Jadon Sancho ha un appuntamento con la Premier


In attesa degli sviluppi di un Europeo avaro di minuti per lui, il nuovo attaccante del Manchester United è pronto a diventare protagonista in patria dopo aver accarezzato la massima serie inglese con la maglia del City.


Pronti via ed ecco il primo fuoco d'artificio. Uno di quelli luminosi, rumorosi, che ti fanno quasi sussultare sulla sedia mentre li ammiri. "Abbiamo raggiunto un accordo iniziale per il trasferimento di Sancho al Manchester United", il testo di uno degli ultimi tweet dei Red Devils. In sintesi, quello che potrebbe essere il titolo di un capitolo quasi scontato nella precoce - ma esaltante - carriera del 2000 di Londra. Perché è quasi come se Jadon, nel 2017, avesse scritto speranzoso su un post-it "un giorno giocherò in Premier League" e, ora, a distanza di quattro anni, quel sogno stesse per essere coronato.

Esplosione

Stessa città, colori diversi. Non l'azzurro del City - club in cui è cresciuto dopo gli esordi al Watford e con cui ha collezionato 35 presenze, 20 gol e 8 assist tra Under 18, 19 e 23 - ma il rosso acceso e rivale dello United, società che ha raggiunto un'intesa con il Borussia Dortmund per il suo acquisto alla cifra di 85 milioni di euro. Un investimento a direttamente proporzionale al valore di un giocatore da 16 gol e 20 assist in 36 presenze tra Bundesliga, Champions League e Coppa DFB nell'ultima stagione in Germania. Uno di quei talenti che, per essere chiari, basta vedere una volta danzare sul campo per innamorartene alla follia.

https://twitter.com/ManUtd/status/1410593543257657344

Classe, tecnica, reti pesanti. Cinquanta, per l'esattezza, da quando il 2000 è passato ad essere lodato dal muro giallo del Signal Iduna Park di Dortmund dopo ogni incredibile giocata. Quarantanove dal primo, indimenticabile centro del 21 aprile 2018 contro il Bayer Leverkusen. Momenti dai quali sembra essere trascorsa quasi un'era. Attimi resi lontani da un gioiello che, nel tempo, ha imperversato sul calcio europeo con la forza di una tempesta incontenibile della quale abbiamo subito dimenticato la giovane età.

Al top

"Non siamo felici per i soldi che abbiamo guadagnato ma dispiaciuti perché va via", ha dichiarato l'amministratore delegato del Dortmund Hans-Joachim Watzke durante la conferenza stampa di presentazione del tecnico Marco Rose a proposito della cessione di Sancho. E come biasimarlo.

Terzo per Expected Goals - occasioni da rete potenziali - creati nel BVB alle spalle soltanto di Erling Haaland e Marco Reus (dati Understat.com). Due tiri a partita di media in Bundesliga, 2,6 passaggi chiave per match, 3 dribbling riusciti (dati WhoScored). Numeri che avvalorano l'ennesima grande stagione dell'inglese sceso in campo nel ruolo di ala sinistra in 15 occasioni, esterno offensivo destro in 14 gare, trequartista in 7 e prima punta in due occasioni nell'ultima annata. A testimonianza della grande duttilità di un talento capace di ricoprire tutti i ruoli del reparto avanzato.

https://twitter.com/DFBPokal_EN/status/1392929632563892237

Riscatto

Sei minuti. Soltanto sei minuti nell'1-0 con la Repubblica Ceca. Uno score amarissimo a livello personale in un Europeo che lo ha visto sedersi in tribuna per scelta tecnica nell'esordio con la Croazia ma che sta assistendo alla grande scalata dell'Inghilterra di Gareth Southgate. In attesa del quarto finale con l'Ucraina, ecco quella che fin qui potrebbe rappresentare un'ulteriore spinta per cominciare con il botto - l'ennesimo, dopo quello dato dal suo trasferimento - la sua prima stagione in Premier League. L'obiettivo? Riscattare il flop nel torneo per nazionali e ripartire da dove aveva lasciato. Da quelle magie che, sponda City, avevano portato il Dortmund a investire sull'allora diciassettenne ben otto milioni di euro.

Classe, talento e una carriera da predestinato. Dopo aver mancato l'appuntamento con i Citizens, ecco partito il personalissimo conto alla rovescia di Sancho per diventare a tutti gli effetti un diavolo rosso.

  • Cagliaritano, classe '96. Laureato in Scienze Politiche ed ex stagista alla Gazzetta dello Sport. Pallavolista da quando ho memoria, amo i libri, i viaggi, il mare e lo sport. Raccontarlo è la mia passione.

Ti potrebbe interessare

Dallo stesso autore

Associati

Banner associazioni

Newsletter

Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu