Article image
,
2 min

- di Lorenzo Lari

Considerazioni sparse post Torino-Fiorentina (1-1)


Il Torino, pur giocando quasi mezz’ora in 11 contro 9, resta l’unica squadra a non aver mai vinto in casa in serie A.


- È stata una bella partita ed onestamente la cosa ci ha quasi sorpreso. Purtroppo per i Granata però, neppure oggi, nella giornata in cui la Regione Piemonte ha approvato un disegno di legge che istituisce la “Giornata in memoria del Grande Torino”, è arrivata la prima vittoria in casa stagionale;

- Segnali e coincidenza a parte, la cosa più preoccupante per il Torino è che la squadra di Nicola ha disputato quasi 30 minuti in 11 contro 9. Sono stati i 30 minuti però giocati peggio dal Torino, che fino all prima espulsione Viola si era fatto preferire alla squadra di Prandelli per voglia, piano gara ed occasioni da gol;

- Dal 71esimo in poi però, il buio più totale. In 11 contro 9 il Toro ha sentito terribilmente la pressione di dover vincere a tutti i costi ed ha rinunciato completamente a giocare, accontentandosi di crossare in maniera sconclusionata e ripetitiva dalla trequarti. Belotti al 89esimo evita il dramma sportivo;

- Vogliamo fare un plauso a Cesare Prandelli, spesso criticato anche su questi canali. La scelta di togliere Venuti e non rinunciare una volta rimasto in 10 a nessuno tra Ribery, Bonaventura e Vlahovic, è stata coraggiosa ed azzeccatissima. Ha permesso alla Fiorentina di poter continuare ad essere pericolosa (almeno fino alla seconda espulsione) ed il fatto che il gol (bellissimo) l’abbiano proprio confezionato Ribery e Bonaventura è la giusta ricompensa per l’audace decisione presa;

- Capitolo singoli. Singo ha mezzi atletici spaventosi, ma ha ancora pochi minuti di calcio giocato in gambe e testa. I margini di miglioramento sono sicuramente interessanti. Bene Buongiorno. Belotti e Zaza iniziano a trovarsi con una certa continuità. Nei Viola Castrovilli e Milenkovic (Gallo anche meno però...) compiono due sciocchezze imperdonabili. Il gol di Ribery è di una bellezza rara. Promosso ancora Vlahovic a cui è veramente mancata solo la gioia del gol. Amrabat si esalta nelle difficoltà.

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

nato a Rimini l’11/06/1990. Laureato in Giurisprudenza, adora disquisire di sport ed America. Ogni tanto scrive, solitamente legge. Sogna un giorno di poter assistere ad una partita allo Staples al fianco di Jack Nicholson.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu