Logo Sportellate

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Juventus: che cosa vede il Manchester United in lui?


In quello che doveva essere il calciomercato più povero di sempre abbiamo assistito a due dei trasferimenti più assurdi di sempre. La rivalità fra Messi e Ronaldo si è riproposta nella sua versione più stucchevole e nauseabonda. Ma se il passaggio dell'argentino al Paris Saint Germain è stato avvolto da un velo di drama, quello di Ronaldo di nuovo allo United è sembrato solamente kitsch. Jonathan Wilson ne ha parlato nel suo editoriale sul The Guardian e non ci è andato per nulla leggero.


Benvenuti a Unitedland! Ecco a voi una vasta gamma di attrazioni nostalgiche e facce già viste, ce n’è per tutti! Ammirate colui che segnò il gol vittoria nella finale di Champions del ‘99 mentre cammina nella sua stessa area tecnica! Ed ecco il marcatore della finale del 2008, capace di segnare di testa con uno stacco appena fuori dall’area piccola! Persino il tetto ha un sapore vintage! Abbonamenti stagionali a partire da sole 532 pound sterling.

C’è stato un tempo in cui i club sistemavano gli ex giocatori nei meandri del proprio organigramma aziendale. Il Manchester United si è spinto oltre. Con Ole Gunner Solskjaer in panchina e Cristiano Ronaldo a guidare l’attacco, è bene chiedersi quali altre vecchie glorie possano essere riportate al parco tematico di Old Trafford. Martin Edward in sala riunioni? Gary Bailey di nuovo fra i pali? Il fantasma di Billy Meredith con lo stecchino fra i denti sula fascia? O forse un labirintodonte, che nel giurassico è passato per Newton Heath, a presidiare l’atrio ormai rovinato dal tempo?

È sempre intrigante riportare a casa una leggenda, persino se alla leggenda in questione sembrava andare benissimo vestire la maglia dei rivali concittadini fino a venerdì scorso. Allo stesso modo, è sempre intrigante vedere un ex beniamino del club in giacca e cravatta seduto accanto alle riserve, anche se poi finisce spesso per sembrare triste in conferenza stampa.

Abbacchiato, Ole Gunner Solskjaer commenta la finale di Europa League persa contro il Villarreal

Ma l’affetto annebbia il giudizio, come dimostrato da tutti quei gaudenti tweet che celebrano il ritorno del re. Non sono diversi coloro che non accettano critiche rivolte a Solskjaer sulla base del fatto che chi non è un Red Devil non può capire cosa il norvegese significhi per i tifosi. Forse è così – nonostante ogni club abbia le proprie icone – ma questo non lo rende un buon allenatore. L’ottimismo può anche far salire il prezzo delle azioni, ma non ha mai fatto vincere trofei.

Si può anche esultare per essere riusciti a strappare Ronaldo al City, proprio com’era successo con Alexis Sanchez, era andata bene no? Ronaldo è così inadatto al City – apparentemente interessato solo ad un trasferimento gratuito e per il loro apparente bisogno di un terminale offensivo – da far sorgere il malizioso dubbio che questa trattativa si sia conclusa per il loro meglio. In fin dei conti, la squadra rivale si è beccata un giocatore in declino che toglierà risorse economiche e impedirà lo sviluppo tattico. Chiamatelo pure il “Protocollo Sanchez”.

Lo United ha bisogno di un centrocampista in grado di raccordare attacco e difesa. Apparentemente, la dirigenza ha rinunciato ad un tentativo per Declan Rice per ragioni economiche (hanno speso 135 milioni di euro per Sancho e Varane). E come mai, ora, ci sono di nuovo i soldi – 23 milioni per il cartellino e 23 all’anno per lo stipendio – per togliersi uno sfizio tanto sentimentale?

Che ne dice Mason Greenwood, che dopo una prestazione eccellente alla prima di campionato, improvvisamente trova un costoso ostacolo tra lui e la titolarità? Il futuro dello United rischia di essere bloccato dai fantasmi del suo glorioso passato.

Tre anni fa, la Juventus ha comprato un trentatreenne per 100 milioni pagandolo 31 milioni l’anno, uno dei trasferimenti peggiori della storia del calciomercato. Ronaldo era stato acquistato dalla Juve, che aveva raggiunto due finali di Champions League nei precedenti quattro anni, per raggiungere la tanto agognata coppa europea. Invece, sono usciti ai quarti contro l’Ajax, poi agli ottavi contro il Lione e ancora agli ottavi contro il Porto.

Prima che arrivasse avevano vinto sette scudetti. Hanno vinto ancora nelle prime due stagioni, ma l’anno scorso sono arrivati quarti. Ronaldo ha segnato 81 gol in tre campionati, ma ha reso la Juve una squadra peggiore.

Uno dei migliori gol di Ronaldo in Serie A

La sua relativa staticità e la sua riluttanza nel pressare – era nel 2% degli attaccanti che hanno contribuito meno al pressing dei maggiori cinque campionati europei – hanno impedito alla Juve di evolversi tatticamente, mentre l’investimento economico ha indebolito il resto della rosa. Questo è il motivo per cui la Juventus era così ben disposta alla cessione.

È pressoché indubbio: Ronaldo segnerà; ma i gol non sono il problema del Manchester. Nell’ultima stagione sono stati il secondo miglior attacco della Premier League e hanno segnato più di ogni altra squadra nella fase a gironi di Champions League, ma sono comunque arrivati secondi. Hanno già il goleador ultratrentenne Edinson Cavani. Il problema da risolvere è la costruzione della manovra offensiva contro le difese più arcigne. Ronaldo non risolverà questo problema ed è difficile incastrarlo tatticamente nel sistema. Lo United ha ammesso di non aver immaginato una cessione di Ronaldo da parte della Juve, quindi il portoghese non faceva parte dei loro piani.

Ma Ronaldo è contento – la conferma della sua acquisizione ha ricevuto più di un milione di retweet solamente in un’ora – e i top club oggigiorno sono prima di tutto dei content creator. È il ritorno di Paul Robinson a Neightbours, Dirty Den che riappare in EastEnders. È una narrativa pazzesca. La piazza si fomenta, i social media esploderanno. Ed Woodward tirerà su numeri incredibili da dare impasto agli azionisti in conference call. Strutturare e implementare una filosofia invece è noioso e ci si impiega troppo.

Un piano di sviluppo ci mette anni per dare i primi frutti. È molto più semplice firmare un grande nome e prendersi il picco di dopamina per godere della vuota vittoria del calciomercato. È per questo che i fan oggi sembrano più interessati a comprare giocatori che a vincere partite. Ci sono quelli che nell’arrivo di Ronaldo alla Juve hanno visto la Serie A riacquistare il suo blasone; al contrario, è stato l’emblema della sua decadenza: un club importantissimo schiantatosi sugli scogli dove cantavano le sirene della celebrità.

La celebrità è nemica della coerenza e nel calcio di oggi, la coerenza è ciò che separa l’elite dal resto. Forse i tifosi del Manchester United saranno semplicemente felici di ricordare i tempi migliori, ma è difficile capire come Ronaldo possa avvicinarli alla vittoria di un titolo. Piuttosto, sembra l’ennesimo capriccio che si mescola perfettamente al pattern da panem et circenes visto a Old Trafford da quando Ferguson se ne è andato. Non hanno imparato niente e lo United sembra condannato a scivolare sulle ombre del suo radioso passato.


  • Giacomo Zamagni da Rimini: sportivo da divano e traduttore freelance. Cresciuto a pane e motori ho tradito la mia famiglia innamorandomi del calcio e di tutto ciò che prevede un pallone. Curioso per natura e accidioso per convenienza. Sogno Totti, Micky Ward, Jay Adams e Valentino Rossi. Amo i giusti, gli outsider e i folli.

Ti potrebbe interessare

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

Che finale di Coppa Italia aspettarsi?

5 domande (e 10 risposte) sull'Atalanta-Juventus dell'Olimpico, riedizione della finale di Coppa Italia 2021.
,

Il futuro di Kamada è ancora da scrivere

Il trequartista giapponese ha vissuto una stagione travagliata.

Cosa resta di Manuel Locatelli?

Arrivato alla Juve da Campione d'Europa, Locatelli ha dovuto snaturare le sue caratteristiche per diventare ciò di cui Allegri aveva bisogno

Dallo stesso autore

Ha senso difendere sui tiri da fuori?

Il Liverpool, per esempio, sembra non volerlo fare più.

Thanks for your leadership, Jake Daniels: omosessuale e calciatore professionista

Barney Ronay commenta per il The Guardian quella che forse […]

Quanto costa un calciatore?

Da tifosi abbiamo dovuto tutti metterci al passo con i […]

Kevin Durant segna da dove vuole. Le difese non sanno più che fare.

Dopo meno di venti partite di stagione regolare, i principali […]
1 2 3 7
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu