Manuela Giugliano e Valentina Giacinti durante Juventus-Roma 1-3.
, 6 Novembre 2023
,

Considerazioni sparse post Juventus-Roma (1-3)


Il match femminile della settimana scelto per voi è la sfida al vertice tra le due rivali annunciate per lo Scudetto.

- In quel del La Marmora-Pozzo di Biella, nuova casa della Juventus femminile, la Roma di Alessandro Spugna compie il delitto perfetto con spietata freddezza. La vittoria delle giallorosse campionesse d'Italia, che vale lo stacco ai danni delle bianconere e la testa solitaria della classifica, è una prova di forza sul piano tecnico ma soprattutto su quello dell'organizzazione di gioco. Più che per la sconfitta in sé, la solita sensazione di di fine regno trasmessa dalle ragazze di Montemurro da un anno a questa parte stavolta arriva dalle sostanziali carenze tattiche della Juventus, che peraltro - nella giornata in cui Beeresteyn stecca - mettono a nudo la perdita di quel predominio tecnico e atletico un tempo assoluto;

- Spugna è un allenatore di cui il mainstream non parla abbastanza. Certo, la Roma è una miniera di materiale pregiato da forgiare a piacimento, ma il tecnico giallorosso sa mischiare gli ingredienti con sapienza. L'andamento della gara ci restituisce l'immagine di una metodica preparazione della stessa, dove la Roma tiene in pugno l'inerzia e propizia sistematicamente gli errori tecnici della Juve. I meccanismi di pressione giallorossi girano alla perfezione e rendono sempre pesanti gli sviluppi bianconeri, tant'è che il maggior possesso della Juve passa in gran parte dai piedi delle due centrali difensive. Le difficoltà subite nell'uscita bassa e i raddoppi continui sul portatore saranno una gabbia dal quale le ragazze di Montemurro faticheranno a uscire;

- Torna al gol Manuela Giugliano (il primo stagionale, curiosamente di testa), ma in particolare segnano Haavi e l'ala canadese Viens: quasi una certificazione di come la Roma vince la partita grazie alle sue catene laterali, dove sfrutta la sua qualità e crea sistematiche situazione di superiorità numerica. Le giallorosse sono verticali, mai sottoritmo, non hanno bisogno di articolate fase di gestione palla ma sfruttano velocemente grazie al loro pressing i troppi spazi e il troppo campo che la Juve concede. La Roma ha avuto una superiore capacità di interpretazione della gara, mostrandosi capace di cambiare spartito a seconda delle esigenze contingenti;

- Tutti i gol subiti dalla Juventus sono frutto di errori individuali piuttosto evidenti e piuttosto pesanti.
Sul primo gol l’enorme lavoro di Haavi per arrivare al cross è evidente, ma è altrettanto evidente l’atteggiamento passivo delle giocatrici bianconere, che non si preoccupano minimamente della marcatura di Giugliano lasciata sola in area di rigore. Secondo e terzo gol nascono errori di gestione da parte di Salvai e Cascarino, che bisticciano con il pallone e spalancano praterie alle attaccanti giallorosse, alle quali va dato il grande merito di essersi sempre fatte trovare pronte con lucidità. Il modo in cui sono stati commessi gli errori da parte della Juventus e il modo in cui la Roma ha saputo sfruttarli, dice della partita e della condizione delle due squadre molto più di qualsiasi altra interpretazione tecnica;

- La sensazione che gli acquisti di Juve e Roma si siano integrati nelle dinamiche di squadra in maniera ben diversa è piuttosto forte, e il fatto che quasi tutte le neo-arrivate giallorosse siano andate a segno dall’inizio del campionato la dice lunga. In altre parole, la Roma si è rinforzata e ha aggiunto cavalli ad una macchina già quasi perfetta, mentre la Juventus non ha ancora trovato nelle nuove la minima ombra di valore aggiunto. Non è un caso se, infatti, al di là degli infortuni, nella Juve scendano prevalentemente in campo ancora le stesse giocatrici. Quelle stesse che da più di un paio di stagioni sorreggono con aura istituzionale il peso di una squadra, apparsa sempre uguale in tempi oramai diversi.


Queste considerazioni sparse sono realizzate in collaborazione con Cerettapagina sul calcio femminile curata da Valentina Forlin.


Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu