Logo Sportellate
, 30 Agosto 2021

Considerazioni sparse post 3a giornata di Premier League


Il City a valanga su un disastroso Arsenal, il Chelsea in 10 tiene il pari ad Anfield e Greenwood toglie le castagne dal fuoco allo United. Ma soprattutto in testa c'è il Tottenham di Espirito Santo.


- Tre giornate totalmente colorate in Premier League e a guardare tutti dall'alto verso il basso è il Tottenham, per la sorpresa di buona parte degli appassionati. Gli Spurs ieri hanno svitato la difesa del Watford per 1-0 con la rete del solito Son, anche se stavolta il portiere degli Hornets Bachmann gli ha dato una grossa mano. Ma, eccetto per i puristi del calcio, tre punti restano sempre tre punti e la banda di Espirito Santo vola. Il manager portoghese si può soprannominare "mister pragmatismo" al momento, poiché gli Spurs hanno vinto tutti e tre i match 1-0, con City, Wolves e Watford, aspettando il ritorno a pieno regime di Kane che rimarrà nel nord di Londra un'altra annata;

- E' da comprendere se l'exploit degli Spurs si tratti di un fuoco di paglia primario, o racconti il preludio di una stagione ad altissimi livelli, ad ogni modo appena sotto, a 7 gettoni, troviamo un manipolo di cinque squadre. A pari merito giostrano Liverpool e Chelsea, protagonisti lo scorso sabato di un big match per palati finissimi. Ad Anfield il punteggio ha detto 1-1, con i timbri di Havertz per i Blues e il pari di Salah su rigore. Ne esce più rinvigorito il Chelsea di Tuchel che, con un tempo in 10 nel catino dei Reds, ha dimostrato di essere una squadra marmorea, mentre Lukaku contro Van Dijk ha avuto vita tosta;

- Con 7 punti c'è anche il Manchester United che dalla prossima giornata potrà contare persino sulle gesta di uno come CR7. Intanto ieri, al Molineux, i Red Devils per disfarsi dei Wolves hanno dovuto chiedere a Greenwood di togliere le castagne dal fuoco. Il giovane talento britannico ha lampi di classe non indifferenti, ora tocca a Solskjaer trovare gli incastri tattici per inserire Cristiano Ronaldo nel contesto dello United, ricordando che il Manchester davanti avrebbe già Cavani, Bruno Fernandes, Sancho, Rashford, Martial, Greenwood, James e altri ancora. Un lusso non indifferente da saper consumare a proprio piacere in campionato;

- Sabato scorso in Premier si è poi giocata la sfida tra Manchester City e Arsenal. Qualche anno fa avremmo parlato di big match, ma oggi non si può definire l'Arsenal una big del campionato. I Citizens hanno flagellato i Gunners gioendo per 5-0. Un autentico k.o. tecnico - in rete due volte Ferran Torres, (occhio che come centravanti può definitivamente brillare) Gabriel Jesus, Gundogan e Rodri - che ha palesato tutti i limiti dei londinesi. In mezzo anche l'espulsione di Xhaka, per la squadra di Arteta che al momento è sul fondo della classifica, con 0 punti in 3 match, 0 gol fatti e 9 subiti. Serve uno scossone, altrimenti si profila l'ennesima mesta stagione per l'Arsenal. Invece il City sta incominciando a ingranare;

- In conclusione segnaliamo la vittoria del Leicester che passa 1-2 a Norwich e sale a 6 punti in graduatoria, mentre a 7 punti ci sono anche Everton e West Ham. Se gli Hammers non fanno più stupore, bensì stiano consolidando la realtà eretta un anno fa e valsa la qualificazione in Europa League, i Toffees stanno provando ad alzare il tiro dopo che Ancelotti ha fatto respirare nuovamente all'Everton aria di Europa, seppur per un breve periodo un anno fa. Ora in panchina c'è un tecnico di caratura internazionale del calibro di Benitez e per adesso gli uomini della sponda blu del Mersey non hanno mai perso. Sabato l'Everton ha violato 0-2 il campo del Brighton - fermo a 6 gettoni - con le marcature di Gray e di un Calvert-Lewin che ha cominciato segnando a volontà, esattamente come l'ultimo anno.

  • Carlo Cecino, giovane trevigiano di belle speranze. Nato il 18/05/1994 durante la meravigliosa notte di Atene, col Milan che sculacciava il Barcellona di Cruijff, si appassiona fin dal primo ciuccio allo sport. Segue con fervore il basket, con i San Antonio Spurs in cima alle ricerche. Entrare nel mondo giornalistico sportivo è il sogno, ma anche diventare il magazziniere dello spogliatoio dei New York Knicks non sarebbe male. Gli idoli sono Valerio Fiori e DeShawn Stevenson, oltre a Federer, leggenda vivente del tennis.

Ti potrebbe interessare

Premier League 2023/24, la squadra della stagione

Una squadra abbastanza fluida per un campionato abbastanza fluido.

Tutino è diventato un totem

L'attaccante del Cosenza ha brillato in questa stagione.

Cole Palmer non sente la pressione

L'esterno del Chelsea è stato votato miglior giovane della Premier League.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Dallo stesso autore

Considerazioni sparse sui 15 minuti più incredibili nella storia delle Olimpiadi italiane

Un quarto d'ora che ha lanciato l'atletica italiana nell'empireo olimpico. Un quarto d'ora che resterà nella testa, negli occhi e nel cuore di tutti.

Top ten NBA City Edition 2020/2021

L’abito non fa il monaco, recita il popolare detto, ma […]

15 buoni motivi per tornare a vedere la Serie A

Un ritorno particolare dopo la pandemia. "Ciak, si rigira". 103 […]

Saranno famosi: cinque talenti della Bundesliga pronti a prendersi la scena

Sky is the limit. É un'espressione idiomatica inglese adottata spesso […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu