Logo Sportellate
, 21 Maggio 2023

Considerazioni sparse post Napoli-Inter (3-1)


Il Napoli torna a fare il Napoli, battendo anche l’Inter, l'unica squadra ancora imbattuta contro gli azzurri.


- Il Napoli raccoglie l'ultimo scalpo che gli mancava, quello dell'Inter unica squadra fino ad oggi ad uscire indenne dagli scontri con i partenopei. Una vittima diventata ancor più di prestigio, visto che nel frattempo i nerazzurri hanno raggiunto un picco di forma eccezionale che è valso, tra le altre cose, le due finali di Coppa Italia e Champions League;

- Una finale, quella del trofeo nazionale in programma mercoledì, che ha il suo peso sulle scelte di Inzaghi: il tecnico dell'Inter cambia 8 uomini su 11 rispetto alla sfida contro il Milan. Non cambia però l'approccio, che resta quello solito: una squadra che decide di attendere, lasciando il pallone agli avversari, per poi provare a pungere in ripartenza. Il piano riesce però solo a tratti;

- Le difficoltà dell'Inter sono direttamente proporzionali alla performance del Napoli, che dopo una frenata preventivabile sia sul piano fisico che mentale dopo una stagione del genere torna alla versione vista fino a marzo: pallino del gioco che non è mai sfuggito dai piedi degli azzurri, che macinano tanto gioco e tengono in costante apprensione gli avversari, ancor di più dopo la sciocca espulsione rimediata da Gagliardini, che ha complicato notevolmente la resistenza nerazzurra;

- Bene Kvaratskhelia, oggi particolarmente ispirato; benissimo Lobotka che è salito nuovamente in cattedra a dettar legge in mezzo al campo. Copertina però che va ad Anguissa, che dopo tanti tentativi trova finalmente la rete che sblocca la partita, e al capitano Di Lorenzo, che trova un gol capolavoro col mancino che orienta definitivamente il match alle pendici del Vesuvio;

- L'ultimo punto serve per correggere il precedente: la copertina, consentite l'eccezione, va al carneade Gianluca Gaetano. L'ex Cremonese è un uomo marginale della rosa dei campioni d'Italia, avendo giocato pochissimi minuti, ma nel finale trova un gol pesante che lo emoziona fino alle lacrime: un classe 2000 che ha fatto tutta la trafila delle giovanili con gli azzurri, unico autoctono della squadra partenopea: un gol che certifica quanto l'impresa degli azzurri sia stata corale, con all'interno il contributo di tutti coloro che son parte dell'organico.

  • Nato per puro caso a Caserta nel novembre 1992, si sente napoletano verace e convinto tifoso azzurro. Studia Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Napoli "Federico II", inizialmente per trovare una "cura" alla "malattia" che lo affligge sin da bambino: il calcio. Non trovandola però, se ne fa una ragione e opta per una "terapia conservativa", decidendo di iniziare a scrivere di calcio e raccontarne le numerose storie. Crede fortemente nel divino, specie se ha il codino.

Ti potrebbe interessare

7 cose che ci mancheranno del Sassuolo

La retrocessione del Sassuolo in Serie B è ormai matematica. Quali elementi hanno reso i neroverdi una squadra peculiare e (forse) irripetibile?

Attenti a Saelemaekers

Il giocatore più odiato del Bologna, ma anche quello più vivace.

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

Il futuro di Kamada è ancora da scrivere

Il trequartista giapponese ha vissuto una stagione travagliata.

Dallo stesso autore

9 gol per ricordare Fabio Quagliarella

Celebriamo così la carriera di uno straordinario esteta del gol.

Che fine ha fatto Jesper Lindstrom?

Abbiamo raccolto tutte le comparsate del danese.

Tu me diciste: «Sì» 'na sera 'e maggio

La notte dei festeggiamenti del Napoli vissuta da Largo Maradona.

Tutti gli esoneri del presidente

Un estratto dell'articolo su Maurizio Zamparini che trovate nel nostro magazine.
1 2 3 8
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu