Article image
2 min

- di Antonio Mazzolli

Dietro la lavagna: le pagelle che non ci sono piaciute


Per chi ha bisogno di conforto dopo un 65,5 al fantacalcio, per chi non può credere nella valutazione data a quella prestazione, per chi non crede nel cuore (e nella competenza) di tanti “pagellisti”, sappiatelo: vi siamo vicini e lottiamo con voi. Ecco la selezione delle pagelle lette dopo questo weekend, che proprio non ci sono piaciute.


Zappa 6 - Fantacalcio.it

Questa settimana, a destare maggiore agitazione nei gruppi WhatsApp fantacalcistici è la sufficienza data al terzino sardo, entrato all'ottantesimo minuto e che probabilmente a tanti è costata una vittoria o una sconfitta. Anche se i minuti di recupero sono stati abbastanza da fargli giocare 15', Zappa non influisce in alcun modo alla vittoria del Cagliari e la spiegazione data ("con le sue scorribande contribuisce alla vittoria del Cagliari, è fresco e approfitta della stanchezza del Bologna") è incoerente con la linea adottata fin qui dai decisori dei voti fantacalcistici: spesso anche per chi entrava prima dell'80', non veniva assegnata nessuna votazione.

Secondo noi un classico senza voto sarebbe stata la soluzione migliore.

Marin 5,5 - Fantacalcio.it

Il centrocampista dei sardi è autore di una prova ordinata, tecnicamente senza sbavature. Uno di quei giocatori su cui passano le speranza di salvezza del Cagliari. Avrebbe meritato quantomeno la sufficienza.

Nico Gonzalez 5,5 - Fantacalcio.it

Nella debacle viola all'Olimpico, Fantacalcio.it salva il talento argentino da una insufficienza più ampia, ma senza valide ragioni. La squadra di Italiano non è mai pericolosa, e se Vlahovic non riesce praticamente mai a essere determinante (sovrastato da un superbo Bremer), la colpa è anche degli esterni della Fiorentina. Gonzalez avrebbe meritato mezzo voto in meno.

Kulusevski 7 - Fantacalcio.it

Se tante altre volte ci eravamo ritrovati a difendere il buon Kulu, spesso esageratamente massacrato da tifosi e media, questa vola il 7 al giovane trequartista svedese della Juventus sembra veramente troppo. Ok l’importantissimo gol, ma poi? E soprattutto, fino a quel momento? Tante palle perse, tanta lentezza di gambe e di testa. Tantissima confusione.

Un 6,5 che andava a premiare il gol e il buon spirito di sacrificio messo in mostra nel finale, sarebbe stato più corretto.

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Nato nel 1997 nella provincia toscana e laureato in Scienze della Comunicazione a Siena. Innamorato del calcio grazie alla partita del Torneo di Viareggio che si giocava una volta all'anno nel mio paese e alle VHS con le sfide della Juventus per intero. Tifoso dei bianconeri, dell'Hockey Follonica (squadra della mia città) e della vecchia Montepaschi Siena. Mi emoziona qualsiasi tipo di impresa sportiva e cerco di scoprire prima il lato umano e poi agonistico dei protagonisti nel mondo dello sport. In attesa di ricominciare a studiare, osservo, memorizzo e prendo appunti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu