Logo Sportellate
, 10 Aprile 2022

Considerazioni sparse post Genoa-Lazio (1-4)


Faber, Immobile, Genova, Sarri: l'uomo probo che s'innamorò perdutamente.


- "Io ti ho amato tanto, non ti ho amato mai, amore che vieni, da me tornerai". Uno stadio meraviglioso. Faber nell'aria. Una bella tifoseria. Un clima, meteorologicamente parlando, sudamericano. L'ora sacra del pranzo domenicale. L'entrata a Gerusalemme dopo i quaranta giorni nel deserto. Savic, Lazzari, Immobile. Questa la partita;

- Blessin. Gegenpressing. Sole in fronte. Un saluto rispettoso e d'ammirazione di questo a Sarri. I rossoblù di Zena in piena lotta per la salvezza. Lazio in cerca di conferma del trend 2022. Stakosha e la sua cazzimma rispondono presente. Savic decide di entrare la MoMa al 20' con una torsione di collo. Marusic di tecnica e fisico. Uno a zero. Immobile all'ultimo respiro utile. Due a zero;

- Il copione non muta. Il Genoa le prova tutte. S'impegna, s'indigna, poi getta la spugna con gran dignità, volendo ricordare il Fabrizio ligure. Immobile decide di ricordare che Macini non ha compreso molto di lui e ne piazza due. Sfortunato Patric. Non meritato. Non voluto. Episodico. Evidenzia che i rossoblu non paiono avere le idee o gli uomini offensivi necessari. Nessun recupero. Vittoria netta. A discapito del tifo rossoblù;

- Savic, come detto, al MoMa. Lazzari onnipresente. Anderson sporadico. Immobile storia. Acerbi presente con la testa. Patric sfortunato ma quasi un pilastro. Zaccagni di lotta e non di governo. Marusic Re. Sarri conferma che la Lazio è sua, gli è entrata nel cuore. E viceversa;

- Lato Genoa Ostegard unico idoneo. Piccoli ci prova ma non è servito. La salvezza è ardua ma non complessa. Il calcio è un gioco semplice: devi fare gol. Senza questo - ed i numeri sono impietosi - è difficile.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.

Storie di calcio popolare a Milano: l'esempio del St. Ambroeus

Come una squadra amatoriale vuole fare da centro culturale del suo quartiere.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu