Logo Sportellate
, 11 Agosto 2022

I 5 centrocampisti "low cost" da comprare all'asta del Fantacalcio


Leggere attentamente il foglio illustrativo e tenere lontano dalla portata dei rivali che vi sfotteranno durante l’asta: questi 5 centrocampisti low cost al Fantacalcio sono da considerarsi tra un 5° e un 8° slot. Amanti del brivido e dell’imbarazzante silenzio dopo l’unico vostro rilancio a 1 durante le calde notti d’estate seduti attorno a un tavolo tra birre e fogli, ora potete prendervi cinque minuti e magari appuntarvi i nomi di questi 5 centrocampisti per il vostro Fantacalcio 2022-2023.


Jean-Victor Makengo

Classe 1998 francese alla sua terza stagione consecutiva all’Udinese. Ha chiuso il 2021-2022 con una MFV di 5,98 (non esaltante) ma è stato il secondo centrocampista per presenze (33, dietro a Walace con 35) e il secondo per partecipazioni ai gol (una rete e 3 assist), al pari di Samardzic, dietro a Pereyra.

Garantiamo la possibilità di aggiudicarselo a un solo credito. Nessuno metterà la mano sul fuoco riguardo la sua titolarità per tutta la stagione, perché la concorrenza c’è, oltre a un tecnico nuovo in panchina, però Makengo resta lo stesso un ottimo gregario da attenzionare.

Toma Basic

Seconda stagione alla Lazio, ancora uno zero nella casella dei gol segnati in Serie A (nonostante 29 presenze nel ’21-’22). La concorrenza per lui è altissima, ma le 37 apparizioni complessive della scorsa annata sono comunque un buon biglietto da visita e il pre-campionato che si sta per concludere ha lasciato ottime sensazioni su di lui.

Sicuramente la MFV (5,88) della passata stagione è migliorabile. Considerando il calendario fittissimo (così come per quasi tutte le big) e il futuro incerto di Luis Alberto a circa tre settimane dalla fine del calciomercato... provateci. Anche per Basic parliamo di un 6°-8° slot da prendere a non più di 3-4 crediti.

Albin Ekdal

Ha cambiato maglia e provincia, ma non regione, svincolato dopo tre stagioni alla Sampdoria. Biennale con lo Spezia di Gotti e del direttore Pecini (che lo aveva avuto in blucerchiato). Gli piace restare in riva al mare (vedasi anche l’esperienza al Cagliari, 2011-2015) e forse questo potrebbe aiutarlo a sentire meno gli anni che ormai passano anche per lui (classe 1989). Dovrebbe - più che teoricamente - prendersi le chiavi del centrocampo a cinque delle Aquile. Pochi bonus - soltanto 3 gol in A con la Samp in 119 presenze - ma dall’altra parte è plausibilmente il titolare esperto di una piccola con cui - piccoli acciacchi permettendo - giocherà praticamente sempre. Lo tenete come 7°-8° slot a un credito e, dovesse buttar male tra infortuni e squalifiche nella vostra rosa, probabilmente assaporerete l’ebbrezza di Ekdal titolare.

Tommaso Pobega

Ha appena rinnovato con il Milan fino 2027. Di fatto, è un rossonero dal 2013 (acquistato dalla Triestina) ed è l’unico della rosa proveniente dal settore giovanile su cui Paolo Maldini e co. hanno sempre creduto. Lo dimostrano i quattro prestiti consecutivi con Ternana, Pordenone, Spezia e Torino. Due stagioni in B e due in A. Le ossa se l’è fatte per bene (1’88 per 75 chili, ma è impossibile che pesi così poco) e, dopo aver girovagato per l’Italia, il biondo friulano si sente pronto e carico per giocarsi ogni chance che Pioli gli concederà. E secondo noi non saranno poche: senza l’arrivo di Sanches (ma di sicuro un altro centrocampista verrà fatto), con i tanti impegni tra Champions e Serie A, Pobega può ritagliarsi il proprio spazio.

Bennacer, Tonali, Krunic e poi lui, con Bakayoko probabile partente. L’unico difetto sono i cartellini (11 ammonizioni al Torino la scorsa stagione), ma i suoi inserimenti e la sua fisicità non trovano, per ora, un doppione nella rosa a disposizione di Pioli. Valore aggiunto e... sottovalutato: già 10 gol e un assist nel massimo campionato italiano, in 53 presenze totali.

https://www.youtube.com/watch?v=lUuZRFO6UKg

Joan González

Praticamente non lo conosce nessun profano al di fuori del Salento. È un 2002 spagnolo passato per le giovanili del Barcellona (due stagioni in Under-18 e 19). Alto 1’90, è duttile, a centrocampo può ricoprire ogni ruolo, anche se nasce come difensore centrale. Pantaleo Corvino lo ha strappato gratis ai blaugrana. Nel 2021-2022 ha collezionato 8 gol e 3 assist in 31 presenze nel campionato di Primavera 1 con i salentini. La sua evoluzione tattica lo ha portato dal reparto arretrato alla metà campo, con caratteristiche più difensive e da canterano puro: spazi, palleggio, ricerca del compagno libero e grande tecnica. 

Di fatto ci sono tutti i presupposti per l’ennesima ‘corvinata’ e noi ci speriamo davvero (anche se il Lecce ’22-’23 è pieno zeppo di talenti sconosciuti e qualcuno verrà fuori per forza).
Se tutto procederà come da attuale copione, il ragazzo giocherà da mezzala al fianco del vertice basso Hjulmand.

In ogni caso, è l’8° slot più esotico che ci possa essere in questa stagione.

  • Spezzino, nato sei giorni dopo la vittoria del Pirata al Tour. Ho nuotato, giocato a calcio e preso un sacco di botte con il judogi. Mi sono rifatto con fischietto e cartellini, arrivando fino in Eccellenza (sempre e solo futbol) a diciannove anni. Malato di calcio dalla prima elementare, ormai da anni rinuncio all'abbronzatura per seguire la Grande Boucle e quante più corse possibili. E, quando voglio esaltarmi, guardo quel terraiolo di Manacor che non è niente male con la racchetta in mano.

Ti potrebbe interessare

La lezione che ci ha dato Gian Piero Gasperini

Il primo trofeo della sua carriera è coinciso con una lezione morale.

Ligue 1 2023/24, la squadra della stagione

Lilla, Nizza e Brest la fanno da padrone.

Tomás Esteves può giocare ovunque

Il giovane portoghese è un può giocare praticamente ovunque.

Premier League 2023/24, la squadra della stagione

Una squadra abbastanza fluida per un campionato abbastanza fluido.

Dallo stesso autore

Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu