Considerazioni sparse post sorteggi play-off Europa League


La dea bendata ha decisamente voltato le spalle alle italiane, scegliendo per Napoli e Lazio due avversarie fra le più dure e blasonate del lotto.


- Partiamo però dall'unica nota lieta: per l'Atalanta c'è l'Olympiacos, squadra che sta dominando il campionato domestico e con un centrocampo di enorme sostanza, ma che certo non può far paura alla banda di Gasperini. L’Atalanta adesso ha davvero tutto: sia la qualità sia un cammino che si prospetta favorevole per candidarsi a favorita per la vittoria finale;

- Da una squadra capace di finire terza in un girone di Champions con 12 punti, e qualche anno dopo in grado, nell'unica occasione in cui ha chiuso al primo posto il suo girone Champions, di pescare agli ottavi i campioni in carica del Real Madrid clamorosamente secondi nel loro gruppo, c'era da aspettarsi un responso diverso dal Barcellona? Va detto però che questa è la miglior stagione possibile per l'assalto alla Catalogna: club in affanno, un post-Messi difficile sia in campo che a livello societario, squadra ricca di talento ma assemblata malissimo. Il Barcellona visto a Monaco la settimana scorsa partirebbe addirittura sfavorito contro un Napoli con tutti gli effettivi a disposizione: pronostici quindi impossibili da fare, visto che da qui al 17 febbraio può cambiare tutto, in meglio (ritorno degli infortunati, Xavi che riesce a trovare la quadra) o in peggio per entrambe le contendenti;

- La Lazio sbatte sul Porto, letteralmente: al momento di sorteggiare gli ultimi due incontri nelle urne, oltre ai capitolini e ai biancoblu, erano rimasti solo Sheriff e Braga, rendendo nella pratica obbligati gli incroci. Il Porto è una squadra che, durante questa Champions League che l'ha vista affrontare il Milan, abbiamo imparato a conoscere: il talento agli uomini di Conceicao (che di certo non sarà indifferente al ritorno in uno stadio dove ha vinto uno storico scudetto) non manca, l'organizzazione e l'esperienza internazionale neppure; un osso davvero duro per Sarri e i suoi uomini, al momento fuori dalla portata dei denti, a volte troppo teneri, dei biancocelesti;

- Non manca il fascino alle altre sfide del turno: Borussia-Rangers trasuda passione vera e spettacolo assoluto (ammesso che a febbraio in Germania gli stadi siano aperti ai tifosi), ma che sulla carta vede un esito scontato. Troppo forti Haaland e soci, una squadra che si ritrova quasi a sorpresa nella seconda competizione europea, per gli scozzesi orfani della guida di Gerrard in panchina. Ben altro hype lo genera Lipsia-Real Sociedad: due squadre belle da vedere, capaci di giocare un calcio avvincente, ricche di giovani interessanti. Una sfida da 50-50, nella quale nessuna parte nettamente favorita sull'altra: una doppia sfida gustosissima per i palati più ricercati;

- Sulla strada per Siviglia, come prevedibile, meglio i biancorossi del Betis: ai decani della competizione tocca la Dinamo Zagabria, squadra con tanti talenti sì bellissimi ma spesso inconcludenti in ambito europeo, mentre ai cugini è toccato un mai banale Zenit, capace di inchiodare sul pari nientemeno che il Chelsea all'ultima giornata dei gironi (senza considerare l'ovvio aiuto che darà ai russi il generale inverno). Chiude Sheriff-Braga, con il grande punto interrogativo: dopo aver vissuto l'esperienza fantastica dei gironi, con annessa vittoria al Santiago Bernabeu, i moldavi avranno la pancia piena o avranno ancora fame per tentare un'altra grande impresa continentale?

  • Nato per puro caso a Caserta nel novembre 1992, si sente napoletano verace e convinto tifoso azzurro. Studia Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Napoli "Federico II", inizialmente per trovare una "cura" alla "malattia" che lo affligge sin da bambino: il calcio. Non trovandola però, se ne fa una ragione e opta per una "terapia conservativa", decidendo di iniziare a scrivere di calcio e raccontarne le numerose storie. Crede fortemente nel divino, specie se ha il codino.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu