Logo Sportellate
, 20 Aprile 2022

Considerazioni sparse post Udinese-Salernitana (0-1)


La Salernitana sbanca la Dacia Arena ed è più viva che mai.


- La Salernitana trova il jolly in pieno recupero e si reinserisce prepotentemente nella lotta salvezza. Nonostante le (pesanti) assenze di Mazzocchi e Djuric, la formazione campana gioca una partita attenta e equilibrata in cui tutto il cuore messo in campo viene premiato praticamente allo scadere dal diagonale mancino di Simone Verdi. È il gol che manda in visibilio un’intera tifoseria e riaccende il discorso salvezza: i campani sono a pari punti con Venezia e Genoa, a 6 lunghezze dal Cagliari e 7 dalla Sampdoria;

- Alzi la mano chi due giornate fa aveva pronosticato due vittorie esterne consecutive dell’undici di mister Nicola. Contro qualsiasi pronostico e ormai spalle al muro, la Salernitana sfodera due prestazioni maiuscole in cui riesce finalmente ad abbinare qualità e quantità. Il centrocampo a 3 con Coulibaly e Ederson interni e Bohinen regista è il punto di forza che garantisce sicurezza nella gestione del pallone e solidità in fase difensiva;

- Capitolo Udinese: la formazione friulana gioca una partita volenterosa, in cui manca un po’ di concretezza e cattiveria negli ultimi metri, complice anche una situazione di classifica tranquilla e oltre le aspettative. Mister Cioffi opta per un leggero turnover con Jajalo e Samardzic al posto di Walace e Makengo (subentrati nella ripresa) e Pussetto a far coppia con Deulofeu. A posteriori le scelte iniziali non pagano e nemmeno gli aggiustamenti a gara in corso riescono a modificare l’inerzia della gara;

- Ritmi blandi nel pomeriggio di Udine con la Salernitana che attende lo spiraglio giusto e l’Udinese che prova a comandare il gioco, senza tuttavia alzare l'intensità. Ne viene fuori una partita combattuta in cui le occasioni migliori sono per i padroni di casa, ispirati dall’estro e dalle giocate di Deulofeu. È però proprio lo spagnolo a tradire i suoi, quando sull’ultima punizione invita i compagni a salire e lascia spazio al contropiede finale;

- Tra i campani buone le prove di Fazio e Gyomber, sugli scudi Ribery ed Ederson (col delizioso assist finale) e ovviamente decisivo Verdi dalla panchina. I granata vedono la luce in fondo al tunnel e, con un’ulteriore partita da recuperare in casa contro il Venezia, accarezzano l’impresa. All’Arechi saranno ospiti anche Fiorentina (domenica alle 12:30), di nuovo Udinese e Cagliari, in uno scontro salvezza in cui può decidersi il destino di entrambe le squadre. La lotta salvezza è più accesa che mai e i granata si candidano al ruolo di protagonista.

  • Classe ‘97, genuinamente salernitano. Sta per completare il proprio percorso di studi e cerca di conciliare la passione per la fisica con quella per lo sport. Prestato prima al basket e poi al calcio, ma da sempre innamorato del tennis. Adora la musica rap, il cinema thriller e soprattutto leggere e raccontare.

Ti potrebbe interessare

Attenti a Saelemaekers

Il giocatore più odiato del Bologna, ma anche quello più vivace.

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

Il futuro di Kamada è ancora da scrivere

Il trequartista giapponese ha vissuto una stagione travagliata.

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

Dallo stesso autore

Essenziale come Boulaye Dia

L'attaccante della Salernitana è uno dei migliori del campionato.

Manuale d'uso per l'era VAR

È trascorso poco più di un lustro dall’introduzione in Italia […]

"C'era una volta a Salerno..."

La storia dell'incredibile salvezza della Salernitana

Il talento logora chi non ce l’ha

Da qualche mese Lorenzo Musetti vive la prima vera fase […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu