Article image
,
2 min

- di Carlo Cecino

Considerazioni sparse post 7a giornata di Premier League


Il Chelsea torna in vetta, ma che spettacolo il match fra Liverpool e City. Ah, Brighton e Brentford non smettono di stupire.


- Incipit doveroso. Il Watford di Pozzo ha cambiato il manico: via Xisco Munoz (7 punti in 7 giornate) e dentro il nostro connazionale Claudio Ranieri che ha firmato un biennale con gli Hornets. In bocca al lupo Sir Claudio. Ti si vuole bene;

- Passiamo al campo. Che spettacolo fra Liverpool e City ad Anfield! La scorsa domenica pomeriggio in casa dei Reds le due corazzate della Premier hanno dato vita ad una delle gare più belle del campionato. Risultato finale 2-2 con le reti di Mané e Salah - l'ex Roma ha siglato una perla ed è in stato di grazia - da una parte, Foden e De Bruyne i marcatori dei Citizens. Quando Klopp e Guardiola si incrociano per gli amanti del calcio è una gioia per gli occhi e le due squadre continuano ad essere fra le più accreditate a prendersi il trono della Premier;

- Il Liverpool ha 15 gettoni, il City 14. A gioire all'arrivo della seconda sosta per le nazionali è quindi il Chelsea. I Blues infatti nell'ultimo turno hanno battuto per 3-1 il Southampton a Stamford Bridge. Gli uomini di Tuchel salgono in vetta a 16 punti, anche se hanno sofferto contro i Saints, con Werner a cinque dalla fine che ha trafitto McCarthy per il 2-1 dei suoi in superiorità numerica e ha indossato le "vesti" di Lukaku, rimasto a secco. Il Chelsea torna così a vincere dopo le delusioni con il City e con la Juve in Champions.

- A 14 punti troviamo anche Manchester United ed Everton, due compagini che si sono sfidate nell'ultima giornata. All'Old Trafford un incontro intenso fissato sull'1-1. Prima Martial, poi Townsend che esulta alla CR7 pareggia. Lo United prosegue nel non convincere a pieno e un giocatore dal potenziale fenomenale come Sancho fa ancora fatica ad incidere con continuità. Solskjaer non ha ancora trovato la quadra tecnico-tattica per far fruttare l'immenso talento della sua rosa. Al contrario Benitez alla guida dei Toffees continua a stupire;

- Spostandoci nel nord di Londra, timidi segnali di ripresa dal Tottenham. Gli Spurs hanno battuto l'Aston Villa tra le mura amiche per 2-1 e ritornano a quota "Europa League" a 12 gettoni. L'Arsenal non perde per la quarta gara consecutiva, ma fa 0-0 e non supera la prova di maturità a Brighton, una delle grandi rivelazioni di questo primo scorcio di Premier. I Seagulls hanno 14 punti in 7 gare, giocano bene e l'impianto di mister Graham Potter è solido da diverso tempo. Lallana ha dato il plus di qualità in centrocampo, Maupay davanti è un peperino indecifrabile. Da capire se il Brighton riuscirà a tenere questi ritmi o se come tutti credono crollerà prima o poi. L'altra grande sorpresa ad oggi è la matricola Brentford. Domenica le Bees hanno sbancato il London Stadium per 1-2 con le marcature di Mbeumo e di Wissa al 94', contro un West Ham che in casa è un osso durissimo per chiunque. Il Brentford oggi ha 12 gettoni e viaggia in settima posizione; un risultato pazzesco.

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Carlo Cecino, giovane trevigiano di belle speranze. Nato il 18/05/1994 durante la meravigliosa notte di Atene, col Milan che sculacciava il Barcellona di Cruijff, si appassiona fin dal primo ciuccio allo sport. Segue con fervore il basket, con i San Antonio Spurs in cima alle ricerche. Entrare nel mondo giornalistico sportivo è il sogno, ma anche diventare il magazziniere dello spogliatoio dei New York Knicks non sarebbe male. Gli idoli sono Valerio Fiori e DeShawn Stevenson, oltre a Federer, leggenda vivente del tennis.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu