Logo Sportellate
, 24 Settembre 2023

Considerazioni sparse post MotoGP dell’India


Cade Bagnaia, vince Bezzecchi. Il Mondiale è riaperto.

- Il Mondiale di MotoGP è ufficialmente riaperto. La caduta di Bagnaia, coincidente con il secondo posto (oltre alla vittoria della Sprint) di Martin fa sì che il divario tra i due passi da 37 a 13 punti dopo una sola gara. Nulla, se consideriamo che alla fine del campionato mancano ancora 7 gare e 7 sprint race. La vittoria odierna, inoltre, consente anche a Bezzecchi di rientrare. 44 punti sono tanti, vero, ma i dolori al polso sembrano passati ed il pilota VR46 Mooney ha mostrato uno stato di forma davvero invidiabile;

- Il primo Gran Premio di MotoGP dell’India deve essere piaciuto parecchio a Marco Bezzecchi. Primo al sabato, rimonta incredibile dal 17º al 5º posto in sprint (dopo essere stato colpito dal proprio compagno di squadra Marini) e vittoria dominata con oltre 8 secondi di distacco dal secondo all’arrivo. Una gara dominata, come piace a lui, “stanco di prendere paga” dopo le ultime battaglie con Pecco e Martin. A sorridere, adesso, c’è anche la classifica generale, che lo vede distante appena 44 lunghezze dall’amico Bagnaia. L’anno prossimo, per il rookie of the year, ci sarà una Ducati ufficiale, che sia rossa o marchiata VR46 Mooney poco importa. È già un traguardo meritatissimo per il futuro pilota di punta per il Motorsport italiano;

- Per l’ennesima volta, purtroppo, Bagnaia è costretto a fare i conti con la sua poca lucidità nei momenti clou. Troppe le occasioni sprecate in questi anni, troppe chance che gli avrebbero consentito di chiudere più con più tranquillità almeno un paio di campionati del Mondo, incluso quello in corso, dove é già caduto cinque volte. Tutti bravi dal divano, è vero, ma oggi forse sarebbe bastata un po’ di foga in meno, dal momento che il difficile, rappresentato dal sorpasso su Martin, era stato fatto. Pecco, tra i competitor finali per la vittoria del Mondiale, è il pilota più esperto in sella alla moto migliore. Pecco vuole vincere sempre ma a questo punto della stagione, nonostante l’infortunio, da Bagnaia ci si aspetterebbe un’altra maturità;

- Jorge Martin è in uno stato di forma strepitoso. Dopo aver dominato il weekend sammarinese, conquistando le vittorie in gara e sprint, lo spagnolo è salito sul podio anche in India, vincendo, anche qui, la Sprint Race. In tutto questo luccichio, è riuscito anche a trovare il tempo per allacciarsi la tuta in gara. Ha finito la gara sfinito, dovendo difendere anche la seconda posizione da un redivivo Quartararo (oggi bravissimo). Una gara sporca e selvaggia per un pilota sporco e selvaggio, che, quando necessario, sa essere anche estremamente pulito nelle traiettorie. Un campione in erba, uno che è giusto che possa ambire al titolo mondiale;

- Nel fine settimana del quasi annuncio in Ducati Gresini, c’è stata la resurrezione di Marc Marquez e della Honda. Non ci si faccia ingannare dal 9º posto finale, causato dovuta alla troppa foga del 93. Marquez e la Honda qui in India erano in palla e il 5º posto di Mir, fino ad oggi impalpabile, è l’indicatore più attendibile. Sarà casuale il timing della crescita Honda? Chissà. La decisione del cabroncito, comunque, sembra presa, al di là della crescita della casa giapponese. Marquez vuole avere un’altra possibilità per tornare ad essere competitivo, prima che i giovani terribili comincino davvero a farlo sentire  inadeguato.


  • 34 anni, pugliese di nascita, siciliano, ciociaro e ligure d'adozione. Ex pallanuotista, da sempre appassionato di sport in generale ma con una fissazione per il futbòl. Ho visto giocare Ronaldinho contro Romario al Maracanà di Rio de Janeiro nel 1999. Trasmissione sportiva preferita: Tutto il calcio minuto per minuto.

Ti potrebbe interessare

Quindi Bagnaia è un campione?

Esistono ancora motivi per essere scettici su Pecco Bagnaia?

Perché la Ducati va così forte?

Grazie al lavoro di Gigi Dall'Igna, la rossa è ormai un'avanguardia dell'aerodinamica.

Cosa aspettarsi dalla nuova stagione di MotoGP

La preview della stagione 2023 che comincia questo weekend in Portogallo.

I nostri dieci ricordi sportivi del 2022

Abbiamo selezionato i 10 ricordi sportivi di questo 2022, che più ci son rimasti impressi. Nel cuore e nella mente.

Dallo stesso autore

8 nuovi acquisti che ci hanno deluso

Una serie di idee ambiziose ma non ancora ben riuscite.

Perché la Ducati va così forte?

Grazie al lavoro di Gigi Dall'Igna, la rossa è ormai un'avanguardia dell'aerodinamica.

Cosa aspettarsi dalla nuova stagione di MotoGP

La preview della stagione 2023 che comincia questo weekend in Portogallo.

Come Kiwior è arrivato all’Arsenal

L'ex giocatore dello Spezia è un difensore di qualità.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu