Article image
,
3 min

- di Riccardo Verruso

Considerazioni sparse post 7a puntata di "Una Pezza di Lundini"


Settima puntata de "Una Pezza di Lundini" in grande spolvero, durante la quale si parla di musica, tennis e, soprattutto, della lepretta che si gira veloce.


- Dopo la sesta puntata un po' sottotono, durante la quale "comunque non si è bestemmiato", torna un nuovo episodio de "Una Pezza di Lundini", divertentissimo e frizzante per tutta la sua durata. Si alternano infatti interviste con ospiti che si mettono in gioco, lasciandosi prendere in giro e interagendo molto simpaticamente con Lundini ricordandoci le interviste della prima stagione (vedi quella con Cristiano Caccamo), a sketch esilaranti sia dentro sia fuori lo studio. Davvero molto bene questa settima puntata;

- Il primo ospite è Samuele Bersani, cantautore romagnolo di successo e molto influente a livello nazionale. La sua intervista è caratterizzata dalla proverbiale schiettezza di chi viene dalla Riviera, rispondendo a domande ed intervenendo durante tutta la chiacchierata con grande ironia, quasi rubando la scena a Lundini stesso. Dopo la scheda di Alessandro Gori, con cui si definisce l'aperitivo senza buffet "un crepuscolo senza ritorno", il fulcro dell'intervista consiste nella classificazione di canzoni di altri autori secondo una nuova scala di valori, cioè dal miglior pezzo di Bersani, "Replay", al suo peggiore "Il Domatore", tutto condito da parallelismi con il mondo animale. Con questi presupposti surreali, si scatena una gag esilarante, dove "Let it Be" dei Beatles è paragonata alle scimmie del mare e "Noi ragazzi di oggi" di Luis Miguel è classificata come "Domatorissimo". Beh, che dire;

- Parlando invece degli sketch della serata, si sente la grande assenza del medico Rapone, probabilmente la più apprezzata della nuova stagione. La settima puntata, però, sancisce il ritorno alla parola del Tenente Silvestri e il suo angolo della memetica: questa volta non mostra uno dei suoi meme "fatti a mano", ma si cerca di dar vita ad una GIF. Il risultato è un fantastico circo, dove Lundini cerca di coordinare tutto il cast presente in studio per collaborare nella realizzazione di questo esperimento sociale, restituendo anche al pubblico a casa il suo senso di ansia e frustrazione. Molto simpatica e per nulla telefonata la gag della coppia in albergo, con cui Lundini torna un po' alle origini dei suoi vecchi video presenti sul profilo Instagram. Continua invece a non convincerci Contacting Bowie;

- Funziona molto, invece, la seconda intervista della serata che ha come ospite Matteo Berrettini, tennista italiano attualmente al numero 9 del ranking ATP. Qui Lundini gioca molto e critica lo stereotipo del conduttore e, in generale, dell'italiano medio che considera tutti gli sport, eccetto il calcio, come minori, cercando sempre di creare sempre parallelismi fuori luogo con il mondo del pallone. Questo filo rosso si snoda quindi per tutta la durata della chiacchierata, partendo dalla scheda di Gori con "non mi ricordo neanche il nome", e continuando con il controllare più volte il nome dell'ospite sulla cartelletta. Memorabile è la "partita di tennis" inscenata tra Lundini e Berrettini, durante la quale ogni scambio è fatto con una racchetta di sport diverso, arrivando, in un escalation rossiniana, prima alla clave, poi al basso di Carmelo, e infine alle sedie e ad un bel "Goal!";

- La puntata si conclude con la grande trovata del "Dopo Pezza" condotto da Ema Stokholma e Gino Castaldo, esattamente in stile Festival di Sanremo (trasmissione che, tra l'altro, nel 2020 vedeva come ospite fisso proprio Valerio Lundini). In pochi minuti intervengono Emanuela Fanelli, che parla della diatriba che sta vivendo con la produzione del programma, e un Torpedine risentito nei confronti di Valerio. Il momento migliore del Dopo Pezza, resta però l'intervista a caldo a Bersani dopo la sua esibizione. "Complimenti come al solito".

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu