Article image
,
2 min

- di Luca Barbara

Considerazioni sparse post Venezia-Spezia (1-2)


Vittoria al cardiopalma per lo Spezia, che al 49’ strappa la vittoria in casa del Venezia. Sono tre punti che sembrano valere qualcosa in più.


- Nella giornata in cui la serie A ritrova il “Penzo” dopo diversi anni, abbiamo assistito ad una partita vivace tra due squadre che avevano una gran voglia di vincere per movimentare la propria classifica. Il risultato premia lo Spezia che, tirando le somme, probabilmente merita la vittoria, soprattutto in considerazione delle tante assenze che stanno caratterizzando l’inizio del campionato della squadra ligure;

- Il Venezia mastica amaro. Dopo un primo tempo di marca quasi totalmente spezzina, Zanetti è stato bravo a rimettere in piedi la partita grazie ai suoi cambi. Aramu e Forte, rilevando gli spenti Okereke e Henry (oggi male) hanno dato più vivacità alla manovra del lagunari. Il gol, nonostante sia arrivato da un’episodio, è stato il giusto riconoscimento al grande lavoro di pressing esercitato nel secondo tempo. La Serie A, però, non consente distrazioni e, proprio quando la partita sembrava destinata verso un pareggio, è arrivato il missile di Bourabia a spegnere l’entusiasmo veneziano per quello che sarebbe stato il secondo risultato utile consecutivo;

- Partita caratterizzata dagli spezzini. Prima Bastoni, assistito da Maggiore, porta in vantaggio lo Spezia con uno splendido tiro a giro da fuori area per un gol totalmente di marca spezzina doc., poi Ceccaroni, nato a Sarzana, in provincia della Spezia, ha riportato la partita in pareggio con uno stranissimo scherzo del destino (primo gol in A per lui);

VENICE, ITALY - SEPTEMBER 19: Simone Bastoni of Spezia Calcio celebrates after scoring opening goal during the Serie A match between Venezia FC and Spezia Calcio at Stadio Paolo Mazza on September 19, 2021 in Venice, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

- Contrariamente a quanto abbiano detto i risultati prima di oggi, Thiago Motta sta facendo un ottimo lavoro. Non può essere sottovalutato il fatto che la squadra abbia avuto un grosso deficit iniziale per non aver fatto amichevoli durante la preparazione estiva e che la rosa sia stata definita solo nelle ultime ore di mercato, presentandosi, ancora oggi, clamorosamente incompleta per affrontare un campionato di Serie A. Al di là della trasferta di Cagliari, dove lo Spezia ha portato in panchina solo due giocatori di movimento, anche oggi Motta ha dovuto far fronte a numerose defezioni, specialmente a centrocampo. Maggiore unico centrocampista di ruolo, Sala e Ferrer, pur non avendo demeritato oggi, di professione fanno i terzini. Solo con la piena e definitiva integrazione di Bourabia (autore di un gol clamoroso) e Kovalenko, si potrà finalmente vedere il definitivo 4-3-3 dell’allenatore italo-brasiliano;

- Non è un segreto che probabilmente oggi si affrontavano due delle più serie candidate alla retrocessione per l’anno 2021/2022. Il Venezia, pur mostrando in qualche elemento doti tecniche interessanti, è una squadra inesperta e ancora non completamente pronta a reggere la pressione della categoria con continuità. Anche lo Spezia, dalla sua, ha una rosa per il momento incompleta. Bisognerà aspettare che tutti gli acquisti dell’ultimo momento possano dare il loro contributo. Per questo, per il liguri sono 3 punti che valgono oro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

34 anni, pugliese di nascita, siciliano, ciociaro e ligure d'adozione. Ex pallanuotista, da sempre appassionato di sport in generale ma con una fissazione per il futbòl. Ho visto giocare Ronaldinho contro Romario al Maracanà di Rio de Janeiro nel 1999. Trasmissione sportiva preferita: Tutto il calcio minuto per minuto.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu