Logo Sportellate
, 17 Gennaio 2021

Considerazioni sparse post Napoli-Fiorentina (6-0)


La squadra col peggiore rapporto xG prodotti e gol realizzati di tutto il campionato oggi trova il gol praticamente ad ogni conclusione.


- Napoli che davanti gioca con intelligenza e lucidità, sfruttando alla perfezione le catene esterne dove i viola hanno sofferto come non mai Insigne e Lozano, letali in transizione;

- L'impressione generale è che con il doppio mediano (Demme + Bakayoko) gli azzurri abbiano trovato il loro centro di gravità permanente: il tedesco, gol a parte, è il collante necessario per proteggere la retroguardia senza pagare troppo a inizio azione. Un collante che lo sfortunato Fabian, cui vanno gli auguri per la guarigione, non ha saputo ancora essere;

- La Fiorentina ha i suoi demeriti evidenti (fra cui le scelte di Prandelli, che letteralmente si consegna agli avversari schierando 3 attaccanti, 2 esterni offensivi e Castrovilli lasciando il solo Amrabat a protezione della difesa), ma non ha giocato nemmeno così male come dice il risultato: non poche infatti sono occasioni per trovare l'1-1. Letali, per la squadra di Prandelli, le transizioni negative inefficaci a contrastare le ripartenze azzurre, con la gara praticamente finita al raddoppio azzurro;

- Misteri del calcio: la squadra col peggiore rapporto xG prodotti e gol realizzati di tutto campionato oggi ha capitalizzato tutte le potenziali occasioni da gol, trovando il gol praticamente con chiunque andasse alla conclusione;

- Una gara insomma in cui il Napoli gioca bene e gli riesce praticamente tutto, pagando in un certo senso il suo conto con la sorte dopo la gara con lo Spezia: un segnale incoraggiante in vista della sfida di mercoledì in Supercoppa contro la Juventus. A patto che in questa partita a palla avvelenata che è la stagione del Napoli, la musica si fermi proprio quando c'è questa versione cinica e non quella sprecona vista in altre partite.

  • Nato per puro caso a Caserta nel novembre 1992, si sente napoletano verace e convinto tifoso azzurro. Studia Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi di Napoli "Federico II", inizialmente per trovare una "cura" alla "malattia" che lo affligge sin da bambino: il calcio. Non trovandola però, se ne fa una ragione e opta per una "terapia conservativa", decidendo di iniziare a scrivere di calcio e raccontarne le numerose storie. Crede fortemente nel divino, specie se ha il codino.

Ti potrebbe interessare

Perché l'Acerrana ha lo stemma del Torino?

Cosa lega Acerra, l'Acerrana e il Grande Torino?

Il calendario calcistico è saturo

Trovare date libere per i recuperi delle partite rinviate è diventato un grosso problema.

Il caso Acerbi-Juan Jesus è chiuso

Il Giudice Sportivo ha ritenuto di non poter sanzionare il difensore dell'Inter.

Gianluca Gaetano è finalmente nel posto giusto

La continuità nel Cagliari di Ranieri è ciò che serviva a lui e ciò che gli servirà anche in futuro.

Dallo stesso autore

9 gol per ricordare Fabio Quagliarella

Celebriamo così la carriera di uno straordinario esteta del gol.

Che fine ha fatto Jesper Lindstrom?

Abbiamo raccolto tutte le comparsate del danese.

Tu me diciste: «Sì» 'na sera 'e maggio

La notte dei festeggiamenti del Napoli vissuta da Largo Maradona.

Tutti gli esoneri del presidente

Un estratto dell'articolo su Maurizio Zamparini che trovate nel nostro magazine.
1 2 3 8
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu