Mantenendo invariato il distacco di 9 punti dalla Juventus, all'Inter non resta che festeggiare la carica dei 101 gol in Serie A di Capitan Lautaro, oggi in versione finalizzatore più del solito. Perfetto sulla prima rete e implacabile sulla seconda, Martinez si ritrova spesso a dover fare reparto da solo mancando il riferimento che trova spesso in Thuram. Sanchez nel complesso gioca una buona partita, più per le fiammate che sa regalare che per la costanza sui 90'. Gli manca il gol e si sente. La partita di mercoledì contro l'Atalanta richiederà invece il miglior Arnautovic.

  • Classe '99, pugliese come il panzerotto, studia a Bologna e soffre per l'Inter. Ama farneticare di calcio, cinema e musica. Ha sul comodino la foto con Barbero e l'autografo di Mcdonald Mariga.

Ti potrebbe interessare

Khéphren Thuram non è solo un figlio d'arte

Khéphren Thuram non sarà soltanto il sostituto di Rabiot nella Juventus di Thiago Motta

C’eravamo tanto amati

Finisce un’era, irripetibile sotto ogni punto di vista: Ciro Immobile lascia la Lazio

Douglas Luiz è un salto in avanti per la Juventus

L'acquisto del centrocampista brasiliano è uno dei colpi più importanti del calciomercato italiano.

Tomáš Suslov, rapido ed elusivo

Il trequartista slovacco ha conquistato il Verona.

Dallo stesso autore

Alessandro Bastoni, semplicemente indispensabile

E pronto a prendersi tutto, Inter e Italia comprese.
,

La Stella di Zhang e Marotta

La Seconda Stella dell'Inter passa anche dalle scelte di proprietà e dirigenza.

La Via Crucis del Milan nel Derby

Tutti i Derby dell'ultimo anno e mezzo: un clima sempre più teso, un Milan sempre più mesto.
,

Storia di un interista che non ci credeva

Il personale racconto di una stagione passata a non credere nella seconda stella.
1 2 3 6
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu