Article image
,
2 min

- di Redazione Sportellate

Cosa resterà di questa Italia di Mancini


Sicuramente questa è la Nazionale Italiana più paradossale della storia del calcio azzurro, capace di mantenere salda la tradizione inaugurata da mister Ventura e da molti calciatori fallendo la qualificazione la seconda qualificazione mondiale consecutiva, ma riuscendo nel mentre a vincere un Euroepo. Come ricorderemo in futuro l'Italia del Mancio?


La storia si è ripetuta anche con Mancini e azzurri fuori dal secondo Mondiale consecutivo. Gli articoli sensazionalistici su un possibile ripescaggio degli Azzurri si sprecano ma non vanno oltre la Fantacalcisticologia: più fantascienza che sport.

Se con la vittoria di Euro 2020 in finale contro l’Inghilterra proprio nello stadio di Wembley, gli Azzurri si erano addirittura piazzati tra i favoriti su Betfair scommesse per competere ai Mondiali qatarioti e solo la beffa contro la Svizzera nei gironi di qualificazione, aveva abbassato le quote (salvo poi crollare definitivamente contro la Macedonia del Nord), la decisiva sconfitta per 3 - 0 contro l’Argentina ha messo in risalto tutti i problemi che Mancini dovrà risolvere.

L’Italia di Mancini da record positivi

Con 37 risultati utili consecutivi, gli Azzurri di Mancini hanno iniziato una cavalcata il 10 ottobre del 2018 che è durata fino al 6 ottobre 2021: ben 3 anni senza mai perdere e con un Europeo vinto grazie alla forza delle idee e un duro lavoro di squadra. Mentre le quote sui siti come Betfair davano l’Italia di Mancini spesso favorita anche l'impresa di Wembley, la squadra iniziava a balbettare, non riuscendo più a esprimere l’idea di calcio vincente che l’aveva contraddistinta in questi tre anni.

L’Italia di Mancini da record negativi

Quando nella gara d’andata contro la Svizzera per le qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022, Jorginho sbaglia un rigore decisivo al minuto 53 e la partita termina con il risultato di 0-0, siamo solo all’inizio del declino Azzurro.

Il campione del Chelsea si ripete nella gara di ritorno sempre contro la Svizzera, sbagliando un altro rigore al novantesimo e lasciando il risultato finale fisso sul pareggio: 1-1.

Gli Azzurri cadono nell’inferno degli spareggi e contro la Macedonia del Nord, ancora Jorginho al minuto 92 lascia passare Trajkovski sui 30 metri, fermandosi e reclamando un presunto fallo. Ma fallo non è. Il Macedone calcia e trafigge Donnarumma, al primo tiro in porta effettuato dalla Macedonia.

L’Italia esce fuori dai Mondiali per la seconda volta consecutiva, senza neanche partecipare ai gironi.

Certo, la colpa non può essere addossata al solo numero 8 azzurro: tutto il reparto offensivo si è dimenticato di come si segna un gol e anche la difesa ha le sue colpe. Su tutte poi, abbiamo le colpe di un CT, Roberto Mancini, totalmente incapace di cambiare rotta e riprendere in mano la gestione di una squadra che fino a qualche mese prima sedeva sul tetto d’Europa.

Cosa resterà degli Azzurri di Mancini

Mentre Roberto Baggio suona a voce alta "l’Italia deve partecipare di diritto ai Mondiali di Qatar", molti giocatori hanno abbandonato la Nazionale e sembra che Immobile, Insigne, Bernardeschi e forse anche Bonucci appartengano a un passato ormai lontano.

Non resterà nulla di questa Italia di Mancini se non la vittoria di Euro 2020, ma il dolore sportivo provato per la mancata qualificazione ai Mondiali, rischia di eclissare qualsiasi cosa di buono fatta fino a oggi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Dal 2012 la Redazione di Sportellate.it interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu