Logo Sportellate

Considerazioni sparse post Napoli-Rangers (3-0)


Il lupo perde il pelo, ma non il vizio: anche il Napoli cambia pelle e diversi uomini, ma come al solito in Europa ne fa tre e ipoteca quasi al 100% il primo posto.


- Spalletti aveva detto di non fare scelte per il turnover, ma solo per vincere, ma i suoi sono talmente bravi che gli permettono di fare entrambe le cose: sono sei gli uomini diversi rispetto alla formazione titolare dell'Olimpico, eppure il risultato non cambia affatto. Il Napoli, pur con qualche "seconda linea" (il virgolettato è d'obbligo), continua la sua corsa a suon di gol, ben 20 in cinque uscite europee;

- I primi minuti della partita sono calcio all'ennesima potenza: il Napoli si diverte a fare l'Houdini della situazione, e come un navigato illusionista nasconde il pallone per minuti interi agli scozzesi, che si ritrovano a correre a vuoto quasi come tori da sfiancare prima di venir matati dal torero;

- I panni del torero li veste Simeone: per lui zero minuti nelle ultime tre, ovvero dal rientro di Osimhen, ma per lui zero polemiche e due gol (4 totali in Champions) a dire senza mezzi termini che lui è lì, a disposizione, pronto a dare il suo contributo. A proposito di Simeone: la sua chimica con Mario Rui (terzo gol del Cholito su assist del portoghese) è roba da studiare nei laboratori delle migliori università del mondo;

- I Rangers ci provano in tutti i modi, ma non riescono a non recitare la parte della vittima sacrificale: gli scozzesi per la verità provano anche a giocarsela e fare la propria partita in maniera encomiabile. La verità però è che i Rangers non sono forti abbastanza per la Champions, e in particolare per questo Napoli;

- Con questa vittoria il Napoli fa 5 su 5, con +16 di differenza reti. Un dato non da sottovalutare, visto che resta da giocare la trasferta ad Anfield contro il già qualificato Liverpool, valida per il primo posto: gli azzurri però ci arrivano nelle migliori condizioni. Vero, il Napoli storicamente è abituato a complicarsi la vita da solo: stavolta però gli azzurri devono davvero impegnarsi, visto che il primo posto può sfuggire solo con una sconfitta con quattro gol di scarto...

  • Nato per puro caso a Caserta nel novembre 1992, si sente napoletano verace e convinto tifoso azzurro. Studia Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Napoli "Federico II", inizialmente per trovare una "cura" alla "malattia" che lo affligge sin da bambino: il calcio. Non trovandola però, se ne fa una ragione e opta per una "terapia conservativa", decidendo di iniziare a scrivere di calcio e raccontarne le numerose storie. Crede fortemente nel divino, specie se ha il codino.

Ti potrebbe interessare

La rivincita del Barcellona femminile

Bonmatí e Putellas regalano alle blaugrana al terza Champions League.

Il PSG si sta trasformando

L'anno prossimo Luis Enrique continuerà a plasmare il PSG.

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

È tornato lo Squadron

Un anno da sogno condensato in una notte.

Dallo stesso autore

9 gol per ricordare Fabio Quagliarella

Celebriamo così la carriera di uno straordinario esteta del gol.

Che fine ha fatto Jesper Lindstrom?

Abbiamo raccolto tutte le comparsate del danese.

Tu me diciste: «Sì» 'na sera 'e maggio

La notte dei festeggiamenti del Napoli vissuta da Largo Maradona.

Tutti gli esoneri del presidente

Un estratto dell'articolo su Maurizio Zamparini che trovate nel nostro magazine.
1 2 3 8
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu