Logo Sportellate
, 27 Maggio 2021

Considerazioni sparse post Venezia-Cittadella (1-1)


Partita tosta e sofferta, ma che alla fine premia il Venezia che torna in Serie A dopo quasi vent'anni.


- Si chiude il campionato di Serie B con una doppia finale tanto sorprendente quanto meritata: come già detto nella nostra scorsa puntata di Piano B, Venezia e Cittadella durante la stagione hanno dimostrato di essere squadre mature, costruite con criterio e guidate da due ottimi allenatori come Zanetti e Venturato. Il doppio confronto alla fine premia i lagunari, che tornano in Serie A dopo 19 tribolate stagioni;

- Il Cittadella tira fuori una "ruthless aggression" inaspettata, schiacciando completamente un Venezia che voleva impostarla sul contenimento, forte dell'1-0 nel match d'andata e della posizione migliore in classifica. Il vantaggio di Proia è giusto e meritato, con i lagunari che offensivamente sono praticamente nulla e in più chiudono in 10 uomini per l'espulsione sacrosanta e ingenua (a voler essere generosi) di Mazzocchi;

- La ripresa è la sintesi perfetta degli ultimi due mesi di questa fantastica Serie B: tensione alle stelle, gioco spezzettato ma mai casuale, sembra di assistere ad una partita a scacchi. I granata pressano tanto, arando le fasce con una determinazione da brividi, i neroverdi difendono cercando spazi in contropiede così come all'andata. Ed è così che arriva il gol che chiude il discorso con Bocalon in pieno recupero;

- Inutile nasconderlo, il Venezia ha completamente cannato la gara, ma questo non deve intaccare il giudizio sulla stagione: partita sottotraccia, ha conquistato partita dopo partita un posto al sole, forte di un gioco estremamente flessibile, con la capacità di adattarsi agli avversari. Un gruppo che si è unito attorno al grande artefice di questa promozione: Paolo Zanetti, allenatore che ha dimostrato di avere idee brillanti e un'ottima capacità di lettura delle partite. Un prototipo del primo Allegri bianconero, tecnico da tenere sott'occhio;

- Ennesima finale play-off persa per il Cittadella di Venturato, ennesimo derby perso dopo quello con l'Hellas, ennesima beffa. Un ritorno dominato in lungo e in largo senza però trovare il colpo di grazia. Un peccato mortale, ma che non pregiudica l'ottimo lavoro fatto in queste stagioni dal tecnico e dalla società, capaci di creare stagione dopo stagione rose sempre più complete ed intriganti. Manca sempre il quid decisivo per lo scatto in Serie A, ma il risultato non può e non deve intaccare il giudizio più che positivo della stagione.

  • Siciliano Doc classe '92, laureato in comunicazione. Cresciuto a pane e sport, innamorato del Giro d'Italia e della pista di Spa, fruitore di ogni campionato di calcio, amante degli attaccanti alla Aduriz e di ogni sport in generale. Cresce coltivando il desiderio di diventare giornalista sportivo sognando di toccare l'erba di San Siro.

Ti potrebbe interessare

Storia della bromance Eze-Olise

Il trasferimento di Olise al Bayern segna la fine di una delle più belle coppie dell'ultima Premier League.

Con Alisha Lehmann non si parla mai di calcio

Douglas Luiz è il suo fidanzato, ma a tutti interessa il contrario.
,

Douglas Luiz è un salto in avanti per la Juventus

L'acquisto del centrocampista brasiliano è uno dei colpi più importanti del calciomercato italiano.

Non sottovalutate la Svizzera

La vittoria contro l'Italia ha mostrato la qualità del lavoro di Yakin.

Dallo stesso autore

Dieci momenti per ricordare Bray Wyatt

Un personaggio dalla creatività straordinaria.

Mondiale 2022: guida alla Croazia

Dopo la finale della scorsa edizione, la Croazia sta attraversando […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu