Logo Sportellate
, 8 Gennaio 2023

Considerazioni sparse post Spezia-Lecce (0-0)


Pareggio inevitabile sotto il diluvio. Spezia e Lecce continuano le loro strisce positive.


- Spezia e Lecce non si fanno male. Nonostante entrambe le squadre abbiano provato fino alla fine a portarla a casa, ad uscire fuori è stata una partita sporca e nervosa. Brutta per i più, diciamolo. Non poteva essere che così vista la posta in palio e, soprattutto, considerando le condizioni meteo a tratti proibitive, nonostante il campo ibrido sintetico-naturale abbia retto perfettamente per tutti i 94 minuti, con tanti complimenti ai giardinieri ed agli stoici spettatori paganti;

- I primi minuti della prima frazione hanno regalato momenti di grande Lecce, che ha subito provato a mettere alle corde lo Spezia. L’occasione più plateale è il doppio palo colpito da Blin prima e Gonzalez poi dopo un calcio d’angolo dalla sinistra. Poi è uscito lo Spezia e la partita è diventata estremamente equilibrata, fisica fino allo stremo e assolutamente poco spettacolare. Poche occasioni da rete, una in particolare in cui Gyasi dimostra di non avere molta saggezza calcistica facendosi cogliere in fuorigioco. Dragowski, al rientro dopo il grave infortunio alla caviglia, comunque molto più impegnato di Falcone, oggi spettatore non pagante;

- E’ stata una partita costruita sui duelli individuali, a cominciare da quello tra Umtiti e Nzola, finito con una vittoria ai punti del francese nonostante la buona prova del vice capocannoniere del campionato. Si potrebbe andare avanti con Kiwior-Colombo, Amian-Di Francesco o Holm-Gallo ma in tutte le zone del campo abbiamo assistito agli 1 contro 1 su cui sempre più spesso pone la basi il calcio moderno. Duelli che hanno sfiancato tutti gli interpreti scesi in campo, consci comunque di aver dato tutto in quella che potrebbe essere una sfida decisiva al termine del campionato;

- Difficile considerare prestazioni individuali con un campo così pesante ma due giocatori su tutti, uno per parte, hanno deluso le aspettative in questo piovoso turno invernale. Parliamo di Holm e Di Francesco, due giocatori su cui i rispettivi allenatori hanno costruito i successi recenti. Lo svedese è sembrato spaesato, tecnicamente impreciso e anche fisicamente meno dominante del solito. Di Francesco, invece, ci aveva deliziato contro la Lazio, mettendo in crisi da solo l’intera retroguardia biancoceleste ed offrendo un delizioso cioccolatino che Colombo ha dovuto solo spingere in rete. Al Picco si è presentato il fratello scarso e nervoso, ben contenuto da Amian e polemico durante la sostituzione con Banda. C’è tutto il tempo per tornare ad essere protagonisti di questa lotta salvezza;

- Due squadre serie, forse incomplete ma ben assemblate dai propri allenatori che, dopo un periodo iniziale di studio delle proprie rose, hanno aggiustato il tiro mettendo in campo formazioni sempre sensate. Gotti più propenso a curare la fase di non possesso e di riconquista del pallone (oggi i leccesi erano costantemente raddoppiati), esaltando le qualità di Nzola lì davanti, Barone più propenso a proporre gioco, sfruttando le capacità degli interpreti dei due binari, lasciando spesso a Baschirotto ed Umtiti l’incombenza dei duelli individuali. Per entrambe le squadre continua la striscia positiva che dura da 4 partite.

  • 34 anni, pugliese di nascita, siciliano, ciociaro e ligure d'adozione. Ex pallanuotista, da sempre appassionato di sport in generale ma con una fissazione per il futbòl. Ho visto giocare Ronaldinho contro Romario al Maracanà di Rio de Janeiro nel 1999. Trasmissione sportiva preferita: Tutto il calcio minuto per minuto.

Ti potrebbe interessare

Tutino è diventato un totem

L'attaccante del Cosenza ha brillato in questa stagione.

7 cose che ci mancheranno del Sassuolo

La retrocessione del Sassuolo in Serie B è ormai matematica. Quali elementi hanno reso i neroverdi una squadra peculiare e (forse) irripetibile?

Cole Palmer non sente la pressione

L'esterno del Chelsea è stato votato miglior giovane della Premier League.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Dallo stesso autore

8 nuovi acquisti che ci hanno deluso

Una serie di idee ambiziose ma non ancora ben riuscite.

Perché la Ducati va così forte?

Grazie al lavoro di Gigi Dall'Igna, la rossa è ormai un'avanguardia dell'aerodinamica.

Cosa aspettarsi dalla nuova stagione di MotoGP

La preview della stagione 2023 che comincia questo weekend in Portogallo.

Come Kiwior è arrivato all’Arsenal

L'ex giocatore dello Spezia è un difensore di qualità.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu