Logo Sportellate
, 24 Febbraio 2022

Considerazioni sparse post Lazio-Porto (2-2)


¡Viva la vida, muera la muerte! Coppa Uefa e guerra. Vida y muerte a soli 3000 km.


- Una guerra in corso. Come sempre del resto. Ogni maledetto giorno. Solo che da questa mattina la prossimità di essa ha portato i più ad avere un maggiore rammarico per eventi ludici come la partita di Europa League. Eppure. Eppure forse l'unico antidoto è il gioco. La Vita. Proviamo quindi a raccontare quanto visto in campo;

- Palleggio basso prolungato e pressing che pare inefficace. Ma stasera nella Lazio c'è Immobile. Recupero di Savic e vantaggio. Indovina chi? Ciro. La squadra di Sarri dopo il vantaggio cresce, recupera spesso palla e va altre due volte in rete ma in fuorigioco. L'impensato però accade. Lo stesso Savic non toglie per tempo la gamba. Palla da una parte e gamba avversaria che impatta. Rigore del Porto e pareggio;

- Il Porto ritorna in ritardo dalla pancia dell'Olimpico ma aggredisce subito la Lazio. La difesa trema ma non cade. L'11 sarriano riparte subito all'assalto. Bastano, però, una decina di minuti scarsi e un impaccio di pensiero e il Porto passa in vantaggio. Il colpo è assestato psicologicamente. Il tempo per rialzarsi c'è. La bacchetta del direttore la prende saldamente Luis Alberto che affronta la malasorte. Magia nera, e la porta lusitana non viene scardinata nonostante svariate occasioni. Pali e traverse. Ossa e sangue. Rabbia e rassegnazione. Arriva l'ennesimo palo, poi Cataldi porta il pareggio. Ma è tardi. Peccato;

- Strakosha enorme. Patric ancora una volta che assume le sembianze di un giocatore di calcio. Luis Alberto Direttore d'orchestra con la D maiuscola. Savic dà, Savic daje! Hysaj male. Pedro, Immobile e Felipe Anderson a livelli ottimali. Il passaggio del turno era meritato anche per il gioco espresso dalla squadra. Sarri c'è. La sua impronta sempre più chiara ed evidente. Avanti cosí;

- Il Porto vive di momenti. Ma quei momenti sono esaltanti. Basta una linea distante dall'altra e la tecnica dei lusitani emerge davanti agli occhi. Va avanti ma non meritando. Gli Dei del calcio hanno voluto premiare la maggiore compattezza portoghese nei 180'.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.

Storie di calcio popolare a Milano: l'esempio del St. Ambroeus

Come una squadra amatoriale vuole fare da centro culturale del suo quartiere.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu