, 8 Ottobre 2023

Considerazioni sparse post Cagliari-Roma (1-4)


La Roma passeggia contro la peggior squadra della Serie A.

Dopo il pessimo avvio di stagione, la Roma era chiamata a portare a casa i 3 punti contro un Cagliari in difficoltà estrema. La missione viene compiuta con una facilità sorprendente, tale da rendere difficile comprendere se il risultato sia dovuto più ai meriti dei giallorossi o alla pochezza dell'avversario;

Ranieri schiera a specchio – specialità della casa – il suo Cagliari, cercando di intasare la zona centrale del campo e puntare sull'intensità per non fare arrivare palloni puliti a Dybala e Lukaku. I suoi non partono nemmeno male, ma il piano collassa dopo appena 19', quando alla prima vera iniziativa la Roma passa con un'imbucata di Spinazzola per Aouar, complice un posizionamento discutibile della difesa sarda. Da quel momento la Roma può fare la partita che gli è più congeniale, compattandosi dietro per poi ripartire con rapide verticalizzazioni a cercare un Lukaku in stato di grazia. Il gap tecnico tra le due squadre si palesa in tutta la sua evidenza, e solo il moto d'orgoglio nel finale evita al Cagliari l'imbarazzo di una goleada;

In questa prestazione convincente, la Roma ha fatto vedere (finalmente) delle trame interessanti con il pallone, merito in primis della centralità guadagnata da Leandro Paredes, che oggi ha preso in mano i tempi della gara e li ha dettati agli altri 21 in campo come un maestro di solfeggio. La contemporanea presenza di Spinazzola e di Karsdorp, in questo momento gli unici esterni in grado di dare respiro offensivo alla manovra, ha consentito di sfruttare meglio l'ampiezza e di aprire spazi per gli inserimenti interni di Aouar e Bove. A far da contraltare a questo quadro quasi esaltante, arriva una pessima notizia ed è ovviamente il KO di Dybala, uscito sull'orlo delle lacrime;

L'infortunio dell'argentino, che si somma a quello di Pellegrini, priverà per un po' (speriamo il meno possibile) la squadra dei due suoi giocatori più creativi. Mourinho si troverà gioco forza a non poter più delegare la fase offensiva alle giocate dei singoli: dovrà insistere e costruire su quanto di buono visto stasera per rendere più strutturali alcune soluzioni in fase di costruzione e di sviluppo della manovra, soprattutto in vista di match più probanti, nei quali sarà d'obbligo avere dei piani alternativi all'immediata ricerca delle due punte. Anche la retroguardia necessiterà di ulteriori accorgimenti perché fatica, contrariamente alla passata stagione, a reggere lunghe fasi di difesa posizionale. Il Leandro Paredes visto oggi può essere una grande risorsa, e dimostra che i giocatori per provare a consolidare maggiormente il possesso ci sono;

Nel Cagliari c'è poco da salvare, se non l'orgoglioso finale, che probabilmente ha dimostrato che la squadra è con il suo allenatore. Claudio Ranieri ha sempre prioritizzato il dare solidità alle sue squadre, ma al momento non ha ancora trovato la quadra, complice una linea difensiva priva di un leader e complessivamente di livello inadatto alla Serie A, nella quale gli errori individuali vanificano ogni sforzo sul piano dell'organizzazione. Davanti poi mancano drammaticamente attaccanti prolifici e ancor di più giocatori creativi o in grado di saltare l'uomo, con l'unica eccezione di Luvumbo. In questo quadro desolante, esonerare Ranieri sarebbe un errore, non solo per la dovuta riconoscenza che meriterebbe: chi meglio di lui, con la sua esperienza e la sua saggezza, può guidare questo equipaggio un po' raffazzonato a navigare e districarsi nelle acque torbide della bassa classifica?


  • Giornalista classe 90', da sempre innamorato della radio, ho diretto per 3 anni RadioLuiss e collaborato con varie emittenti in qualità di conduttore. Attualmente mi occupo di comunicazione d'impresa e rapporti istituzionali. Pallavolista da una vita, calciofilo per amore, appassionato di politica e linguaggi radiotelevisivi, nella mia camera convivono i poster di Angela Merkel, Karch Kiraly e Luciano Spalletti.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu