Article image
2 min

- di Marco Maso

Considerazioni sparse post Marvin Vettori vs Kevin Holland


Marvin Vettori vince ancora, sigla il nuovo record di takedown messi a segno in un incontro e chiede a gran voce un match valido per il titolo.


- Nonostante il recentissimo cambio di avversario, Marvin Vettori mostra fin dal pre-match di essere prontissimo per l’incontro. Il taglio del peso è perfetto, la forma è smagliante, il trash-talking è assiduo e sembra entrare nella testa di Kevin Holland già al face-to-face;

- Parte benissimo Holland che non permette all’italiano di trovare le distanze nei primissimi minuti all’interno dell’ottagono e lo colpisce diverse volte grazie al suo imprevedibile striking. Nella seconda metà del round è però il lottatore trentino a salire in cattedra e ad iniziare il suo ‘takedown-show’;

- Vettori continua a dominare l’incontro in modo nettissimo fino al termine quarto round. Grazie al suo Octagon-IQ ed al suo grappling, Marvin mette il match in discesa, tenendo Holland a terra per lunghissima parte dei round tra continui passaggi di guardia, ground-and-pound e tentativi di arm-triangle-choke;

- Il quinto round è una formalità per l’azzurro che non cede alle provocazioni ed ai (pochi) colpi di Big Mouth. Vettori controlla l’avversario a terra, dimostrando ancora una volta di essere il miglior fighter della categoria quando si parla di grappling. Alla fine del match saranno undici i takedown messi a segno da Vettori, nuovo record UFC per la categoria;

- Nonostante una schiacciante vittoria ai punti (50-44 per The Italian Dream il risultato finale per decisione unanime della giuria), una streak di 5 vittorie, gli encomi di Dana White, Nate Diaz ed altri fighter, il continuo dissing con Adesanya e le dichiarazioni dello stesso Vettori a fine match (il quale ha chiesto a gran voce una title-shot come prossimo match), si fanno remote le possibilità di un duello con Adesanya verso la fine dell’anno. Più probabile (a meno di una remotissima sconfitta per Whittaker la settimana prossima nel match contro Gastelum) un nuovo incontro con un Top-5 della Middleweight Division tra Costa, Cannonier o Till.


 

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Marco Maso, classe 1997. Laureando in Scienze Motorie, nutre una sorta di ossessione verso tutti gli sport, in particolare verso la vena di Daniele De Rossi, la versatilità di Devin Booker, la mano sinistra di Rafael Nadal, l'eclettismo di Remco Evenpoel. Nel tempo libero ama allenare. Scrive della grandezza dell'NBA, dell'imprevedibilità del College-Basketball e del fascino dell'Eurolega.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu