Logo sportellate trasparente
fantasanremo
, 19 Gennaio 2024

20 nomi e stemmi per il FantaSanremo


Alcune idee per ergervi a dominatori del gioco del momento.

Ebbene sì, lo abbiamo fatto di nuovo. Dopo il successo fragoroso delle 20 proposte per le vostre squadre del fantacalcio, Sportellate non poteva restare indifferente di fronte al gioco che sta cercando di soppiantare il Fantacalcio come filo tricolore a unire l'Italia intera: il FantaSanremo. 20 idee più o meno malsane di stampo canoro-calcistico, nate nelle ore e negli anfratti più oscuri e reconditi delle varie chat redazionali. 20 nomi che faranno spiccare le vostre squadre in mezzo a quelle dei vostri amici. Per ogni nome, potrete contare su uno stemma dedicato, frutto del sudore dei nostri eccellenti grafici.

Aston Villain

Un logo del quale farete davvero fatica a non innamorarvi ogni volta che lo guarderete. Dopo aver accompagnato il quasi omonimo Rosa Chemical nella serata dei duetti di Sanremo 2023, in una riuscitissima versione di America di Gianna Nannini, quest'anno Rose Villain partecipa come concorrente vera e propria al Festival con Click Boom. I capelli dell'istrionica cantautrice si sposano alla perfezione con il claret & blue del nuovo stemma dell'Aston Villa, la rivelazione di questa Premier League. Vi vediamo già che canticchiate "Io, Emery e altri guai" sulla base di Tainted Love mentre vi apprestate a stravincere la vostra lega del FantaSanremo.

Lameck Banda suona il Rock

Manca di più Lameck Banda al Lecce o Ivano Fossati alla musica italiana? Più difficile dribblare l'intera difesa di una squadra di A (e poi sparare il pallone sul portiere, ma questa è un'altra storia) o vincere per 6 volte il premio Luigi Tenco? Esiste davvero una connessione tra un esterno africano che gioca in Salento e un cantautore capace di spaziare dal rock progressivo della gioventù ai pezzi introspettivi dell'ultima parte di carriera? Come ha fatto la redazione di Sportellate a partorire un nome come questo? Riuscirete davvero ad evitare di chiamare così la vostra squadra, ora che lo avete scoperto?

Fiorella Manneuer

A una delle più grandi artiste italiane viventi, non solo in relazione all'esclusivo panorama musicale, affianchiamo un gigante della porta, anch'egli leggenda di livello internazionale. Fiorella Mannoia ha sconvolto il panorama italiano nei primi anni '70 grazie a una voce particolare e potentissima; Manuel Neuer ha rivoluzionato il ruolo del portiere con l'interpretazione da libero aggiunto e le contaminazioni del calcio a 5 presenti nel suo stile di parata. Protetti da due veri e propri totem, potrete puntare alla vittoria del FantaSanremo con la serenità e la freddezza dei migliori.

Loredana Barthez

Continua l'affascinante abbinamento tra le voci femminili storiche della canzone italiana e gli estremi difensori che hanno vinto la Coppa del Mondo. Non ci pensiamo abbastanza spesso, ma Fabien Barthez ha vinto Mondiale, Europeo, Confederations Cup e Champions League; Loredana Bertè ha partecipato a 11 edizioni del Festival di Sanremo e vinto il "Premio Pubblico dell'Ariston", un riconoscimento fittizio inventato per lei da Claudio Bisio nel 2019. Differenze tra i due? Loredana continua ad incantare con la sua voce, il buon Fabien ha appeso i guanti al chiodo e si è dato all'automobilismo ormai da diversi anni, partecipando anche alla storica 24 ore di Le Mans. Chissà se in radio ascolta Il mare d'inverno mentre guida.

Mr. Reinier

"Camminerò a un passo da te, e fermeremo il vento come dentro agli uragani". Deve averlo detto Eusebio Di Francesco a Reinier Jesus Carvalho per convincerlo a lasciare Madrid per trasferirsi in Ciociaria, ultima tappa di un Erasmus insolito ma decisamente interessante, con Dortmund e Girona come tappe intermedie. Non avrà alle spalle il coro di bambini che ha accompagnato Mr. Rain a Sanremo lo scorso anno, ma Reinier può contare sul supporto dei tanti imberbi compagni di squadra, come Soulé, Kaio Jorge, Ibrahimovic (ma non quel). Il connazionale Mateus Lusuardi, poi, ha un nome adatto per unirsi a lui nella classica serata dei duetti, spesso foriera di soddisfazioni per gli utenti del FantaSanremo.

Manu Thiaw

In mezzo alle didascalie più o meno ironiche dei nostri stemmi, questo articolo sul FantaSanremo nasconde (neanche troppo bene) un oscuro segreto: come la copertina di questo album ci lascia intuire, Malick Thiaw è il vero responsabile della sconfitta per 5-1 della sua squadra nel derby di Milano, un vero e proprio infiltrato nella squadra rossonera. Magari il centrale tedesco aveva Thuram al Fantacalcio - magari è semplicemente un suo ammiratore - ma che il quella storica serata Thiaw ha deciso di stendere il tappeto rosso davanti all'attaccante francese, al quale ha in seguito dedicato la sua hit più famosa: Me Gustas Thu.

Guè Seregno

"Tic tac tic tac, è l'ora dei soldi fra" recita Guè Pequeno in Relaxxx, tra le tracce più ispirate dell'album Gentleman; è il motivetto che sentirete nella vostra testa nel (malaugurato) caso in cui abbiate organizzato un FantaSanremo con premi in denaro, quando vi appresterete a incassare la somma destinata al vincitore. Al guercio più famoso della musica italiana abbiamo associato lo stemma del Seregno Calcio, squadra della bassa Brianza che ha chiuso i battenti lo scorso anno dopo oltre un secolo di attività, presenza fissa nei gironi A e B di Serie D degli ultimi decenni. Nel Seregno ha giocato anche Paulo Azzi, terzino brasiliano del Cagliari recentemente andato in gol contro il Milan in Coppa Italia.

Piero Peluso

L'abbinamento Sassuolo-Nek è troppo scontato per delle notti di messaggi tra menti perverse come le nostre (se non avete mai sentito Neroverdi, l'inno del Sasol, correte immediatamente a rimediare): al buon Filippo Neviani abbiamo associato un'altra squadra, mentre a sua volta a Piero Pelù abbiamo fatto abbandonare per un po' l'amata Fiorentina per comporre insieme a Federico Peluso un duo imbattibile. Uno stemma per pochi, come il rocker di Firenze e come il difensore nato a Roma, per far abbassare la cresta ai vostri avversari che si sentono Tutti Fenomeni, quando l'unico vero e proprio Gigante siete voi.

Bakker 44

Fare l'esterno di Gasperini è un lavoro durissimo, sicuramente più che cantare in un collettivo di rapper fiorentini che vanta già collaborazioni di spessore e si preannuncia come una delle sorprese del Festival. Ne sa qualcosa Mitchel Bakker, arrivato da Leverkusen alla ricerca di una maglia da titolare e finito in fondo alle gerarchie di Gasp, che nemmeno in Coppa Italia se l'è sentita di puntare su di lui. Più facile che i Bnkr44 vincano Sanremo o che Bakker tolga il posto da titolare a Ruggeri da qui a giugno? Domanda complicata e retorica: nel dubbio vi regaliamo questo bel logo con i laterali atalantini, tutti insieme, nessuno escluso.

Fred De Palmer

In un TikTok di qualche mese fa, disponibile anche su YouTube, Cole Palmer sembra completamente a suo agio nel ballare entusiasta, ipnotizzato, una canzone dal ritmo giamaicano di fronte a una scarpa da calcio azzurra. Dietro ai gusti musicali del giovane attaccante del Chelsea ci sono le origini caraibiche: la famiglia del padre è originaria di Saint Kitts & Nevis, piccolo stato nell'arcipelago dei Caraibi, zona peraltro notoriamente piena di palme(r). Non potevamo quindi non affiancare Cole al concorrente di Sanremo più a suo agio con i ritmi latini, Fred De Palma, che per coincidenza (o forse no?) si tinge spesso i capelli del colore del club in cui gioca Palmer.

Ghalifornication - Interlude

Facciamo uno strappo alla regola: allontaniamoci dal mondo calcistico per dar vita alla crasi di due universi musicali apparentemente inconciliabili, per una copertina che i tanti fan dei Red Hot Chili Peppers potrebbero definire, a ragion veduta, quasi blasfema. In realtà il faccione di Ghali, alla prima partecipazione al Festival di Sanremo dopo qualche apparizione in qualità di ospite, si incasella alla perfezione nell'iconica piscina di Californication, sotto lo sguardo vigile del fido produttore Charlie Charles, sostituitosi per l'occasione agli arbusti a bordo vasca.

Jô Di Tonno e Lola Ngonge

Qui andiamo a scavare nel sottobosco dei vostri ricordi, sia calcistici che musicali: in un colpo solo si riporta alla mente il mitico Jô, ex centravanti brasiliano meteora del Manchester City che vanta addirittura 20 presenze in nazionale e un mondiale giocato, e la vittoria di Giò Di Tonno e Lola Ponce con l'iconica (ma non troppo) Colpo di Fulmine nel Sanremo del 2008. Per aggiungere una spruzzata di attualità alla nostra operazione nostalgia, eccovi Cyril Ngonge, perfettamente a suo agio con in testa la chioma della bionda Lola.

Totø/Glimt

Più che una squadra, un omaggio a un colosso della musica italiana. Toto Cutugno, 15 partecipazioni al Festival di Sanremo e una vittoria (siamo su percentuali vicine alla Juve in Champions League), oltre 100 milioni di copie vendute nell'arco di una carriera lunga quasi quarant'anni, autore di hit immortali come Solo Noi, L'Italiano e Sarà. Per la nostra ormai canonica contaminazione tra l'old school e la Next Gen, al Toto nazionale abbiamo abbinato una delle squadre più fresche del panorama europeo, il Bodø/Glimt, sempre pronto a far brandelli le squadre dei campionati più importanti d'Europa che ne sottovalutano l'impatto fisico ed emotivo.

Neres per Caso

Il nome di una squadra per il FantaSanremo o la notifica che vorremmo ricevere su Sofascore, in un futuro distopico in cui David Neres decide di lasciare il Benfica l'ultimo giorno di mercato per coronare il sogno di giocare con Francesco Gelli e Marvin Cuni? Neres per Caso è una squadra per sognatori. Quelli che credono che Bayer Leverkusen e Girona non possano che vincere Bundes e Liga. Che aspettano ancora la convocazione in nazionale di Simone Bastoni. Quelli che pensano che, in fondo in fondo, nel 2006 il Pallone d'Oro avrebbe potuto vincerlo anche Fabio Grosso invece di un banalissimo Cannavaro.

BausTevez

"Potrei scambiare il mio Kayode con te", si sbilancia Francesco Bianconi in una rivisitazione di Gomma, il successo che ha lanciato i Baustelle nel mondo della musica indie nell'ormai lontanissimo 2000, parte dell'iconico album Sussidiario Illustrato della Giovinezza. Nostalgia ed energia, cruda realtà e sogni ad occhi aperti: i punti di contatto tra il gruppo musicale toscano e Carlitos Tevez sono molteplici, o forse in realtà non esistono affatto, ma ci piace pensare che Bianconi e l'Apache nato a Ciudadela siano in qualche modo anime affini, capaci di arrivare al cuore dei loro fan. Uno con le note, l'altro coi gol.

Anna Oxlade

L'associazione è incredibilmente facile: che fine hanno fatto Anna Oxa e Alex Oxlade-Chamberlain? Hanno smesso di scomparire e riapparire all'improvviso nelle nostre vite o li ritroveremo in tv a cantare e dribblare quando meno ce lo aspettiamo? Vi stupirà scoprire che l'artista italoalbanese vive ed esiste anche lontano da Sanremo: il mese scorso è stata addirittura ospite di Mara Venier a Domenica In. L'ex centrocampista del Liverpool, scaduto il contratto che lo legava ai Reds, dallo scorso agosto gioca in Turchia con la maglia del Besiktas. Ha segnato anche 4 gol, nonostante questo Mara Venier non lo ha mai invitato.

SalernitAnna

Il team più fresco di questo articolo, una miscela perfetta tra il drip del cavalluccio marino della Salernitana - animale più bello tra quelli rappresentati negli stemmi della Serie A, non si accettano discussioni -, lo stile e la personalità di Anna, la rapper più forte della nuova generazione, e l'aggressività di Kepler Laveran Lima Ferreira, in arte Pepe, quasi certamente soprannominato così in onore del cognome della cantante originaria di La Spezia e protagonista del nostro stemma. Siamo nell'iperuranio delle fantasquadre, alla guida della Salernitanna non potrete che correre Fast verso la vittoria.

Club Szobo

Anche se "Sto lontano dallo stress, fumo un po' e dopo gioco a eFootball" non suona bene come in passato, i Dogo sono tornati e l'esaltazione nei loro confronti è alle stelle: Jake, Guè e Don insieme hanno fatto registrare tutto esaurito uno dietro l'altro, come il centrocampo del Liverpool che ha fatto girare la testa a qualsiasi avversario fino alla cima alla classifica di Premier. Guidati da un Dominik Szoboszlai più in palla che mai, capace di alternare barre da capogiro a scaldabagni all'incrocio dei pali, ben coadiuvato dai compagni di reparto Endo e Mac Allister, i Club Szobo sono pronti a trascinarvi al FantaSanremo. Chi ha interiorizzato il gegenpressing di Klopp, quale fatica farà mai con Amadeus e Lorella Cuccarini?

Happy Aouar

Avete mai visto Aouar felice con la maglia della Roma, fatta eccezione per il giorno della sua presentazione in giallorosso? In uno spogliatoio è importante che tutti si sentano a loro agio, devono essere i membri della squadra più empatici a segnalare eventuali malumori al capitano e allo staff tecnico. Non lo direste mai, ma tra i giocatori della Roma più abili a recepire i problemi dei compagni c'è Edoardo Bove, che ha addirittura deciso di comporre una canzone, Happy Aouar, nel tentativo di far ricomparire il sorriso sul volto del compagno di reparto.

Laura Nonge

Il nostro viaggio dentro il mondo della musica italiana si conclude con il reboot di un classico senza tempo, che dal 1997 in avanti fa cantare milioni di italiani e devasta la vita di ogni ragazzina che ha la sfortuna di chiamarsi Laura e in cuor suo sa che, alla prima assenza a scuola, ci sarà un professore che si crederà simpatico citando il successo di Nek. Al cantante sassuolese affianchiamo un Wojciech Szczesny piuttosto agitato nel segnalare la sparizione del compagno di squadra Joseph Nonge Boende, centrocampista belga classe 2005, impegnato a nascondersi da un Allegri furioso con lui per averlo visto sbagliare una diagonale difensiva mentre giocava da quinto di centrocampo adattato.

  • Alex Campanelli, made in Senigallia, insegnante di inglese e di sostegno, scrive e parla di Juventus e di calcio (che spesso son cose diverse) in giro per il web dal 2012. Ha scritto il libro “Espiazione Juve - il quinquennio buio della Signora”.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu