Logo Sportellate
, 6 Marzo 2022

Considerazioni sparse post MotoGP del Qatar


La prima gara del motomondiale d.V. (Dopo Valentino) si conclude con la meravigliosa vittoria di Enea Bastianini, alla sua prima in MotoGP. Male le Ducati 2022. Brutta caduta per Bagnaia.


- Cominciamo con quella strana sensazione di vivere il primo weekend di motorsport a due ruote senza Valentino Rossi. E’ strano, non ci sono dubbi. Sapere che non correrà e non vederlo a dispensare consigli ai ”suoi” ragazzi fa uno strano effetto, nonostante su diverse moto e tute ci sia il marchio VR46. C’era molta curiosità (e un pizzico di preoccupazione per Sky, che detiene in esclusiva i diritti televisivi del Motomondiale) sull’interesse che la MotoGP avrebbe potuto attirare su di sé senza il suo re ventennale. Dal nostro punto di vista, il paddock perde un buon quantitativo di carisma, rimanendo, però, la solita, affascinante disciplina;

- Continuiamo con la vittoria clamorosa di Enea Bastianini! Il pilota riminese, dopo il secondo posto ottenuto nelle qualifiche, vince il primo Gran Premio della stagione 2022 del Motomondiale grazie ad una gara di rabbia e talento puro, rimontando dall’iniziale quinto posto, frutto di una non buonissima partenza. Il resto della gara è stato poetico: sorpassi chirurgici e gestione delle ultime curve, nonostante un cattivissimo Binder alle spalle (bravissimo oggi). Ma oggi Enea era imprendibile, la Ducati del team Gresini (a cui Enea aveva dedicato il piazzamento in qualifica) andava da Dio e gli altri in pista hanno potuto far poco. Dopo le vittorie di Migno in Moto3 e di Vietti in Moto2, la storica giornata d’esordio tricolore è completa!

- Ma alla fine come sta Marc Marquez? L’asso catalano, dopo i due anni infernali nei quali è stato demolito dall’infortunio al braccio, è sembrato pimpante ed aggressivo sin dalle prime Free Practice del venerdì. La tenuta fisica sicuramente non è più quella degli anni migliori, la seconda parte di gara oggi è stata palesemente di sofferenza. Ma questo non è il Sachsering, Losail è sempre stato un circuito tosto per lo spagnolo. Il talento non può dissolversi, specialmente quando sei uno dei più grandi manici della storia, la tenuta fisica sì. Se a questa ci aggiungiamo quel filo di naturale, nuova, paura, possiamo serenamente dire che stiamo ancora aspettando il ritorno del vero Marquez;

- La prima gara del Motomondiale ci lascia un quadro abbastanza disordinato sulla forze in gioco quest’anno. Il campione del Mondo Quartararo chiude nono solo ”grazie” alla caduta di Bagnania e Martin, il suo compagno di team Morbidelli addirittura undicesimo. La Yamaha non va sul dritto, potrebbe essere un grosso handicap per il prosieguo della stagione. La Ducati, dalla sua, porta a casa una vittoria, peccato che sia stata ottenuta con la moto dell’anno scorso. La 2022 non va come la sua versione precedente ed i ritiri di Bagnaia e Miller peggiorano soltanto le cose. Suzuki fa il suo, Aprilia benissimo con Espargaro (quarto) e malissimo con Vinales, finito in fondo. I valori usciranno alla lunga e la gara di oggi sicuramente non ci da alcuna indicazione su chi potrebbe essere il favorito alla vittoria del titolo;

- Commento di Petrux da 10. Grazie Guido Meda per questi anni di pathos durante le telecronache del Motomondiale ma chi ha gasato più di tutti al commento oggi è stato Danilo Petrucci. I pareri tecnici dell’eroe del deserto sono state una perla per il coinvolgimento che solo un grande pilota può dare. Danilo da Terni, indubbiamente, dopo la fantastica vittoria alla Dakar 2022, è entrato di diritto nella leggenda dei piloti italiani delle due ruote. Sinceramente, speriamo di sentirlo poco al commento tecnico, sarebbe ancora tempo di bruciare gomme sui circuiti del Motomondiale.

  • 34 anni, pugliese di nascita, siciliano, ciociaro e ligure d'adozione. Ex pallanuotista, da sempre appassionato di sport in generale ma con una fissazione per il futbòl. Ho visto giocare Ronaldinho contro Romario al Maracanà di Rio de Janeiro nel 1999. Trasmissione sportiva preferita: Tutto il calcio minuto per minuto.

Ti potrebbe interessare

Quindi Bagnaia è un campione?

Esistono ancora motivi per essere scettici su Pecco Bagnaia?

Perché la Ducati va così forte?

Grazie al lavoro di Gigi Dall'Igna, la rossa è ormai un'avanguardia dell'aerodinamica.

Cosa aspettarsi dalla nuova stagione di MotoGP

La preview della stagione 2023 che comincia questo weekend in Portogallo.

I nostri dieci ricordi sportivi del 2022

Abbiamo selezionato i 10 ricordi sportivi di questo 2022, che più ci son rimasti impressi. Nel cuore e nella mente.

Dallo stesso autore

8 nuovi acquisti che ci hanno deluso

Una serie di idee ambiziose ma non ancora ben riuscite.

Perché la Ducati va così forte?

Grazie al lavoro di Gigi Dall'Igna, la rossa è ormai un'avanguardia dell'aerodinamica.

Cosa aspettarsi dalla nuova stagione di MotoGP

La preview della stagione 2023 che comincia questo weekend in Portogallo.

Come Kiwior è arrivato all’Arsenal

L'ex giocatore dello Spezia è un difensore di qualità.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu