Logo Sportellate
, 18 Settembre 2022

Considerazioni sparse post Cremonese-Lazio (0-4)


Quanto accaduto in Danimarca è stato archiviato brillantemente in terra lombarda.


- Rotondo. Netto. Nonostante questo, il risultato non dà pieno merito ai grigiorossi perché, a prescindere dalle evidenti sbandate difensive e la palese inesperienza nella massima serie, hanno provato ad impensierire Provedel fino all'ultimo minuto disponibile. Dall'altro lato, la Lazio si è dimostrata solida, efficace, bella e sciupona, specie nella seconda parte di gara;

- Nella patria del violino, nella città natale di Stradivari, Savic si erge a interprete sublime. Dirige l'orchestra sarriana, dettando ritmi e tempo. A memoria con Immobile. Lo vede e lo serve in spazi impensabili. Questo, poi, finalizza magistralmente. I biancocelesti non si saziano e dimostrano la voglia di dimenticare quanto accaduto in terra danese. La cornice di pubblico biancoceleste rende tutto ciò ancora più bello. Tre a zero e poi o tempo in archivio;

- La squadra di casa prova nella seconda parte a riaprire il risultato ma trova davanti un Provedel da incorniciare. Anderson, Immobile e soci sprecano almeno tre, quattro palle gol lapalissiane. Il ritmo è sempre elevato e ciò che conforta sono i vari cambi che Sarri ha a disposizione. Non fanno calare la qualità che rimane costante. Così come la concentrazione. Pedro, per l'appunto subentrato, chiude definitivamente la partita. Quattro a zero;

- Si è detto di Savic, da stropicciarsi gli occhi. Immobile quasi infallibile. Anderson in partita. Provedel un muro. Bene Casale e Patric. Cataldi in partita. Pedro e Luis Alberto entrati e subito determinanti. Così come Gila e Romagnoli. Vecino puntuale in tutte e due le fasi. La squadra c'è. Segue Sarri che ottiene ciò che chiedeva e non ha visto in Europa;

- Alvini non snatura la sua squadra. Gioca bene ma per palesi disattenzioni e tanta inesperienza facilita il compito alla Lazio. Valeri molto bene sulla sinistra. Okereke e Dessers lottano ma senza esiti rilevanti. Bianchetti e Sernicola provano a scuotere la squadra. Unica strada per la salvezza è maturare mentalmente continuando a giocare così come Alvini fa.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.

Storie di calcio popolare a Milano: l'esempio del St. Ambroeus

Come una squadra amatoriale vuole fare da centro culturale del suo quartiere.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu