, 30 Settembre 2023

Considerazioni sparse post Milan-Lazio (2-0)


La maturazione del Milan procede giornata dopo giornata, Lazio ancora rimandata.

- La strategia degli uomini di Sarri è chiara fin dalle primissime battute: ingabbiare Adli con tre uomini per inaridire la principale fonte di gioco avversaria, a costo di prendersi rischi a livello di spazi concessi alla linea più offensiva del centrocampo rossonero. La scelta del Milan, almeno nelle fasi iniziali, è quella di provare a superare il pressing con i lanci lunghi a scavalcare, scegliendo prevalentemente la fascia destra. Quando la palla è in possesso della Lazio, invece, è proprio il regista rossonero a incollarsi come una figurina a Guendouzi, a costo di ricorrere alle maniere forti, per non dargli mai modo di girarsi col pallone tra i piedi;

- La fatica dei rossoneri a costruire azioni di gioco nel primo tempo é figlia della scelta tattica di tenere due uomini alti sul primo possesso, lasciando da solo il regista, in assenza di un difensore capace di aiutare in fase d'impostazione. La creazione di occasioni da rete è dunque sempre derubricata alle giocate dei singoli, in particolare gli esterni, che però dal canto loro faticano a liberarsi della marcatura. In particolare, Theo Hernandez soffre molto i movimenti che gli vengono richiesti, sia di maggiore copertura difensiva, sia di stringere verso il centro del campo in fase offensiva e a tratti sembra un cavallo da corsa chiuso in gabbia.

- La manovra del Milan cambia marcia quando, nella ripresa, Reijnders e Adli giocano più vicini e cominciano a interscambiarsi di posizione, dando meno punti di riferimento alla retroguardia avversaria. Il dialogo tra loro, come già visto a tratti durante il match contro il Cagliari, è un toccasana per creare spazi e non è un caso che la prima rete rossonera arrivi proprio in questa fase di partita. Quando il franco-algerino esce, accompagnato dall'ovazione del pubblico di San Siro, è proprio l'olandese a mettersi in cabina di regia, con Pobega impiegato nel ruolo di mezz'ala per sfruttare gli spazi inevitabilmente aperti da una Lazio costretta ad alzare il baricentro alla ricerca del pareggio;

- In termini di singoli, sponda Lazio, ha deluso molto Castellanos, che ha sprecato l'occasione concessagli da Sarri come titolare in un match importante. Meglio di lui Zaccagni e Luis Alberto, che in una partita molto tattica sono riusciti a tenere accesa la luce in fase offensiva, così come Isaksen: entrato nel finale proprio al posto dell'esterno italiano e subito nel vivo del match. Male la difesa, "scherzata" da Rafa Leao (autore di una grande prestazione anche in fase difensiva) e capace di prendere due goal quasi fotocopia nel giro di mezz'ora scarsa. Buona prova generale dei rossoneri, dove oltre al portoghese e ai centrocampisti, spiccano la prova di Pulisic a destra e la seconda rete in due partite di Okafor, che ha messo in mostra nuovamente la sua capacità di seguire l'azione e farsi trovare libero;

- Vittoria meritata per un Milan molto diverso da quello delle prime giornate, ma soprattutto più prudente e intelligente, capace di non farsi prendere dalla foga come nel derby, ma di pazientare quasi un'ora prima di cambiare marcia in una partita tattica e difficile, senza cascare nella trappola tesa da Sarri. Non del tutto da buttare la prova dei biancocelesti, a loro volta cresciuti rispetto alle prime giornate in cui sembravano avere perso completamente l'equilibrio e sicuramente torneranno a marciare a buon ritmo già nelle prossime giornate. Per gli amanti della giocata, da segnalare un gran goal di Pedro nel recupero, vanificato da un fuorigioco di rientro di Ciro Immobile.

  • Matteo Tencaioli. Classe 1980, da sempre diviso tra la professione di programmatore e l'amore per il giornalismo. Ama parlare di sport, in particolare di calcio e tennis. Conteso tra lavoro e famiglia, suo più grande amore, fa a sportellate tutti i giorni con il sonno per trovare il tempo di coltivare anche le proprie passioni.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu