Logo Sportellate
, 19 Febbraio 2022

Considerazioni sparse post Roma-Verona (2-2)


Due primavera salvano la Roma dal naufragio, ma l'opera di distruzione di Mourinho è già al suo apice.


- Volendo fare una sintesi tagliata con l’accetta, Tudor per 65’ ha dato una lezione di calcio a Mourinho, poi il portoghese ha ricambiato il favore con le sostituzioni. Volendo essere cattivi, nella Roma di Mourinho gli unici che giocano bene sono quelli che in settimana sono allenati da un altro. Vale però quanto già evidenziato nel pareggio in extremis col Sassuolo: i gol del pareggio -anche oggi nati da calcio d’angolo- sono un palliativo ma non devono farci dimenticare la pochezza tecnica e di idee che si era vista fino a quel momento. Le reazioni di nervi restano apprezzabili, ma per il resto i segnali che emergono restano decisamente negativi;

- Nel primo tempo il dominio del Verona, perfetto nel pressing alto e nello stravincere ogni 1vs1, è stato a tratti imbarazzante e dopo 30’ il punteggio avrebbe potuto essere già sullo 0-3. Si vedeva nettamente la differenza tra una squadra che sapeva bene cosa fare sul rettangolo di gioco e un’altra che non ne aveva idea. La seconda era completamente sfilacciata, disposta malissimo con i giocatori impegnati in una continua e vana ricerca del loro posto in campo, priva di una soluzione che non fosse il lancio lungo su Abraham. A rischio di ripeterci, Josè Mourinho non ha dato nulla a questa squadra: né l’attesa solidità difensiva, né fattori intangibili come la “mentalità”, tantomeno un’organizzazione tattica o idee di gioco. Con questi numeri e questa classifica, un altro allenatore al suo posto sarebbe già stato esonerato;

- Il game changer sono stati il classe 2003, Volpato e il classe 2002 Bove, che -poco dopo essere subentrati- con due grandi conclusioni su respinte da calcio d’angolo hanno rimesso in parità il match. Due azioni casuali, che quantomeno hanno dato alla Roma un boot di fiducia per un finale disordinato ma arrembante. Decisivi allo stesso modo, ma in chiave negativa, i cambi di Igor Tudor, cha hanno portato un Verona fin lì in controllo ad abbassarsi troppo. Inspiegabili in particolare gli ingessì al 63’ degli inconsistenti Bessa e Lasagna per Caprari e Simeone, che stavano creando parecchi grattacapi agli avversari: non a caso la rimonta della Roma è iniziata pochi istanti dopo;

- Barak fin che ne ha gioca una gara sontuosa. Attacca gli spazi come i migliori interpreti del ruolo di trequartista assaltatore, timbra la sua decima marcatura stagionale con una rete da centravanti e pressa alto con un’intensità impressionante. Non male, considerando che era uno scarto dell’Udinese, ma sono tanti i giocatori completamente rivitalizzati dalle gestioni Juric e Tudor. Tameze e IIlic completano il terzetto di padroni della mediana, mentre Gunter è bravo a contenere Abraham. Male tutti gli innesti, tra un troppo timido DePaoli e un imbarazzante Lasagna;

- Nella Roma, tolti i “Primavera” (e quindi anche Zalewski, entrato con personalità fuori ruolo), c’è davvero poco da salvare. E’ anche difficile parlare di singoli, dal momento che sembrano tutti visibilmente peggiorati rispetto alla scorsa stagione. Di certo il contesto di totale improvvisazione in campo non li aiuta, ma è inquietante vedere una squadra che ha come obiettivo la qualificazione alle coppe europee non essere in grado di fare 3 passaggi di fila per larghi tratti del match. Sergio Oliveira appare già a corto di benzina, Maitland-Niles non sembra meglio delle riserve messe ripetutamente alla berlina, Veretout è invece un lontano parente del giocatore che fu, persino Pellegrini sembra essere sprofondato nella mediocrità. Inutile farsi illusioni: la stagione della Roma sarà questa, ma forse il peggio deve ancora venire. 

  • Giornalista classe 90', da sempre innamorato della radio, ho diretto per 3 anni RadioLuiss e collaborato con varie emittenti in qualità di conduttore. Attualmente mi occupo di comunicazione d'impresa e rapporti istituzionali. Pallavolista da una vita, calciofilo per amore, appassionato di politica e linguaggi radiotelevisivi, nella mia camera convivono i poster di Angela Merkel, Karch Kiraly e Luciano Spalletti.

Ti potrebbe interessare

Finalmente Svilar

L'ascesa del portiere ha cambiato la stagione della Roma.

Il calendario calcistico è saturo

Trovare date libere per i recuperi delle partite rinviate è diventato un grosso problema.

Thiago Motta, Inzaghi e il valore della fiducia

Cosa ci dice questo campionato sull'importanza dello stato mentale dei giocatori.

Il Brighton è in transizione

Princìpi di costruzione e distruzione della squadra di De Zerbi.

Dallo stesso autore

Mondiale 2022: guida al Belgio

La "Last Dance" per la generazione d'oro dei diavoli rossi. Riuscirà il Belgio a concretizzare quanto di buono costruito e fatto vedere in questi anni?

"Speravo de morì prima" è una serie che lascia interdetti

Una serie con spunti interessanti, momenti cringe e ossessionata da Luciano Spalletti.

Le 10 canzoni più brutte del Festival di Sanremo

Il peggio del peggio di 70 edizioni della kermesse canora più famosa d'Italia.

Istanbul Başakşehir: lo scudetto di Erdogan

In Turchia c’è il Başakşehir: proprietà di Erdogan, stadio intitolato all’allenatore della diretta concorrente e una rosa di vecchie glorie.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu