Logo Sportellate
, 13 Febbraio 2021

Considerazioni sparse post Spezia-Milan (2-0)


Lo Spezia ha giocato la partita perfetta.


- Nell’attesa della sfida scudetto di settimana prossima, il Milan è alla ricerca di 3 punti contro uno Spezia che tanto ha fatto soffrire le grandi in questo campionato. Squadra titolare al completo ad eccezione di Calabria, fuori per un turno di stop per squalifica cercata per non rischiare la presenza nel derby;

⁃ Le cose sono meno facili del previsto però; il primo tempo è piuttosto complicato per i rossoneri, che non riescono mai ad essere concreti e pericolosi a differenza dello Spezia, che non buca la porta avversaria solo per colpa di un grande intervento di Donnarumma. Da menzionare soprattutto la poca lucidità degli uomini di punta di Pioli: Calhanoglu e Bennacer su tutti, commettono veramente tanti errori tecnici;

Se nel primo tempo lo Spezia ha seminato bene, nel secondo ha raccolto tutti i frutti delle sue fatiche: due reti di caparbia e talento in 10 minuti, senza alcuna reazione da parte del Milan, in totale balia del suo avversario. A nulla servono i cambi di Pioli, che non spostano in alcun modo gli equilibri della gara, di fatto dominata dall’inizio alla fine dagli uomini di Italiano;

⁃ Fin dall’inizio della partita lo Spezia è sembrato in grande forma, mostrando un approccio compatto e aggressivo alla partita; il dominio sui rossoneri è evidente soprattutto sulla fascia sinistra, con le incursioni di Bastoni, Maggiore, autori delle due reti, e Saponara, ma il protagonista assoluto è stato Agudelo, artefice dell’azione a tutto campo che ha portato gli uomini di Italiano al primo gol;

⁃ E così alla vigilia della partita più importante del campionato, il Milan sembra arrivare con il fiato corto e poche idee nelle gambe. Tradiscono soprattutto i titolarissimi, tanto attesi al rientro dagli infortuni, ma tradisce anche Pioli, in netto ritardo sui cambi, che comunque faticano ad incidere sulla gara. Per tenersi in corsa sull’Inter, bisognerà tirare fuori gli artigli domenica prossima e sperare in un passo falso dei nerazzurri domani contro la Lazio.

  • Khrystyna Gavrysh, 4.9.90, nata in Ucraina e cresciuta in Italia. Laureata in Giurisprudenza a Ferrara ed attualmente dottoranda in diritto internazionale all’Università di Padova. Grande appassionata di diritti umani, di Quentin Tarantino e di sport. Milanista fino al midollo, ovviamente per colpa dell’usignolo di Kiev, e incapace di rivedere un gol di Superpippo senza farsi venire la pelle d’oca.

Ti potrebbe interessare

Come Paulo Fonseca si è ricostruito a Lille

A un passo dal lasciarsi, Fonseca e il Lille si sono ritrovati.

Olivier Giroud è stato unico

Il francese ha lasciato il Milan da eroe.

Il tracollo del Milan nel rumore del silenzio

Breve cronaca del tracollo, silenzioso ma assordante, della squadra rossonera.

La Via Crucis del Milan nel Derby

Tutti i Derby dell'ultimo anno e mezzo: un clima sempre più teso, un Milan sempre più mesto.
,

Dallo stesso autore

Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu