Logo Sportellate
, 5 Settembre 2022

Considerazioni sparse post Monza-Atalanta (0-2)


Essere vincenti non significa essere belli. Con la vittoria di Monza, però, l'Atalanta guarda il resto della Serie A dall'alto in basso.


- Dopo la prima frazione gioco, Gian Piero Gasperini si conferma un rabdomante alla ricerca dell’elisir di lunga vita per la sua Dea. Il 4-2-3-1 iniziale mostra distanze tra difesa e centrocampo degne della Pampa più sterminata, simbolo anche della sterilità offensiva degli avanti nerazzurri. L’Atalanta di questo inizio di stagione assomiglia a Frankenstein: una creatura costituita dall’assemblaggio di pezzi di corpi diversi, opposti e antitetici tra loro. Il risultato, fin ad adesso, ricalca la medesima mostruosità del personaggio di Shelley. Mostruosa, nel senso più etimologico del termine. Monstrum: oltrepassante i limiti della normalità, o almeno del consueto aspetto delle passate edizioni bergamasche del Gasp;

- Che sia una squadra fragile e “leggera” è limpido, cristallino. Il Monza di Stroppa, tuttavia, ha qualità in ogni reparto, e coi ritmi dei primi di settembre può anche essere sufficiente per tenere il campo contro compagini più “pesanti”. Il trio Pessina-Sensi-Rovella manipola con facilità i mediani atalantini, ma il castrato Caprari e Dany Mota non sono (ancora) capaci di garantire il necessario impatto in termini di personalità e finalizzazione. La strada intrapresa è lunga, tortuosa, irta di strappi, come un passo alpino. Se la società avrà fiducia nel suo sherpa, prima di abbandonare il cammino e fermarsi all’ennesimo tornante, non è detto che la vetta rimanga un miraggio;

- L’Atalanta del secondo tempo è trasformata. O meglio: le è sufficiente alzare di un paio di giri il motore e il divario tecnico coi brianzoli viene a galla. Le accelerazioni di Lookman e Ederson ai lati di Caldirola e Marlon sono mortiferi, e l’ingresso di Soppy per il boccheggiante Zappacosta ha innalzato il livello atletico di tutta la squadra. L’Atalanta è un diesel: ci metterà ancora del tempo prima di raggiungere una velocità di crociera che le possa consentire di stare nei piani alti della classifica, frequentati al momento anche oltre i meriti del terreno di gioco. Per adesso è sufficiente procedere a passo lento, a tratti insicuro. Ma Gasperini e il suo branco stanno risvegliandosi dal letargo, pronti ad azzannare le vulnerabili prede;

- Con l’avanzare dei minuti, la struttura di Stroppa si è rivelata nuovamente troppo fragile per la Serie A. Manca compattezza e unità, forse mentale e caratteriale ancor prima che tecnica. Tempo al tempo, recita l’adagio. Concedere a Hojlund l'onore di aprire il conto delle proprie marcature in A non è di certo il miglior viatico, ma il palleggio del Monza non sembra insostenibile sul lungo periodo. A patto che, da Di Gregorio a Petagna, si remi tutti nella stessa direzione. La concorrenza non è spietata ma è numerosa: se Monza vorrà vivere altre stagioni nella massima serie, le fondamenta del gruppo forgiato da Galliani devono solidificarsi. Possibilmente in fretta.

  • (Bergamo, 1999) Calcio e pallacanestro mi hanno salvato la vita, ma anche il resto degli sport non è male. Laurea in Lettere, per ora, solo un pezzo di carta.

Ti potrebbe interessare

7 cose che ci mancheranno del Sassuolo

La retrocessione del Sassuolo in Serie B è ormai matematica. Quali elementi hanno reso i neroverdi una squadra peculiare e (forse) irripetibile?

Attenti a Saelemaekers

Il giocatore più odiato del Bologna, ma anche quello più vivace.

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

Che finale di Coppa Italia aspettarsi?

5 domande (e 10 risposte) sull'Atalanta-Juventus dell'Olimpico, riedizione della finale di Coppa Italia 2021.
,

Dallo stesso autore

Che finale di Coppa Italia aspettarsi?

5 domande (e 10 risposte) sull'Atalanta-Juventus dell'Olimpico, riedizione della finale di Coppa Italia 2021.
,

Il rapporto tra calcio e mafie, intervista a Raffaele Cantone

Con l'ex magistrato antimafia abbiamo parlato del ruolo delle mafie nel calcio.

Essere vice dell'Ungheria, intervista a Cosimo Inguscio

Più orgoglio per la qualificazione a Euro2024 o per la cittadinanza onoraria ungherese?

Che Giro d'Italia 2024 aspettarsi?

Da Torino a Roma: favoriti, protagonisti, tappe, squadre, sorprese.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu