Article image
,
2 min

- di Andrea Giachi

Considerazioni sparse post Salernitana-Roma (0-4)


Mourinho ha già avuto un grande impatto sulla Roma.


- La Salernitana torna a giocare in A all’Arechi dopo ben 23 anni. A livello di principi la squadra di Castori è la perfetta nemesi dell’Empoli, ieri vittorioso allo Juventus Stadium: era stata stata l’ultima squadra per possesso palla della scorsa Serie B (38,2%, oltre 5 punti percentuali meno della penultima), e in A sta estremizzando ancora di più il suo calcio diretto e reattivo, che si traduce in un rifiuto quasi scientifico a controllare il gioco. I dati a fine gara sono emblematici: 22% di possesso palla, 90 passaggi completati contro i 636 (!) della Roma e 0 tiri in porta a 10;

- Per la Roma è un bel banco di prova, dato che nelle 3 gare ufficiali sin qui aveva sempre optato per lasciare il possesso palla agli avversari, e si trova forzata a dover cambiar copione si dal 1’. Mourinho conferma nuovamente lo stesso 11, con Carles Perez al posto di Zaniolo, ma nel primo tempo i suoi faticano a trovare varchi verso la porta di Belec. La Salernitana occupa benissimo tutti i corridoi con il suo 5-4-1, imperniato sulla difesa strenua di ogni spazio e sui lanci lunghi verso l’isolatissimo Bonazzoli, chiamato a cantare e portare la croce nella metà campo avversaria;

- La ripresa è un soliloquio giallorosso: Pellegrini la sblocca dopo 3’ e da quel momento in poi gli uomini di Mourinho vanno in totale scioltezza, divertendosi e mettendo a referto altre 3 marcature, tra cui quella di Veretout (sono già 3 nelle prime 2 giornate) frutto di una meravigliosa azione quasi da calcio a 5. I segnali più positivi sono i continui ripiegamenti difensivi degli esterni e la voglia di tutti gli 11 di lottare senza lasciar nulla agli avversari, anche sullo 0-4;

- Dopo 2 pali e un ottimo impatto sugli spartiti della Roma, si sblocca Tammy Abraham, che trova una rete di prima da vero rapace dell’area di rigore dopo un’altra gara di sacrificio e movimenti funzionali alla squadra. I migliori sono di nuovo Veretout e Pellegrini (doppietta), che potrebbero vivere la stagione della definitiva consacrazione: soprattutto per il neocapitano giallorosso, la sensazione è quella di aver acquisito un’influenza sul gioco e una leadership sui compagni che solo i piani biechi haters possono ancora non riconoscergli;

- Questa Salernitana è una delle squadre più povere tecnicamente che si siano mai affacciate in Serie A. Non è nemmeno bella da vedere, ma viene difficile poter muovere qualche critica a Castori, artefice della storica promozione, perché con questo organico forse è difficile proporre qualcosa di diverso dal suo calcio quasi “reazionario”.  Dietro urge qualcuno di più affidabile, ma Bonazzoli dà comunque importanti segnali di vita e Simy può essere un buon innesto: da loro passano le (poche) chance di giocarsi una difficile salvezza. 

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Giornalista classe 90', da sempre innamorato della radio, ho diretto per 3 anni RadioLuiss e collaborato con varie emittenti in qualità di conduttore. Attualmente mi occupo di comunicazione d'impresa e rapporti istituzionali. Pallavolista da una vita, calciofilo per amore, appassionato di politica e linguaggi radiotelevisivi, nella mia camera convivono i poster di Angela Merkel, Karch Kiraly e Luciano Spalletti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu