Logo Sportellate
, 4 Gennaio 2023

Considerazioni sparse post Lecce-Lazio (2-1)


Una Lazio a due facce le perde entrambe, meritatamente, in terra salentina.


- Quando giochi senza una motivazione qualunque partita la perdi, specie se l'avversario gioca facile e senza troppi fronzoli. Il Lecce è ordinato, pulito, ruvido il tanto che basta ad imbrigliare la squadra di Sarri in hangover dalle festività. Il risultato è giusto per quanto visto in campo. La motivazione è quasi sempre carburante per il risultato finale;

- La Lazio del primo tempo si fa gradire. Passa in vantaggio e ne potrebbe fare quantomeno altri due. Gioca veloce e con concentrazione. Il Lecce, invece, appare un pò intontito e quasi teso ad arginare le folate biancocelesti. Nonostante l'assenza di Luis Alberto ed un Milinkovic sotto tono, il palleggio è fluido e Immobile viene servito con regolarità. La difesa salentina è costantemente in affanno e lì davanti non pungono quasi mai. Si poteva presagire un buon inizio anno. Come, però, detto le motivazioni contano. La voglia e la concentrazione sono essenziali;

- Il Lecce rientra in campo con il piglio giusto. Vuole il pareggio. La Lazio difende anche bene ma non ha ritmo. Non esce fluidamente palla al piede. Si innervosisce, sbaglia e perde costantemente palla nella propria trequarti. Proprio da una di queste nasce il pareggio del Lecce che, fino a quel momento, aveva cercato senza, però, troppa precisione. La Lazio si disunisce, si sfalda e perde ogni riferimento. I salentini lo subodorano e spingono con buona continuità. Un costante pressing e la vittoria di quasi tutti i contrasti portano all'inevitabile secondo gol. Il resto della partita, quasi venti minuti, sono tentativi goffi biancocelesti e ripartenze non troppo convinte del Lecce. Non bastano i cambi;

- Il Lecce è una buona squadra. Corvino l'ha costruita proprio per fare del Via Del Mare il proprio fortino e cercare, così, i punti per la salvezza. Strefezza e Di Francesco danno quel pizzico di esperienza lì davanti utile per mettere in condizione di segnare a Colombo. La difesa balla, spesso troppo, ma regge l'urto non troppo convinto di Immobile e soci;

- Le urla di Sarri si sentono sin qua a Milano. Ennesimo black out. Uno stop che in molti temevano e che puntualmente si è avverato. Stanchezza di tutti prima di tutto mentale e mancanza di applicazione negli schemi. Non è francamente concepibile che ci si ritrovi a vedere un secondo tempo così orrendo sotto ogni punto di vista. La mentalità è sì migliorata ma siamo ben lontani dall'avere un temperamento che possa permettere di guardare alle prime posizioni di classifica. Sarri ha molto ancora da lavorare.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.

Storie di calcio popolare a Milano: l'esempio del St. Ambroeus

Come una squadra amatoriale vuole fare da centro culturale del suo quartiere.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu