, 30 Aprile 2023

Considerazioni sparse post Inter-Lazio (3-1)


La miglior Inter della stagione in campionato doma la Lazio e anche l'errore di Acerbi. Più che convincente, in coppia, anche la Lu-La.


- La miglior Inter della stagione in Serie A. Se con l'Empoli erano tornati i tre punti, ma non del tutto prestazione e atteggiamento, oggi c'è poco da dire: tutta l'Inter ha disputato una prestazione di altissimo livello dal 1' al 90', eccezion fatta per le prestazioni individuali di Acerbi e Correa. 90' ottimi in quella che era l'ultima possibilità per agguantare l'obiettivo Champions League, ma soprattutto per proseguire un ottimo momento di forma - evidente sia a livello fisico che mentale - in vista dell'euro-derby;

- Vista l'importanza dell'euro-derby, la prima delle due sentenze utili a Simone Inzaghi per il mese di maggio arrivano proprio dall'attacco: non c'è alternativa alla Lu-La. Lukaku ancora non viene utilizzato e cercato al meglio dalla squadra, ma diventa inevitabilmente un fattore pur non essendo ancora il vero Lukaku. Di forza per Lautaro, di tecnica per Gosens, è lui che ha ribaltato le sorti della partita insieme a Lautaro, che in mezz'ora di partita si è dimostato nuovamente tirato a lucido, dopo il turning point coni il Benfica. Non capitava da diverso tempo che tutta la fase offensiva nerazzurra disputasse una partita ottima;

- La seconda sentenza per Simone Inzaghi arriva da Brozovic. Dopo gli ultimi due mesi di forma strepitosi di Barella, oggi finalmente si è rivisto anche il vero Brozovic. Non solo in fase di impostazione, ma anche per mantenere l'equilibrio della squadra: avere entrambi al 100% sarà fondamentale per incidere nel mese di maggio nerazzurro;

- Acerbi: all'interno di una stagione più che positiva, un paio di errori macroscopici che hanno rischiato di incidere pesantemente su un match di capitale importanza. Sul secondo errore in impostazione viene salvato da uno strepitoso Onana;

- Casale: all'interno di una partita in cui l'Inter è arrivata a concludere almeno una decina di volte in maniera pericolosa, e con una Lazio che ha troppo sofferto la fisicità e l'ampiezza nerazzurra, resta da sottolineare la prestazione difensiva di Casale. Una delle rivelazioni di questo campionato che anche oggi ha salvato almeno un paio di potenziali goal.

  • 26 anni a base di fùtbol, racchette e capitali del mondo. Contro gli anglicismi inutili.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu