Logo Sportellate
, 12 Febbraio 2022

Considerazioni sparse post Lazio-Bologna (3-0)


Una Lazio solida si conferma contro un Bologna insipido.


- Il riscatto cercato. Trovato. Dopo la partita di andata persa malamente al Dall’Ara e dopo soprattutto la sconfitta di Coppa Italia a Milano contro il Milan, la Lazio di Sarri vince e convince. Reazione che chi era allo stadio aspettava. Soprattutto in vista di Oporto;

- Il Bologna parte bene ma senza impensierire quasi mai la retroguardia biancoceleste. Nemmeno la Lazio, in verità, offre grattacapi a Skorupski. Dal nulla però, massima punizione e uno a zero. I rossoblù accusano il colpo e non riescono a porre in essere nessuna reazione, permettendo all’undici sarriano di gestire il vantaggio;

- Girandola di cambi ma nulla muta. Anzi. Il Bologna si disunisce e la Lazio dilaga. Zaccagni e Luis Alberto dettano calcio sul prato Olimpico. Il Bologna si sgonfia come un soufflé a forno aperto e la partita diventa un allenamento;

- Sponda Lazio: Lazzari, Luis Alberto e Zaccagni giganteggiano. Immobile e Savic giocano da esseri umani, ma oggi bastava così. Il resto della squadra non ha da fare che il suo compito. Ah, quarta partita consecutiva senza prendere gol in campionato: considerando l’assenza di Acerbi questa è la miglior notizia per Sarri e il suo staff;

- Sponda Bologna: Arnautovic lotta ma non incide. Orsolini non dà nulla in fase offensiva. Male tutta la squadra. Sembra un’altra compagine rispetto a quella vista all’andata. Mihajilovic deve lavorare molto sulla testa dei suoi per riprendere a macinare punti.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

Premier League 2023/24, la squadra della stagione

Una squadra abbastanza fluida per un campionato abbastanza fluido.

Tutino è diventato un totem

L'attaccante del Cosenza ha brillato in questa stagione.

Cole Palmer non sente la pressione

L'esterno del Chelsea è stato votato miglior giovane della Premier League.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Dallo stesso autore

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.

Storie di calcio popolare a Milano: l'esempio del St. Ambroeus

Come una squadra amatoriale vuole fare da centro culturale del suo quartiere.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu