Logo Sportellate
, 6 Luglio 2021

Considerazioni sparse post Italia-Spagna (5-3 d.c.r.)


Sappiamo vincere giocando bene, ma sappiamo venirne fuori anche quando c’è da soffrire. Si vola in finale e si gode come i matti ♥️🇮🇹 


- Difficilissimo provare a scrivere razionalmente ed oggettivamente di quanto visto in questi 120 minuti più rigori. Troppa la felicità, troppe le emozioni, troppa la goduria. Anche perché vincere dominando e facendo calcio champagne sposta il racconto su binari più precisi e tangibili all’occhio umano, ma quando sono il cuore, la freddezza e la voglia di raggiungere l’obiettivo a fare la differenza, si entra in un campo metafisico dove l’analisi si fa più complicata. Vogliamo comunque provarci. Onore alla Spagna, ma questa Nazionale ha un cuore che non ha limiti. Oltre ad un portiere che fa uno sport a parte; 

- Partiamo proprio dal nostro portiere perché Donnarumma è una cosa che non esiste e fa ridere vedere in tanti accorgersene ora. Su questa finale ci sono prima di tutto le sue manone, il suo talento e la sua personalità. Ah, per doveri di cronaca: il ragazzo è alla quarta lotteria dei rigori vinta su quattro in carriera. Un fenomeno e una garanzia per il futuro della Nazionale italiana e di qualsiasi squadra di club pronta a permetterselo;

- Donnarumma a parte, bisogna essere onesti: la Spagna ha fatto una partitona e forse ai punti avrebbe pure meritato di passare. È stata la nostra partita più sofferta, in cui non siamo mai riusciti ad avere il dominio territoriale ed il pallino de gioco. Dani Olmo tra le linee ci ha fatto impazzire e se solo Oyarzabal fosse stato un pelo più concreto magari parleremmo di un’altra partita. Bravi noi a non scomporci e a rispondere colpo su colpo alle loro interminabili fasi di possesso palla. Alla fine la lotteria dei rigori ha premiato la squadra con il portiere più forte;

- È stata durissima e lo è stata anche per la nostra spina dorsale composta da Bonucci, Chiellini e Jorginho: i tre hanno faticato tanto contro le mille mezze punte spagnole, ma hanno stretto i denti e lottato come i leoni. Il rigore di Jorginho poi è poesia in movimento: freddo come un ghiacciolo, decisivo come pochi giocatori in questo Europeo. Capitolo altri singoli: devastante Chiesa, capace per l’ennesima volta di esaltarsi nelle difficoltà e salire in cattedra quando salgono pressioni e posta in palio. Partita solidissima poi di Di Lorenzo. Bene anche Emerson Palmieri. Un po’ impacciato Toloi; 

- Nella Spagna Dani Olmo ha disputato il match della vita e Pedri è destinato a diventare un giocatore generazionale. Ma stasera poco ci importa: si vola in finale e lo si fa con una squadra vera, forte, con un’identità di gioco ben precisa e due coglioni giganteschi. Forza Azzurri, regaliamoci un sogno. 

  • Nato a Rimini l’11/06/1990. Laureato in Giurisprudenza, adora disquisire di sport ed America. Ogni tanto scrive, solitamente legge. Sogna un giorno di poter assistere ad una partita allo Staples al fianco di Jack Nicholson.

Ti potrebbe interessare

Alessandro Bastoni, semplicemente indispensabile

E pronto a prendersi tutto, Inter e Italia comprese.
,

La Pallamano italiana ha scritto la storia

A 27 anni dall'ultima volta, l'Italia di Trillini si è qualificata ai Mondiali di Pallamano 2025.

Passi avanti e passi indietro dell'Italia femminile

Luci e ombre per l'Italia femminile nell'avvio delle qualificazioni a Euro 2025, con la vittoria contro l'Olanda e il ko in Finlandia.

L'Italia di Spalletti è un cantiere aperto

Le amichevoli contro Ecuador e Venezuela ci hanno detto qualcosa.

Dallo stesso autore

Premier Padel 2023: il calendario e le tappe italiane 

Proseguono le gare di padel del Premier Padel 2023, e […]

Fragilità e sport, con Federico Buffa

Incontrare Federico Buffa, è sempre un piacere. “Amici Fragili” è […]

L'organizzazione tragicomica delle ATP Finals di Torino

Tutto il caos di quello che doveva essere un grande […]

I 5 profili social dei calciatori da seguire assolutamente

Non i più belli. Non i più forti. Non i […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu