Interventi a gamba tesa

Il Milan parla francese: occhi su Simakan dello Strasburgo

Simakan

Foto: Twitter @RCSA


Secondo quanto riportato da numerose fonti, i rossoneri avrebbero puntato il proprio mirino di mercato sul ventenne centrale di Marsiglia.


“Non c’è due senza tre”, dice un famoso proverbio. Dopo l’arrivo dell’ex Lione Pierre Kalulu a parametro zero e lo sbarco in Italia nel 2019 di un Theo Hernandez diventato nel frattempo patrimonio inestimabile rossonero, il Milan sarebbe pronto a piazzare l’ennesimo giovanissimo colpo francese in difesa.

Nel mirino di Frederic Massara e Paolo Maldini, ecco infatti il classe 2000 Mohamed Simakan, talentuoso centrale di proprietà dello Strasburgo. Una possente roccia di 187 cm per 82 kg per la quale il club di Paolo Scaroni sarebbe pronto a mettere sul piatto un’offerta da circa 15 milioni di euro più tre di bonus. Somma importante per un ragazzo arrivato quest’anno alla sua 37esima presenza in Ligue 1 e diventato, dopo l’esordio in maglia blu del 25 luglio del 2019 nel preliminare di Europa League contro il Maccabi Haifa, vero e proprio giocatore chiave nel 4-4-2 del tecnico Thierry Laurey.

Una prova? Simakan è partito titolare in tutte le 18 sfide di campionato fin qui disputate dallo Strasburgo e occupa al momento il terzo posto nella classifica degli Under 21 più impiegati nell’intera massima serie francese (1.573 minuti totali e soltanto 47 giri d’orologio saltati). Numeri da record.

Tuttofare

Bravo in fase di impostazione e provvisto di un ottimo lancio lungo, il numero 2 francese abbina uno strapotere fisico ad una buona velocità. Doti che lo rendono a dir poco difficile da superare nell’uno contro uno. Secondo quanto riportato sulla piattaforma di raccolta dati WhoScored, Simakan ha finora fatto registrare 1,7 passaggi intercettati a partita nella sua stagione in Ligue 1. Numero analogo alla quantità di contrasti vinti in ogni gara disputata.

Quasi quarantaquattro, invece, i passaggi effettuati in media (l’82% di questi ultimi riusciti), statistica che rafforza la sua importanza nel far partire dal basso la manovra della propria squadra. Pericoloso quando attacca e forte di testa – emblematico, a tal proposito, il gol messo a segno quest’anno contro il Metz -, il ventenne cresciuto nelle giovanili del Marsiglia è spesso protagonista nel giro palla avanzato dei suoi (0,8 i suoi tiri per match). Qualità che fanno di lui una sorta di tutto fare arretrato.

Progetto giovane

Primo posto in A con 37 punti conquistati. Uno in più dell’Inter seconda. Terzo miglior attacco del campionato con 35 gol fatti e quarta miglior difesa con 19 reti subite. Numeri da grande per un Milan tornato grande. Frutto del grande lavoro svolto con i giovani da Stefano Pioli e dall’intero club rossonero, attualmente prima società in massima serie per età media più bassa relativa agli undici giocatori scesi in campo nei primi 16 turni (23,7 anni).

Col mercato che comincia ad entrare nel vivo, ecco quindi la volontà di bruciare la forte concorrenza del Lipsia per arrivare a Simakan e rafforzare la propria linea difensiva con un giovane talentuoso e di sicura prospettiva. Un centrale duttile, capace di destreggiarsi bene anche sulla fascia destra. Un ragazzo già capace di affrontare e superare le grandi difficoltà date dalla rottura dei legamenti del ginocchio nel luglio del 2018 e imporsi come uno dei migliori giovani prospetti della Ligue 1.

Cagliaritano, classe '96. Laureato in Scienze Politiche ed ex stagista alla Gazzetta dello Sport. Pallavolista da quando ho memoria, amo i libri, i viaggi, il mare e lo sport. Raccontarlo è la mia passione.