Logo Sportellate
, 23 Febbraio 2021

Considerazioni sparse post Atletico Madrid-Chelsea (0-1)


L’Atletico del Cholo é troppo brutto per essere vero.


- All’Arena Națională di Bucarest, il Chelsea di Tuchel gioca una partita ordinata, intensa e di grande qualità portando a casa un successo strameritato grazie ad un gol favoloso dell’infinito Giroud. Atletico del Cholo non pervenuto;

- Non pervenuto e la cosa ci sorprende. L’Atletico Madrid 2020/2021 di Simeone è una squadra a cui piace proporre calcio e fa strano vederlo rinchiuso per 90 minuti nella propria metà campo con un tanto timido quanto inutile 6-3-1. Questo Atletico, rispetto alle precedenti recenti versioni, ha meno nelle sue corde la classica partita da “catenaccio & contropiede” e per questo ci aspettavamo più coraggio. Gli zero tiri in porta di stasera sono l’emblema di una partita preparata male e giocata peggio;

La disposizione tenuta dall’Atletico per grandissime parti del match.

Chelsea- Merito sicuramente anche di un Chelsea brillantissimo, capace di muovere la palla da una parte all’altra del campo alla velocità della luce, con Jorginho e Kovacic sempre nel vivo del gioco e gli esterni sempre altissimi. La rovesciata vincente di Giroud è la giusta ricompensa per quanto visto in campo;

- Ai “colchoneros” stasera è mancato terribilmente Suarez che quando si alza la fisicità delle difese avversarie tende a fare piuttosto fatica in questa fase della sua carriera. Male anche Joao Felix da cui è lecito aspettarsi mooolto di più. L’assenza di Trippier sta pesando più del previsto. Nel Chelsea benissimo tutti con Mason Mount, Kovacic e Jorginho sugli scudi. Purtroppo per i Blues peró, proprio il primo ed il terzo mancheranno al ritorno causa squalifica. Ah, Mendy è sicuramente un bel portiere, ma oggi, non venendo mai impegnato tra i pali abbiamo potuto ammirare solo il suo gioco con i piedi: ecco, c’è tanto (ma tanto) da lavorare;

- Da queste due settimane europee, l’impressione che ci resta è che le squadre inglesi ne abbiano un po’ di più. Non siano necessariamente più forti. Non abbiano necessariamente i giocatori migliori. Ma siano più intense. Abbiano più benzina. Forse abituarsi a giocare ogni weekend contro squadre di livello alto e simile (per rendere l’idea sulla competitività della Premier il Tottenham di Kane e Mourinho è nono, l’Arsenal undicesimo) aiuta ad impattare come si deve partite del genere.

  • Nato a Rimini l’11/06/1990. Laureato in Giurisprudenza, adora disquisire di sport ed America. Ogni tanto scrive, solitamente legge. Sogna un giorno di poter assistere ad una partita allo Staples al fianco di Jack Nicholson.

Ti potrebbe interessare

Come si fa a non amare John McGinn?

Dalla Premiership scozzese alla Champions League, senza mai smettere di sorridere.

11 sorprese della Premier League 2023/24

La Top XI senza le grandi squadre.

Olivier Giroud è stato unico

Il francese ha lasciato il Milan da eroe.

Premier League 2023/24, la squadra della stagione

Una squadra abbastanza fluida per un campionato abbastanza fluido.

Dallo stesso autore

Premier Padel 2023: il calendario e le tappe italiane 

Proseguono le gare di padel del Premier Padel 2023, e […]

Fragilità e sport, con Federico Buffa

Incontrare Federico Buffa, è sempre un piacere. “Amici Fragili” è […]

L'organizzazione tragicomica delle ATP Finals di Torino

Tutto il caos di quello che doveva essere un grande […]

I 5 profili social dei calciatori da seguire assolutamente

Non i più belli. Non i più forti. Non i […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu