Logo Sportellate
, 6 Novembre 2022

Considerazioni sparse post Juventus-Inter (2-0)


La Juve apre una finestra sul futuro.


- La Juve si libera dalle catene in cui si era intrappolata e trova la serata che aspettava da tempo. Tutto ha funzionato in una partita capace di segnare un prima e dopo nella narrazione di questo travagliato Allegri II. La Juve ha vinto senza tracce di passato, senza corto muso, senza Minnesota, aprendo finalmente una finestra sul futuro. L’Inter crolla in maniera netta e sprofonda a meno undici punti dal Napoli. Una condanna all’incirca definitiva sulle possibilità di Scudetto;

- Tanti scontri diretti fallimentari dell’Allegri II sono girati su episodi su cui oggettivamente la Juventus è stata spesso poco fortunata, in un infinito contrappasso contro quella Juventus caterpillar del primo Allegri, chirurgica nel far girare gli episodi. Stasera l’Inter avrebbe meritato di chiudere in vantaggio il primo tempo e non è successo per episodi. In particolare la svirgolata clamorosa di Dumfries, praticamente a porta vuota, taglia in due la partita. Nella ripresa la Juve ha la forza di ribellarsi e di andare di forza a prendersi l’occasione. La ribellione è tutta nelle gambe di acciaio di Kostic, che sguscia su Barella e corre, corre, corre, corre, fino a squarciare l’Inter;

- Inzaghi potrà recriminare per le occasioni fallite nel primo tempo ma il crollo del secondo tempo non merita giustificazioni. L’Inter è finita inghiottita dall’atletismo della Juventus, mostrandosi improvvisamente una squadra vecchia e troppo monocorde. Il declino totale di Skriniar sul lato destro del campo continua ad essere il principale disclamier tra l’Inter di ferro delle ultime due stagione e l’Inter gelatinosa che vediamo quest’anno. Davanti la carta d’identità di Dzeko non lascia scampo e Dumfries a destra sembra in decisa involuzione. Inzaghi dovrà governare una stagione di transizione, con tanti giocatori con i capelli bianchi a fine ciclo e pochi giovani da buttare nella mischia. Si puó comunque fare bene ma questa squadra non puó guardare troppo lontano;

- Nelle crisi si creano le opportunità. Avremmo visto giocare con tanta continuità Fagioli e Miretti senza i problemi di McKennie, Paredes e Pogba? Probabilmente no. Allegri si aggrappa alla gioventù e, in barba a tutti i suoi ideali sul percorso graduale dei ragazzi, emerge dalle tenebre anche grazie a loro. Due meriti indiscussi peró vanno appuntati sul petto del livornese. La virata decisa sulla difesa a tre, fondamentale per far esprimere al meglio il talento puro di un difensore sensazionale nell’anticipo come Bremer e il non aver mai messo in discussione Adrien Rabiot, anche nelle notti più cupe. Il francese è sbocciato ed era ora. Un giocatore dei suoi mezzi non poteva continuare a restare nell’anonimato ancora a lungo;

- Allegri è rimasto a Torino dopo una serie di prestazioni raccapriccianti, Monza e Maccabi Haifa su tutte. È rimasto in sella per ragioni che poco hanno a che fare con il campo e il suo esonero ad un certo punto sarebbe stato sacrosanto. Nella tempesta, il gruppo ha accettato di continuare con Allegri e ha saputo ritrovare un’idea di unità, a lungo persa. A un certo punto sembrava improbabile. Ora torneranno un po’ di infortunati e le cose possono in fondo ancora migliorare. La Juve di stasera ha finalmente mostrato segnali di discontinuità tattica con il passato. La tempesta sembra alle spalle, ma che fatica.

  • È nato pochi giorni dopo l’ultima Champions League vinta dalla Juventus. Ama gli sportivi fragili, gli 1-0 e i trequartisti con i calzettini abbassati. Sembra sia laureato in Giurisprudenza.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Gaucci, l'insaziabile

Un estratto dall'articolo su Gaucci che trovate nel nostro magazine.

Anatomia dell’Allegrata

E come imparare a riconoscerla.

Cinque giocatori con una stagione da salvare

In sole tre partite. Joaquin Correa Brother, where art thou? […]

Cinque cose da seguire nella Formula 1 2022

Pronti per il Gp di Arabia Saudita? 1- Le prove […]
1 2 3 8
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu