Article image
,
2 min

- di Gianguido Maggioli

Considerazioni sparse post Roma-Vitesse (1-1)


La Roma ci prende gusto e tiene appesa ad un filo la sanità mentale dei suoi tifosi.


- La mitologica "zona Cesarini" si sta trasformando sempre di più in zona Mourinho. Il portoghese per l'ennesima volta in stagione riesce a non far perdere la testa alla squadra nei minuti finali conducendola per mano al gol. Probabilmente non si vinceranno coppe e campionati a suon di golletti al novantesimo, ma quantomeno si passa il turno e si prova a tenere la testa fuori in un periodo di acqua altissima;

- Il Vitesse leone dell'andata è un lontano miraggio, e all'Olimpico si vede una squadra diversa, molto attendista e quasi remissiva che tira due volte in porta. Un tiro d'esterno al volo da distanza siderale che si infila a giro a un centimetro dal palo sveglia una partita fino a quel momento narcotizzata;

- La Roma, dal canto suo, crea poco per 70 minuti. L’avversario lascerebbe giocare ma i giallorossi non mettono né voglia né convinzione nelle giocate. E servono i rinforzi dalla panchina per tirare un sospiro di sollievo: evitare i supplementari, per come si era messa, è una grande vittoria dentro la piccola vittoria del passaggio del turno;

- L'ingresso di Karsdorp e soprattutto di El Sharaawy (e l'uscita contemporanea dei cadaveri di Vina e Maitland-Niles) è decisivo: il Faraone salta l'uomo, marca, tira, crossa e macina metri su tutta la fascia. Mkhitaryan è padrone del centrocampo fino al gol del Vitesse, poi sparisce. Nel 3-3-4 finale, nota di merito a Smalling e Kumbulla (meno lucido Ibanez) che danno discreta sicurezza anche quando lasciati scoperti. Abraham, ridendo e scherzando, raggiunge quota 21 gol in stagione pareggiando le reti realizzate da Batistuta e Montella durante le loro prime stagioni alla Roma. Non male;

- Croce e delizia Wittek: tira fuori dal cilindro il gol più bello della sua vita e poi si perde di due metri Karsdorp alle sue spalle. Bene anche il capitano Doekhi sui cui si infrangono tanti tentaivi sul finale. Da tenere d'occhio l'attaccante classe 2000 Openda.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu