Article image
,
2 min

- di Matteo Briolini

Considerazioni sparse post "Social Football Cafè", quinto incontro


All'interno della puntata sono intervenuti Michele Ciccarese, commercial e marketing director della Lega Serie A, Stefano Russo, Sales Dir. Media&Sports EU Talkwalker e Damiano Cori di Social Media Soccer. L'obiettivo dello speech è stato quello di capire come la Lega di Serie A si sia mossa sotto l'aspetto comunicativo dopo la pandemia.


- Damiano Cori, in apertura, ha posto l'accento sulla relazione intercorrente tra pandemia e calcio, analizzando i cambiamenti intercorsi nell'anno e mezzo vissuto con il Covid: "La pandemia ha dato l'opportunità di riscoprire la centralità di social e digital, infatti il calcio sia a livello di club che di federazioni e leghe, ha avuto la possibilità di sfruttare la grande popolarità di queste piattaforme, aumentando così la sua esposizione mediatica e l'engagement grazie alle properties del digitale.";

- Dello stesso avviso è stato anche Stefano Russo di Talkwalker, che ha sottolineato come il contesto atipico creato dal virus abbia accelerato tendenze di consumo già esistenti da tempo e poi ha proseguito dicendo: "Noi, come Talkwalker, abbiamo notato, essendo in contatto con molti club calcistici con cui lavoriamo, maggiori investimenti su strategie e competenze e una più elevata attenzione al ritorno generato da questi ultimi. Attualmente siamo in una fase di avvio di un ulteriore trasformazione digitale.";

- I dati forniti da Talkwaker testimoniano quanto detto da Stefano Russo. Analizzando infatti il valore della Serie A, intesa come brand, quindi sia da un punto di vista digitale che commerciale, si può notare che secondo la classifica stilata da LOVERBRAND, il marchio sopracitato è uno dei più amati del bel paese. Su questo punto si è pronunciato così Stefano Russo: "Nella stagione televisiva conclusasi di recente solo la Serie A ha totalizzato il 38% delle interazioni sui social dovute alle conversazioni sulle trasmissione televisive, non è una novità ma resta un grande dato. I dati ci raccontano che le interazioni in tutto il mondo solo Premier League, LaLiga e Serie A che riescono a posizionarsi davanti ai colossi del calibro di NBA e NFL";

- Michele Ciccarese ha spiegato i cambiamenti portati dalla pandemia alla Lega Serie A e come questa abbia saputo riorganizzarsi: "La pandemia ha dato un boost al mondo digitale, per la prima volta gli investimenti sui media digitali hanno superato quelli televisivi. Questo perché con la sospensione del campionato sì è dovuto offrire di concerto con i club contenuti diversi ai tifosi e in questo contesto i social si sono rivelati un asset interessante e con loro anche le piattaforme digitali. In questa situazione abbiamo aperto 14 nuovi canali e siamo riusciti a garantirci una maggiore presenza in più regioni del mondo.";

- Ciccarese ha continuato precisando come queste innovazioni abbiano saputo coinvolgere maggiormente i tifosi e i partner commerciali, come è accaduto con la eSerie A. Sempre all'interno del discorso legato ai tifosi ha fatto notare come ci si sia verificata un inversione di tendenza: "Oggi il tifoso vuole essere protagonista, creando contenuti, ma fino a poco tempo fa non era così. Questo spiega il grande sviluppo di TikTok o i Reels e a questa sfaccettatura della comunicazione il calcio si deve e si dovrà adattare per mettersi al servizio del consumatore facendolo partecipare attivamente."

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Matteo Briolini, 19 anni, riminese doc. Ha frequentato il liceo classico e ora si accinge ad iniziare a studiare Giurisprudenza all'Università Cattolica di Milano, con l'obiettivo di diventare un giorno giornalista sportivo. Le sue grandi passioni sono il rock e lo sport. Adora lo storytelling sportivo.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu