Article image
2 min

- di Antonio Mazzolli

Dietro la lavagna: le pagelle che non ci sono piaciute


Per chi ha bisogno di conforto dopo un 65,5 al fantacalcio, per chi non può credere nella valutazione data a quella prestazione, per chi non crede nel cuore (e nella competenza) di tanti “pagellisti”, sappiatelo: vi siamo vicini e lottiamo con voi. Ecco la selezione delle pagelle lette dopo questo weekend, che proprio non ci sono piaciute.


Abraham 5,5 - Fantacalcio.it

Spiace prendersela spesso con il centravanti inglese, ma ieri la sua prestazione nel derby è risultata scialba e di basso spessore. Non ha occasioni e il gioco di Mourinho, forse il meno spettacolare della Serie A, non lo aiuta.

Sembra essere entrato in un tunnel da cui è difficile uscire: sono passati due mesi dall'ultimo gol, il secondo in campionato. Meritava un'insufficienza più grave.

Angel Di Maria s.v. - Fantacalcio.it

Continua l'equivoco dei senza voto per i pagellisti. La soglia del quarto d'ora per prendere una valutazione sembra un criterio ormai superato: dovremmo affidarci solamente a ciò che si vede in campo, anche con 5' giocati, se questi aiutano a decidere un risultato.

Di Maria è protagonista nell'azione del 2-0 della Juventus, avviando l'azione, e in più risulta molto utile nel conservare la sfera nei preziosi minuti che gioca. Una sufficienza, non di più, sarebbe stato il voto più giusto.

Hans Hateboer 5,5 - Fantacalcio.it

L'inizio è incoraggiante, come quello di tutta l'atalanta, ma col passare dei minuti aumentano le corse vuote e l'inconsistenza in fase offensiva. Sul giudizio pesa l'azione del gol di Elmas, nella quale l'olandese pur vedendo arrivare il giocatore del Napoli gli lascia metri di spazio, che permettono a questo di stoppare e sistemarsi il pallone per calciare.

A nostro avviso, poteva starci un'insufficienza piena.

Thiago Motta 6,5 - Gazzetta dello Sport

Il voto è giustificato dal “ha sbagliato formazione iniziale o azzeccato i cambi?”. La realtà è che se al 60’ rivoluzioni la squadra e chi entra cambia la partita (gol per Orsolini, assist per Soriano), hai fatto ben più di ciò che un allenatore dovrebbe fare ogni domenica.

Decisivo sulla lettura gara, ma anche apprezzabile per ruolino di marcia: 9 punti nelle ultime 3 gare. Un bel 7 pieno, magari anche di più, ci poteva stare.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Nato nel 1997 nella provincia toscana e laureato in Scienze della Comunicazione a Siena. Innamorato del calcio grazie alla partita del Torneo di Viareggio che si giocava una volta all'anno nel mio paese e alle VHS con le sfide della Juventus per intero. Tifoso dei bianconeri, dell'Hockey Follonica (squadra della mia città) e della vecchia Montepaschi Siena. Mi emoziona qualsiasi tipo di impresa sportiva e cerco di scoprire prima il lato umano e poi agonistico dei protagonisti nel mondo dello sport. In attesa di ricominciare a studiare, osservo, memorizzo e prendo appunti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu