, 11 Agosto 2022

Considerazioni sparse sull'arrivo di Kostic alla Juventus


Nell’ansia di un precampionato paurosamente in linea con la stagione passata, la Juve chiude un acquisto che le dona equilibrio, flessibilità e qualche cross fatto come si deve. Basterà?


- La Juve porta a casa un giocatore esperto (‘92), che ha appena vinto in campo europeo, duttile e con buone capacità in fase offensiva. Allegri ha chiesto e ottenuto un giocatore che, molto vagamente, può ricordare Cuadrado per impiegabilità sull’esterno. Il serbo non è l’uomo che sposta tecnicamente gli equilibri (per quello si deve attendere il ritorno di Federico Chiesa) ma di certo può aiutare i bianconeri a ritrovare l’equilibrio tattico mancato nelle ultime stagioni;

- Juve con Kostic anche a 3? Ragionando con le teste a disposizione e con le difficoltà di oggi 9 agosto, di sicuro l’esterno serbo può essere l’uomo chiave per un eventuale passaggio al 352. Se infatti il nuovo 433 provato in estate dovesse continuare a stentare, anche a causa dei lungo degenti Pogba e Chiesa, l’idea di un ritorno al passato con l’accorto modulo a tre potrebbe essere più che un’opzione con Kostic e il gemello diverso Cuadrado esterni a tutta fascia. I problemi, forse, si aprirebbero nel reparto arretrato dove numericamente la coperta sarebbe corta;

- Ma se, come previsto, l’impiego sarà nei tre davanti quale contributo è lecito attendersi? Goal? Un po’ pochini. Assist? A profusione! Dai dati transfermarkt, nel solo campionato tedesco, il serbo vanta una media di circa 12 assist annui, conditi da 4 reti, nella sua esperienza a Francoforte. In una squadra con un palese deficit offensivo, orfana per chissà quanto del contributo di Chiesa, Pogba e Mckennie aver trovato una fonte alternativa di gioco e occasioni è di cruciale importanza. C’è sempre quel problema di rifornimento palloni da dietro ma qui il buon Kostic potrà poco. Citofonare Cherubini per soluzioni;

- Siamo sicuri che le statistiche di cui sopra, unite a quelle di Di Maria, abbiano fatto tornare un leggero sorriso al compagno di nazionale Dusan Vlahovic. Ad essere il maggior indiziato a beneficiare dell’arrivo dell’esterno ex Eintreicht è proprio il bomber bianconero che, finalmente, potrà godere di rifornimenti dall’esterno per sfruttare le proprie doti fisiche e di spunto senza dover sempre agire spalle alla porta. Anche una certa riscoperta del cross, di cui Kostic è ottimo interprete, potrebbe fare molto bene al 9 serbo;

- Intensità fisica fin da subito, un vezzo da non sottovalutare. In una Juventus con l’infermeria piena e apparsa ancora imballata dalla preparazione estiva potrebbe rivelarsi decisivo,soprattutto nelle prime giornate, l’innesto di un giocatore di gamba e già in condizione. Memori infatti dei punti persi nelle prime gare della stagione passata, e di quanto questi abbiano inciso a fine anno, non va trascurata l’opportunità di sfruttare l’esterno serbo come arma nelle prime uscite. Vedremo se Allegri oserà già da lunedì sera.

  • Rimini 10/11/1996. Laureando magistrale in Gestione d'Impresa in LUISS, l'unica cosa gestita fino ad ora è il budget da allocare tra i vari Sky, Dazn, Eleven Sport, stadi, scarpe da running, skipass, campi da tennis e calcetto per soddisfare una fame ancestrale ed insaziabile di Sport. Ex arbitro, sogna un calcio dove il direttore di gara non sia l'oggetto di sfogo di una società frustrata.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu