Logo Sportellate
24 Maggio 2022

Da 10 a 1: diamo i voti al GP di Spagna


Ci siamo collegati venerdì e abbiamo staccato intorno alle 17 di domenica: per 72 ore di fila abbiamo sentito come nemmeno nelle discoteche più monotone "che caldo che fa" "temperature altissime" "asfalto bollente". In mezzo a questa pressione psicologica c'è pure stata qualche curva degna di nota. Parliamo di queste.


Voto 10: Dark Toto and his secret M A S T E R P L A N

Avevamo lasciato Toto a Imola in preda al panico, con un laconico 5 a rimarcare l'apparente stato confusionale in cui versava la Mercedes. E invece, dopo questo weekend, forse c'è da chiedersi... se Toto avesse tutto sotto un attentissimo e programmatissimo controllo anche 'sta volta? La Mercedes mette in pista 2 macchine competitive, non da primo posto, quello ok, ma comunque competitive e particolarmente fastidiose. Russell sta sempre più fondendo le proprie sinapsi tattili all'istinto della macchina ed è prossimo alla sinergia ideale con la sua monoposto, Hamilton frigna ma viene zittito e messo in riga alla velocità della luce, messo in condizione per una performance rapida e svelta. Che gara sarebbe stata senza quel contatto con Magnussen? Che gara sarà Monaco per le Mercedes? E se Toto avesse fregato tutti anche questa volta? Quel dolcevita nero da signore dei Sith incute ancora timore in tutto il Paddock. Menzione d'onore: Russell in difesa su Verstappen, oh che manici d'altri tempi.

Stavamo tutti aspettando Toto Wolff con la sua skin da Sith Lord.

Voto 9: il tasto del DRS di Max

Quel tastino di plastica nello specifico ha aggiunto quella percentuale di imprevisto perfetta per tenere una prima metà di gara a splendidi giri, dalle battaglie con Russell, ai radio di Perez che reclama strada, a tutto quello che ne è conseguito, diamo 9 alla percentuale di piccola imprevedibilità che scompiglia le carte ma, per fortuna (siamo sportivi dai), non rovina la gara a nessuno. Il nervosismo di Max via radio era la linea comica di cui avevamo bisogno in questo CALDISSIMO - non so se avete capito da Vanzini che era veramente caldo a Barcellona - weekend catalano, ci siamo fatti due risate, poi è tornato tutto a posto dai... più o meno.

Voto 8: Valtteri Bottas

L'Alfa Romeo veleggia tranquillamente in top ten e tra le prime posizioni di classifica costruttori perché c'è lui, e basta. Zhou, sulla cui pronuncia corretta interpelliamo nuovamente Vanzini, in queste ultime gare ha mostrato un po' di fragilità sua e anche qualche punto debole della macchina. Bottas invece fa sembrare tutto facile. Gli chiedono pure di fare 16mila giri sulle gomme gialle, a un certo punto inizia a perdere 2 secondi a giro "eh raga qua mi sa che siamo andati un po' lunghi", dai box gli dicono "Valtteri, statt'accuort", e gli chiedono di finire la gara comunque su quelle gomme... e lui la finisce senza battere ciglio. Diciamo che senza Bottas l'Alfa Romeo non sarebbe. E diciamo anche che dopo tutti quegli anni di feroci E MERITATISSIME critiche in Mercedes, Bottas si sta godendo come non mai la pensione italiana.

Bottas ci mostra tramite Instagram tutta la quiete che si respira in Alfa Romeo

Voto 7: Ferrari

Io questa volta a Sainz non lo do il voto perché poi mi fanno 2 coglioni così che siamo troppo severi con Sainz, e allora facciamo un punto medio di tutto il weekend rampante: 7.

Chiudiamo un occhio sul motore di Carletto perché un po' ci tocca farlo, è da inizio stagione che non abbiamo ancora avuto problemi considerevoli, mentre i competitor un paio di problemini li hanno avuti, e una variabile di imprevisto era da tenere in considerazione. Chiaro che bruci particolarmente vista la piega che aveva assunto il GP, ma ogni tanto dobbiamo anche accontentarci.

Non chiudiamo un occhio invece su quella sabbiata di Sainz e conseguente inseguimento all'acqua di rose. Teniamo in considerazione lo stato in cui la macchina si è presentata in griglia domenica. Dai problemi che erano emersi nelle gare precedenti Binotto e soci hanno fatto una pila di post-it e poi li hanno, apparentemente, risolti tutti. La velocità, il controllo delle gomme, il tutto senza snaturare la rossa macchinina. Un primo pacchetto di aggiornamento che SEMBRA abbia portato risultati, peccato poi la gara non sia finita ma come abbiamo detto, chiudiamo un occhio. L'incognita più grossa dietro alla Ferrari, a livello di campionato, era proprio la capacità di portare aggiornamenti durante l'anno incrementando e tenendo testa ai competitor.

Questo primo checkpoint sembra, al momento, segnato in positivo. Per cui, facendo una rapida botta di conti, un 7 se lo meritano. Menzione d'onore: Carletto in giro secco. Attenzione perché forse potremmo aver sguinzagliato un animale da qualifica di vecchio stampo.

Voto 6: Lando.........Norris...............

Nel senso: che noia. Il suo compagno di squadra è un debosciato. La macchina non trasmette alcuna speranza. Lui si trova a cercare di fare il possibile e alla fine la piazza sempre lì che più di così non può proprio fare con quella papaya che rotola e però che palle è giovane è bravo per favore. Lando è rischia la depressione se continua così. O gli date una macchina decente, o quantomeno gli riconoscete che Ricciardo è un pirla e se ci sono dei meriti sono solo ed esclusivamente a firma Norris. 6 è il voto più noioso del mondo e purtroppo ritrae al meglio l'attuale Landone.

Voto 5: Faenza e l'Alpha Tauri

Che in realtà è un voto un po' confuso, perché da una parte c'è comunque Tsunoda che nonostante la carretta porta punti, mentre Gasly è sempre più fumoso... ma cos'è successo? O cosa sta succedendo, visto che da una parte sembra ormai sempre più delinato lo swap Gasly-Tsunoda nelle gerarchie di classifica, e dall'altra la macchina sembra non avere proprio una strada tecnica delineata, mentre la sorella maggiore ha un toro che effettivamente sbuffa fumo e lo fa anche con una certa pressione. Se 6 è il voto più noioso, 5 è il voto più stronzo perché non vuol dire proprio niente e per di più non è nemmeno sufficiente. E quindi eccolo assegnato alla scuderia faentina. Speriamo di vedervi prestissimo tornare in auge perché sul serio ci teniamo tutti.

Voto 4: Mick........................ e anche un po' di Magnussen. E di Haas.

Eh no eh. Le ho spese le belle parole però un numero del genere no. Va bene il velatissimo culo in qualifica che ti ha portato in Q3 che per carità te lo meriti, poi comunque fai tutto bene e alla fine... neanche un punto? Dai su è ora di tirare fuori performance fatte un po' meglio, per favore. K-Mag ti fa compagnia perché tira fuori un weekend come quelli a cui ci aveva abituato gli anni passati e vabbè, abbiamo avuto una domenica di rievocazione storica per la Haas. Peccato perché c'erano ottimi presupposti.

A tutti manca lo Steiner modalità Wankers... ma preferiamo comunque la Haas di quest'anno.

Voto 3: Con una costanza d'altri tempi, ancora loro, le Aston Martin.

Ormai ogni weekend di gara ci troviamo a fare le considerazioni su uno zimbello del Paddock come non si vedeva da anni. Le Williams hanno sempre avuto qualche problema di performance ma quantomeno ci mettevano dell'impegno, le Haas almeno erano simpatiche, ma le Aston Martin... non sono niente di tutto questo e anzi hanno ufficialmente sfondato nel ridicolo. Stroll Senior sembra continuare a negare imperterrito le leggi che regolano la Formula 1 e continua nella sua anarchica gestione della scuderia nel tentare di fare punti battendo tutte le strade possibili tranne l'unica efficace: lo sviluppo tecnico. La linea cringe dell'Aston Martin è qui.

Voto 2, e pure voto 1: sono in difficoltà

Il weekend di Spagna è sempre stato un weekend un po' così, poche emozioni, prima tappa di ritorno dall'oltreoceano, primi assestamenti delle scuderie... invece quest'anno è stato un GP d'intrattenimento sicuro, ci siamo divertiti, ed è stata anche una domenica che ha rimescolato le carte in tavola. In questo weekend non saprei a chi dare i voti più severi, già sono infastidito nel ripetere il solito votaccio all'Aston Martin (però purtroppo è difficile esimermi). Sinceramente è difficile trovare altre criticità così rimarcate. Per cui, io non me la sento, se qualcuno vuole prendersi la responsabilità di assegnare 1 e 2, i commenti su Facebook sono la location più adatta.

  • Rimini, 23/09/1994. Laureato in Comunicazione Pubblicitaria allo IED di Milano, freelance e multiforme. All’anagrafe porta il nome di Ayrton e la Formula 1 è appuntamento immancabile del weekend, a cui associa un passato da tennista sgangherato e anni di stadio a Cesena. Incallito e vorticoso consumatore di vinili e di cinema.

Ti potrebbe interessare

Nel nome di Fernando Alonso 

Imprese e controversie di uno dei piloti più iconici degli ultimi 20 anni di Formula 1.

Fantacalcio: e se l’asta fosse a marzo?

Tre ragionamenti più o meno sensati per costruire una rosa al Fantacalcio. Anche a marzo inoltrato, l'asta è un rito da rispettare.

Fantacalcio e tifo: 5 livelli di compatibilità

Baratteresti una vittoria al Fantacalcio con un trionfo della squadra del cuore? Sì? No? FantaGeek fa per te, in ogni caso.

Lewis Hamilton in Ferrari. Perché sì, perché no

Pro e contro di un trasferimento controverso ma storico.
1 2 3 8

Dallo stesso autore

Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu