Article image
,
3 min

- di Redazione Sportellate

Italia-Repubblica Ceca: Mancini scalda i motori, ultimo test prima dell’Europeo


Dieci giorni al via dell’Europeo. L’Italia farà le prove generali nella sfida di venerdì 4 giugno contro la Repubblica Ceca con calcio d’inizio fissato alle ore 20.45. Al Dall’Ara di Bologna gli azzurri si troveranno di fronte un avversario decisamente più probante rispetto al San Marino, battuto 7-0 con reti di Bernardeschi, Ferrari, Belotti e le doppiette di Politano e Pessina.


Un 7 a 0 utile più che altro ad allungare la striscia statistica da favola di Roberto Mancini. Sette vittorie di fila, zero reti al passivo dall’11 novembre scorso e azzurri sempre a segno da quel giorno a oggi. L’ultima sconfitta dell’Italia è datata 10 settembre 2018, quando il Portogallo vinse contro una squadra che Mancini aveva preso in mano da poco e che doveva ancora plasmare. 

Oggi, rispetto ad allora, tutto è cambiato. Il commissario tecnico ha toccato le corde giuste e rivoluzionato un gruppo che era uscito con le ossa rotte dalla clamorosa eliminazione del Mondiale ad opera della Svezia. Mancini ha tenuto pochi veterani e ha scelto di ripartire dai talenti più puri, senza dover per forza affidarsi agli antichi “blocchi”. Ne è uscita una Nazionale che gioca bene, vince e sta piano piano riconquistando anche i cuori dei suoi tifosi. 

Il vero banco di prova però saranno gli Europei con esordio fissato l’11 giugno con la Turchia all’Olimpico e tappe successive il 16 con la Svizzera e il 20 con il Galles. Il girone nasconde delle trappole, ma se davvero Mancini vuole compiere l’impresa non può pensare di faticare contro squadre di questo tipo. La partita con la Repubblica Ceca sarà anche la prima con il vero gruppo che partirà per la rassegna continentale. La prima scrematura è già arrivata: fuori dai giochi Cragno, Biraghi, Ferrari, Castrovilli, Kean, Grifo e Raspadori. In squadra venerdì ci saranno i freschi campioni d’Europa Jorginho ed Emerson Palmieri, entrambi già sicuri del posto agli Europei. Il tecnico deve ancora “tagliare” due pedine: i ballottaggi sembrano essere tra Toloi e il difensore della Roma Mancini, e tra Pessina e Sensi.

Il grande escluso di questa prima scrematura.

Come detto contro la Repubblica Ceca il gruppo sarà già quello che giocherà agli Europei, a quel punto si entrerà nel vivo per capire gli undici su cui l’Italia punterà contro la Turchia. Il CT non è un dogmatico, sceglie spesso d’istinto e quindi l’amichevole sarà utile per capire chi sta meglio dopo una stagione lunga e logorante come quella disputata con i club. 

L’avversario non è di quelli dal blasone estremo, ma è squadra quadrata e con qualche talento cristallino come Schick, ex Roma e Samp, e Soucek, centrocampista del West Ham che si è già imposto in Premier League. Ci sarà anche un tocco d’Italia con il blucerchiato Jankto e il tuttocampista Barak del Verona. I cechi non sono stati per niente fortunati nel sorteggio per gli Europei. La squadra di Jaroslav Silhavy se la dovrà vedere contro Inghilterra e Croazia, mentre l’esordio sarà contro la Scozia il 14 giugno, sfida già decisiva: chi vince può mettere i bastoni tra le ruote alle due favorite per il passaggio del turno, chi perde ha già un passo fuori dalla rassegna continentale. 

La Repubblica Ceca ha giocato il suo ultimo match il 30 marzo perdendo contro il Galles 1-0 nelle qualificazioni ai prossimi Mondiali, sconfitta che ha vanificato il buon pareggio interno contro il Belgio (1-1) e la straripante vittoria 6-2 con l’Estonia. L’avversario probabilmente non è stato scelto a caso dall’Italia, i cechi sono una selezione molto organizzata che difende con tutti gli effettivi e poi si affida ai talenti sopra citati per fare male in contropiede. Uno spartito che gli azzurri, favoriti del girone, rischiano di dover affrontare sia contro la Svizzera che contro il Galles. 

L’attesa sta per finire, l’Italia dopo la delusione mondiale cercherà nel Vecchio Continente il proprio riscatto calcistico. I pronostici Europei di Wincomparator vedono gli azzurri piazzarsi subito alle spalle delle favorite. Francia e Inghilterra secondo gli esperti hanno qualcosa in più e sono bancate a 6,50, mentre gli azzurri nell’ipotetica griglia di partenza sono appena dietro insieme al Belgio. Le qualificazioni ai Mondiali, che hanno regalato molte sorprese, hanno confermato il processo di crescita dei ragazzi di Mancini che sono davanti a Germania, Spagna e Portogallo, ricche di fuoriclasse, e davanti anche all’Olanda. Quasi nessuno invece crede nella sorpresa Repubblica Ceca, quotata a 151 per la vittoria della rassegna. La Grecia del 2004 però insegna che in un mese tutti possono realizzare i propri sogni.

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Dal 2012 la Redazione di Sportellate.it interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu